Resta sintonizzato

Attualità

Sebastien Haller e la scoperta del tumore: “Dopo gli esami ero sotto choc, ma adesso sto meglio e non vedo l’ora di tornare”

Pubblicato

il

‘Guadagnano tanto’, ‘fanno la bella vita’, ‘devono giocare sempre’, ‘sono fortunati’. Quante volte abbiamo sentito queste frasi, rivolte ai calciatori professionisti, quasi come se non fossero esseri umani, quasi come se la loro condizione di vita agiata infastidisse i più.

Purtroppo, come tutti gli esseri umani, anche i calciatori sono vulnerabili, anche loro possono soffrire e ammalarsi. La storia che vi stiamo per raccontare, è quella di Sebastien Haller, attaccante ivoriano trasferitosi quest’estate dall’Ajax al Borussia Dortmund. Ebbene, quando tutto sembrava volgere per il meglio con l’inizio della stagione alle porte, è arrivata la drammatica notizia: tumore ai testicoli.

Pertanto, il peggio sembra passato e adesso Haller, guarda con positività al futuro:

“Sto vivendo una situazione nuova, inaspettata, soprattutto per me e la mia famiglia. Posso comunque ritenermi fortunato ad avere tante persone intorno a me che mi vogliono bene, e dei medici e del personale che mi hanno aiutato tanto. Sono tornato a camminare, correre, posso passare del tempo con i miei cari, quindi va tutto bene”.

Poi, l’attaccante ivoriano, si è soffermato sul momento della scoperta del tumore:

“Mentre mi allenavo sentivo sensazioni strane allo stomaco. Ne ho parlato allo staff, che mi ha immediatamente sottoposto ad un’ecografia e ad una risonanza. Si è capito subito quale fosse il problema. Quando ho sentito la parola tumore, sono rimasto sotto choc. In quel momento ho pensato che non avrei potuto giocare per il Borussia, e ne ero molto dispiaciuto. Il club aveva voluto fortemente il trasferimento, sborsando 30 milioni di euro. Poi, ho preso atto che comunque non è stato un qualcosa dipeso da me. Dopo l’operazione sono rimasto in ospedale per cinque giorni. Solo flebo, senza muovermi dal letto. Ho perso forza e forma fisica, ma quando sono tornato mi sono messo a camminare nel bosco e poi sono andato in palestra”.

Infine, parla della possibilità di tornare in campo:

“Controllo ogni giorno il mio corpo. Non ho perso molto a livello fisico rispetto a qualche settimana prima della scoperta della malattia, è un buon segno. Spero resti tutto com’è adesso. Non so quando tornerò a giocare, credo che ci vorrà ancora qualche mese ma l’importante, in questo momento, è non perdere troppa massa muscolare. Ho già fissato il mio obiettivo: voglio giocare e segnare subito davanti al muro giallo dei tifosi. Credo che sarà un momento davvero emozionante”.

Attualità

Maltempo, tragedia sfiorata al Vomero: albero cade al suolo e distrugge un’auto

Pubblicato

il

Violento nubifragio abbattutosi nella giornata di ieri sulla Campania, che ha causato numerosi danni e disagi. In particolare, al Vomero si è sfiorata la tragedia. Infatti, un albero è caduto al suolo distruggendo un’auto. A segnalare l’episodio, ci ha pensato un cittadino, che si è così rivolto al Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli:

“Ce la siamo cavata per un pelo. Quell’auto era tre metri da noi”.

Non si fa attendere la replica di Borrelli e Rino Nasti, consigliere municipale di Europa Verde:

“Abbiamo chiesto al Comune di rimuovere l’albero caduto e di effettuare delle verifiche sugli altri per evitare situazioni pericolose o anche peggiori, dato anche il prorogarsi dell’allerta meteo. Non è la prima volta che si verifica un evento del genere. Era lo scorso luglio, quando abbiamo denunciato un altro albero crollato al Vomero nei giardinetti di Piazza Quattro Giornate. Occorre far prevenzione prima che possa verificarsi una tragedia”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Tutte le novità’ sulle terapie al congresso dei reumatologi

Pubblicato

il

La Reumatologia negli ultimi anni ha avuto un periodo di particolare evoluzione grazie alle importanti acquisizioni offerte dalla ricerca scientifica dal punto di vista della comprensione delle basi genetiche e dei meccanismi fisiopatologici delle malattie reumatiche. La più approfondita conoscenza della patogenesi ha permesso lo sviluppo e l’introduzione nella pratica clinica di farmaci biotecnologici e “small molecules”, farmaci per uso orale, che hanno rivoluzionato l’approccio terapeutico alle malattie reumatiche, permettendo di raggiungere sempre di più la remissione di malattia, consentendo di proporre “una medicina di precisione”. Partendo da questi presupposti, il Congresso SIR Crei della Campania è stato pensato con l’intento di affrontare in maniera sempre più multidisciplinare i diversi aspetti delle malattie reumatiche coinvolgendo: dermatologi, gastroenterologi, oculisti, infettivologi, ortopedici ecc.”.

E’ quanto afferma Enrico Tirri, organizzatore del Congresso, Direttore della UO di Reumatologia dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli e Consigliere Nazionale della SIR (Società Italiana di Reumatologia) alla vigilia del Congresso SIR e Crei (Collegio Reumatologi Italiani) Campania 2022, che si svolgerà a Napoli dal 30 settembre al 1 ottobre all’Hotel Renaissance Mediterraneo. Inoltre, Tirri aggiunge: “Sono in programma anche relazioni dedicate alle nuove linee di indirizzo, della Regione Campania, alla prescrizione dei farmaci biologici/biosimilari in artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondilite anchilosante, che i reumatologi della Campania, per primi hanno prodotto a livello nazionale”.

Al Congresso saranno presenti Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia e Daniela Marotto, Presidente del Collegio dei Reumatologi Italiani; l’appuntamento vedrà la partecipazione attiva di molti giovani reumatologi afferenti a strutture reumatologiche universitarie, ospedaliere e territoriali della Campania. Parteciperanno in qualità di Presidenti onorari del Congresso Raffaele Scarpa e Stefano Stisi. Saranno, inoltre, presenti figure di spicco della reumatologia italiana tra cui:

Francesco Ciccia Professore Ordinario di Reumatologia Università della Campania “L. Vanvitelli”, Roberto Caporali Professore Ordinario di Reumatologia dell’Università di Milano, Giandomenico Sebastiani Direttore UOC di Reumatologia Ospedale San Camillo di Roma e Presidente eletto della Società Italiana di Reumatologia,  Antonio del Puente Professore Associato di Reumatologia Università di Napoli Federico II di Napoli e tanti altri. Gli aspetti dermatologici delle malattie reumatiche saranno relazionati da Gabriella Fabbrocini Professore Ordinario di Dermatologia dell’Università di Napoli Federico II. Si parlerà anche di Covid e malattie reumatiche con Alessandro Perrella Direttore UOC Malattie Infettive Emergenti ad alta contagiosità Ospedale Cotugno di Napoli.

Sarà presente con una relazione sui farmaci biosimilari anche Ugo Trama, Dirigente Responsabile Politiche del Farmaco della Regione Campania. I pazienti reumatologici saranno rappresentati al Congresso da diverse associazioni dei malati reumatici che parteciperanno ad una tavola rotonda a loro dedicata.

Continua a leggere

Attualità

Casolaro consegna il premio “Miglior Servizio di Sala” per la “Guida Pizzerie d’Italia 2023” del Gambero Rosso

Pubblicato

il

Anche quest’anno Casolaro Hotellerie consegna il premio speciale “Miglior Servizio di Sala” assegnatodal Gambero Rosso nell’ambito della presentazione Guida Pizzerie d’Italia 2023 alla Mostra d’Oltremare di Napoli, il riconoscimento va alla pizzeria pugliese Canneto Beach 2 che opera a Margherita di Savoia (BT). A consegnare il premio speciale Maria Vittoria Casolaro, responsabile divisione eventi della Casolaro Hotellerie, accompagnata da Vittorio Casolaro, responsabile divisione Grafica e personalizzazione, oltre al premio, la consegna di uno speciale piatto realizzato in occasione di questo evento speciale.

Così commenta- Maria Vittoria Casolaro: “Quando è stato istituito il premio ‘Miglior servizio di sala’ ci è sembrato quasi che Gambero Rosso ci stesse chiedendo, in modo indiretto, attraverso questo prestigioso riconoscimento di suggellare la nostra collaborazione. Ed è proprio così, non riesco a immaginare veicolo migliore per comunicare l’esperienza di Casolaro attraverso il fantastico mondo del Gambero Rosso, fatto di maestri di cucina, di pizzeria, di pasticceria ma anche di prodotti, materie prime e attrezzi nati per esaltare e per fare arrivare sulla tavola tutta la passione e l’amore per la cucina.

Questo è il pensiero espresso dalla portavoce di Casolaro Hotellerie, azienda specializzata nelle forniture alberghiere, da cinque generazioni, una riflessione che parte da un concetto semplice: ogni locale è uguale solo a sé stesso.A tal proposito aggiunge: “Ci sarà sempre un folle che ha una storia da raccontare, ha un percorso da comunicare, un’idea da realizzare e che può esprimersi solo cucinando. La nostra abilità è quella di interpretare i sogni, le aspirazioni e le intuizioni di chi attraverso il cibo vuole innanzitutto rappresentare sé stesso. L’ingrediente principale è la passione per quello che si fa, perché tutto ciò che si fa col cuore arriva sempre, inesorabilmente, al cuore.” Un buon piatto, una buona pizza, un buon dolce, se servito con eleganza, maestria e professionalità diventerà un’altra cosa: un evento…Un qualcosa che si rinnoverà ogni volta che lo si presenterà.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante