Resta sintonizzato

Caivano

Caivano, Parco Verde: Carabinieri arrestano 2 pusher in erba

Pubblicato

il

Continuano i servizi anti-droga a Caivano con i Carabinieri della locale compagnia che hanno arrestato 2 giovani pusher.

A finire in manette per detenzione di droga a fini di spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali un 19enne incensurato del posto. Durante una perquisizione in un edificio dell’isolato c6 i militari hanno trovato il ragazzo in un appartamento adibito a piazza di spaccio. Alla vista dei militari il 19enne fugge, cade, ma nonostante le ferite si rialza e tenta di mimetizzarsi tra la fitta vegetazione. I Carabinieri però lo inseguono e con non poche difficoltà riescono a bloccarlo. Per uno dei Carabinieri un trauma toracico mentre per il 19enne – medicato all’ospedale San Giuliano e ora rinchiuso in carcere in attesa di giudizio – una ferita lacero contusa alla testa e qualche escoriazione.
L’appartamento in questione è stato sequestrato così come tutto ciò che era al suo interno. Rinvenute e sequestrate alcune dosi tra eroina e marijuana e diverso materiale per il confezionamento.
Stessa sorte anche per un bilancino di precisione e l’intero sistema di video sorveglianza (composto da telecamera, due monitor e un tablet) utilizzato per monitorare la zona degli affari illeciti.
Rinvenuti e sequestrati anche la somma contante di 273 euro e un telefono cellulare.

Durante le operazioni i Carabinieri della stazione di Caivano hanno arrestato anche Sebastiano Colinto*, 22enne di Brusciano già noto alle forze dell’ordine.
I Carabinieri lo hanno fermato tra le strade del Parco Verde nei pressi dell’isolato c4. Perquisito, è stato trovato in possesso di 49 dosi di cocaina e 64 dosi di eroina. Sequestrata anche la somma di 98 euro ritenuta provento del reato. L’arrestato, trasferito nel carcere di Poggioreale, dovrà rispondere di detenzione di droga a fini di spaccio.

Caivano

CAIVANO. Il Sindaco al posto di prendere le distanze dalla camorra querela i giornalisti.

Pubblicato

il

CAIVANO – C’è qualcosa che non va nei pensieri del Sindaco Enzo Falco. Che fosse un politico sprovveduto, questo, l’ho sempre scritto ma che avesse anche le idee confuse, questo non me lo sarei mai aspettato.

Ieri nel mio editoriale (leggi qui), ho chiesto alla fascia tricolore di fare chiarezza, di rispondere ad alcuni miei quesiti e contestualmente spiegare ai cittadini caivanesi perché nella città da lui amministrata non si è ancora tentato di indire una gara pubblica sulla raccolta rifiuti, visto che negli ultimi giorni la camorra ha fatto capolino sull’argomento attraverso missive minatorie all’indirizzo di un coordinatore cittadino.

In realtà stamattina la risposta da parte del primo cittadino c’è stata. Ho saputo che Enzo Falco ha querelato sia il sottoscritto che il collega Ciro Pisano che in un suo articolo gli ha chiesto, invece, di prendere pubblicamente le distanze dalla camorra e dalla criminalità organizzata sul territorio.

Insomma il sindaco querela i giornalisti che lo invitano ad agire contro la criminalità organizzata. E la camorra? Mio caro Sindaco la camorra dove la mettiamo? Ne vogliamo parlare?

Perché se un giornalista chiede ad un Sindaco lumi sulla mancata pubblicazione di una gara europea sui rifiuti, visto che l’argomento diventa scottante perché da indiscrezioni la criminalità organizzata vuole mettere le mani sull’appalto e un altro giornalista, esplicitamente chiede di prendere le distanze dalla camorra e dalla criminalità organizzata, il Sindaco, alla fine, al posto di prendere le distanze dalla camorra querela i giornalisti?

Il dubbio ora mi assale ancora di più. Cos’è che il Sindaco ritiene sia più giusto? Comunicare ai cittadini la sua distanza da alcuni ambienti o querelare i giornalisti per zittirli o nella peggiore delle ipotesi, giustificarsi davanti alla Magistratura un domani che qualche nostro articolo, come accaduto già in passato – guarda caso sempre sui rifiuti – apra gli occhi in Procura?

Spero vivamente di essere chiamato quanto prima dal Pubblico Ministero perché ho ancora tante altre cose da dire. Come scriveva Pasolini nel 1974: “io so ma non ho le prove”. Ai posteri l’ardua sentenza!

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Mentre il Sindaco gioca a fare l’antimafia la camorra tenta di mettere le mani sui rifiuti

Pubblicato

il

CAIVANO – Nell’ultimo comune a nord di Napoli la raccolta rifiuti rappresenta una dannazione. Da sempre la politica non è in grado di mettere su un bando di gara ad indizione pubblica di tipo europeo per assicurare ai cittadini un servizio degno dei soldi che pagano all’ente attraverso la TARI.

Cambiano i musicanti ma la musica è sempre la stessa. Oggi gli attori non sono più quelli di sei anni fa, a partire dalla politica per finire ai dirigenti, eppure i problemi rimangono. Le ultime notizie dei rinvii a giudizio sulle indagini svolte dalla magistratura sulla gara truccata assegnata alla Buttol srl nel 2016, a queste latitudini, non hanno insegnato nulla.

Appariva strana, infatti, la voglia del primo cittadino, nascondendosi dietro alla Green Line e al fatto che fosse una ditta ad Amministrazione Pubblica gestita dalla Prefettura, di formare un’azienda in house del Comune di Caivano. Stonava la sua caparbietà nel voler creare un nuovo carrozzone clientelare in stile I.Gi.Ca. e forse oggi abbiamo le risposte.

Mentre la fascia tricolore caivanese si spaccia per colui che ha fatto destituire il famoso “presepe” dal marciapiede del Parco Verde ripristinando la legalità e mentre si immola, in maniera super demagogica, davanti agli smartphone delle dirette social locali proclamandosi in maniera del tutto autoreferenziale l’unico e vero paladino della giustizia sul territorio, non fa luce sulle recenti minacce ricevute da un segretario di partito di maggioranza.

Da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, a Caivano la criminalità organizzata fa di nuovo capolino sull’appalto raccolta rifiuti. Dopo essere riuscita a piazzare qualche parente di qualche boss all’interno del cantiere, ora tenta di controllare l’agenda politica ecologica, facendo arrivare missive nella cassetta postale di qualche coordinatore cittadino con l’obiettivo di impedire l’indizione di una gara pubblica sulla raccolta rifiuti. Minacce già denunciate presso la Procura della Repubblica dal diretto interessato.

Tenendo conto che il PEF allo stato attuale, nel comune gialloverde, ha pure superato abbondantemente gli otto milioni e mezzo di euro annui, non ci si meraviglia se la camorra ha intenzione di mettere le mani su un appalto di circa 50 milioni di euro.

Allora vorremmo chiedere al Sindaco – che in alcuni casi ha pure evitato di nominare il termine “camorra” – come mai non è stato ancora in grado di indire una gara pubblica sulla raccolta rifiuti, visto che l’Art. 42 ANAC prevede che l’indizione pubblica può essere predisposta, pianificata e gestita da quest’ultima sollevando l’Amministrazione da qualsiasi responsabilità? Perché al posto di immolarsi a paladino della giustizia in operazioni militari non dipese da nessuna delle sue azioni, non dipana i dubbi ai propri cittadini sulla gara europea della raccolta dei rifiuti? O meglio. Non rende edotti i cittadini, se attualmente esiste o meno un’ingerenza della criminalità organizzata sull’appalto della raccolta rifiuti? Il popolo attende risposte.

Continua a leggere

Caivano

Caivano: Violenza di genere. La picchia con lo smartphone davanti alla bambina. Carabinieri arrestano 40enne

Pubblicato

il

Arriva una segnalazione anonima che dice “la sta ammazzando di botte” e allora la centrale operativa della compagnia di Caivano non perde un minuto e manda la gazzella della sezione radiomobile nell’appartamento segnalato nella cittadina a nord di Napoli. I militari sentono le urla provenire dal terzo piano e riescono a bloccare l’aggressore che ha 40 anni ed è già noto alle forze dell’ordine.

Nell’appartamento caivanese c’è la moglie di quell’uomo – sua coetanea – e la loro piccola figlia. A terra con lei anche le prove di una dramma familiare da poco consumato. Dagli accertamenti infatti i militari appurano che al culmine dell’ennesimo litigio il 40enne ha colpito la propria moglie con uno smartphone. La colpisce prima al volto e poi alla testa fino a distruggerlo. L’uomo è stato arrestato per minacce, lesione personale e maltrattamenti mentre la donna, che se la caverà con 5 giorni di riposo medico, ha raccontato tutto ai Carabinieri negli uffici della caserma di Caivano.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante