Resta sintonizzato

Eventi

Procida 2022, MARetica: apre domani la prima giornata con l’atteso benvenuto di Baricco

Pubblicato

il

PROCIDA – Giovedì 8 settembre si apre la tre giorni della rassegna: protagonista la cultura con Claudio Fogu e “Storia della marineria mercantile italiana”, poi con l’università Orientale poesie da Svezia, Albania, Giappone e Somalia

Il benvenuto di Alessandro Baricco apre giovedì 8 settembre il programma di MARetica, la manifestazione che ogni anno porta sull’isola tre giornate di sport e cultura dedicate al mare e che è inserita nell’ambito del programma di Procida Capitale Italiana della Cultura.

Sul belvedere di Terra Murata prende il via alle 19 una serata culturalmente meticcia ideata da Claudio Fogu ed inserita anche nel calendario degli European Maritime Days. Una serata che inizierà con la presentazione dei quattro volumi di “Storia della marineria mercantile italiana”, pubblicati da Mareeditore/Sagep da un’idea di Paolo Clerici Presidente della Fondazione Paolo Clerici e scritti da Pierangelo Campodonico, direttore dell’Istituzione Mu.MA e del Galata Museo del Mare, vincitore del premio MARetica 2021.
Nel corso della serata si alterneranno numerosi ospiti, tra i quali lo stesso Pierangelo Campodonico, Umberto Masucci (Presidente Nazionale The International Propeller Clubs), Luigi Nappa (Capitano di lungo corso procidano), Mario Mattioli (Presidente della Confederazione Italiana Armatori) e Umberto D’Amato (Vice Presidente del Propeller Club di Napoli). Nella seconda parte della serata docenti dell’Università Orientale di Napoli dei dipartimenti di Studi letterari, Linguistici e Comparati  e dei dipartimenti di Asia, Africa e Mediterraneo coordineranno una lettura di testi poetici con l’intervento di quattro poetesse rappresentanti di altrettante aree linguistiche e culturali che caratterizzano la vocazione trasversale dell’ateneo partenopeo: la svedese Eva Ström, l’albanese Jonida Prifti, la giapponese Ryoko Sekiguchi e la somala Caasha Luul Maxmuud Yuusuf. La selezione dei testi poetici risponderà al tema dell’isola come realtà geografica e come metafora amplificatrice di emozioni e sentimenti, di contraddizioni e sintesi.

Venerdì 9 settembre Alessandro Baricco condividerà il palcoscenico architettonico di Terra Murata con Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico Nazionale di Napoli con un reading/lezione dal titolo: “Tucidide. Atene contro Melo”.

E cresce l’attesa per la serata di sabato, quando la giuria – presieduta da Baricco e composta dalle scrittrici Daria Bignardi, Valeria Parrella ed Elisabetta Montaldo, dallo storico Claudio Fogu e dal montatore Giogiò Franchini – assegnerà il Premio all’opera e all’autore che abbia meglio saputo raccontare il mare e le storie umane che lo abitano.
Finalisti di questa edizione del Premio MARetica sono: Nicola Crocetti, per la traduzione in italiano di Odissea di Nikos Kazantzakis, Jovanotti per l’idea dei “Jova Beach Party” Mediterraneo di Caterina Bonvicini e Valerio Nicolosi (Einaudi).

“Un progetto – spiega il direttore di Procida 2022, Agostino Riitano – perfettamente in linea con il nostro dossier, che intorno alla cultura del mare ha sviluppato performance, spettacoli e riflessioni che hanno animato e animeranno il programma culturale, ponendo l’accento su sostenibilità ed inclusione”.

Attualità

Krystyn Soares vincitrice della quarta tappa di Miss Grand International Campania

Pubblicato

il

Krystyn Soares, 25enne di Pozzuoli, italiana di origini Capoverdiane, alta 1,70 taglia 40, ha vinto la quarta tappa di Miss Grand Italy International Campania che si è svolta nell’anfiteatro delle Terme di Telese, nota località della provincia di Benevento. La vincitrice, insignita della fascia di Ap Tricosistem, ha preceduto Manuela Leopaldi 18enne di Castelvolturno (Miss Caffè Strega), Rebecca Tulino 16enne di Castellammare di Stabia (Miss Bull Pay), Chiara Perrotta 22 anni di Altavilla Irpina (Miss Telese Terme), Annamaria Castrignano 17 anni di Napoli (Miss Agapè), Simona Verniero 17enne di Qualiano (Miss Grafiche Iuorio) Sara Miele, 18 anni di Grumo Nevano (Miss Ambiente e Metalli), Giulia Fusco 13enne residente a Cardito (Miss Ricicla), Jennifer Vicinanza 13 anni di Salerno (Miss Menowatt) e infine l’ucraina Annalisa Ostraska 17enne che abita a Napoli (Miss Magic Decor). La serata, organizzata dall’agente regionale Franco Capasso, presentata da Enzo Guariglia con le coreografie di Rosanna Giaquinto, ha visto la presenza del sindaco Giovanni Caporaso, del patron nazionale del concorso Giuseppe Puzio, della tiktoker Nunzia Rinaldi, della prima finalista nazionale di Miss Grand Italy, Mayara Dos Santos, e della Miss

Continua a leggere

Attualità

Riapre l’ex Gasometro, oggi l’inaugurazione col sindaco Manfredi e l’assessore al Verde Santagada

Pubblicato

il

Riapre al pubblico il parco Minopoli (ex Gasometro). L’inaugurazione si terrà oggi alle 10 (ingresso viale Raffaello) alla presenza del sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. I lavori di riqualificazione dell’ex sito industriale del Gasometro situato tra viale Raffaello e salita Cacciottoli hanno restituito alla fruizione dei cittadini un’area interdetta da più di venti anni trasformandola in un parco agricolo-didattico con orti urbani e frutteti che vedranno nella loro gestione il coinvolgimento attivo di cittadini e associazioni.

I quindici ettari di area verde sono attrezzati con una trentina di orti concentrici che saranno assegnati ai cittadini, un orto – arboreto flegreo, percorsi pedonali, una cavea da circa cento posti ed aree ludiche che saranno destinate ad ospitare giochi per i più piccoli. “Il recupero del parco, sottratto grazie all’impegno dei cittadini e di alcune associazioni al tentativo speculativo di realizzare un parcheggio nel lontano 1999 – annuncia l’assessore al Verde Vincenzo Santagada – rappresenta per tutti una svolta storica raggiunta grazie agli sforzi dell’Amministrazione Manfredi”. Santagada festeggia la conclusione dei lavori come “la fine di un’odissea burocratica che ha impedito alla comunità di beneficiare di questo bene”.

Continua a leggere

campania

Stagione 2023/2024: “Apri gli occhi, vieni al Nest” gli spettacoli in programmastagione

Pubblicato

il

“Gli occhi sono lo specchio dell’anima.” Chissà quante volte abbiamo sentito pronunciare questa frase. Milioni di volte. Tant’è che non ci facciamo più caso, l’abbiamo banalizzata, non pensiamo più che gli occhi rivestono un ruolo centrale nelle relazioni umane. Soprattutto oggi in cui – troppo spesso – la comunicazione avviene guardando uno schermo. Eppure, sono ancora gli occhi a permetterci di esprimere emozioni, intenzioni e connessioni. Sono ancora gli occhi l’unica finestra verso l’anima.

E allora apriamoli questi benedetti occhi e assistiamo a quel grande patto collettivo che è il teatro. Dove guardare aiuta a vedere meglio il mondo che ci circonda. Sta a voi decidere se tenerli chiusi e perdersi la vita o aprirli e godere delle emozioni di sguardi condivisi e reciproci. Sta a voi aprire la finestra giusta verso l’anima. Fate la vostra scelta, ma fatela tenendo gli occhi ben aperti. Anche quest’anno avremo un’anteprima di stagione dove Nest Napoli Est Teatro in collaborazione con Argot produzioni e Fertili Terreni, presenterà la semifinale della IV edizione di OVER / Emergenze teatrali nella sala napoletana il 7 e 8 ottobre 2023, in una due giorni ricca di spettacoli e riflessioni sul nuovo panorama teatrale italiano. OVER / Emergenze teatrali è stato pensato per valorizzare l’esperienza di artisti che stanno cercando di affermarsi professionalmente nel mondo dello spettacolo dal vivo e delle arti performative. 

Si parte il 7 ottobre ore 21 con Ridicola di e con Annamaria Troisi, un monologo liberamente ispirato a “Il sogno di un uomo ridicolo” di Dostoevskij. Si prosegue l’8 ottobre ore 19 con Sei la fine del mondo (letteralmente)! di Annachiara Vispi, uno spettacolo multidisciplinare che unisce parola, corpo e video per raccontare il pensiero ecofemminista, secondo il quale esiste una correlazione tra il degrado della natura e la subordinazione delle donne. Seconda anteprima di stagione, contemporaneamente a oltre 100 teatri italiani, il 9 ottobre andrà in scena la restituzione a cura di Giuseppe Miale di Mauro del testo di Marco Paolini “VajontS per una orazione civile corale”, un’azione di Teatro Civile che affronti la sfida della crisi climatica. La stagione partirà ufficialmente il 21 e il 22 ottobre dove assisteremo allo spettacolo Con la Carabina (Premio Ubu per la migliore regia e miglior nuovo testo straniero di scrittura drammaturgica) di Pauline Peyrade per la regia di Licia Lanera che racconta la storia di una bambina di 11 anni che un tribunale francese ha riconosciuto consenziente allo stupro subìto da parte di un amico del fratello maggiore, decide, diventata donna, di farsi giustizia da sola.

Il 4 e il 5 novembre si prosegue con Umanità Nova – Cronache mancate di una rivoluzione per la regia di Cristiana Minasi, con Giuseppe Carullo: Lo spettacolo intende farsi portatore dell’importanza di conoscere e trasmettere una brutta pagina della nostra storia, quella riguardante i Moti di Reggio, in questo caso dei Moti di Reggio, per evitare che i fatti si ripetano senza che li si conosca. Venerdì 10 novembre sarà Paolo Ruffini ad inaugurare il format Una Serata al Nest: Attraverso racconti, aneddoti, storie e le domande dei #GiovaniO’Nest, l’artista smetterà i panni dell’attore, per svelare molti aspetti della propria carriera e della propria vita in una conversazione intima e intensa. Il 18 e il 19 novembre al Nest arriva Peppe Lanzetta con Lenny, un monologo comico e corrosivo del poeta del Bronx sui nostri tempi.

Il mese di dicembre al Nest si apre con Malaluna Nova, di e con Vincenzo Pirrotta, in scena il 2 e il 3 dicembre: un viaggio dentro la città di Palermo e della sua provincia cercando di raccontarla in un “concerto per voce sola”. Nascere in un quartiere come Forcella può essere difficile e, in alcuni casi, può essere una strada avviata verso una vita che può condurre solo al dolore: questo e molto altro ne Il bambino invisibile con Daniele Vigorito, in scena al Nest il 16 e il 17 dicembre. Il terzo e ultimo spettacolo di dicembre sarà un evento speciale fuori abbonamento: Tombolata Show, un’irriverente cabala numerica tradizionale condotta da Emilio Massa, in scena il 27 dicembre. Il 3 e 4 febbraio al Nest Lampedusa Beach con Valentina Elia per la regia di Marcello Manzella: il monologo terso e tremendo di una giovane nordafricana, immigrata clandestina, di nome Shauba che affoga nel mare proprio di fronte alla costa di Lampedusa.

Febbraio al Nest si concluderà il 17 e il 18 febbraio con Duccio Camerini che porterà in scena al Nest Una vita nel teatro di David Mamet: spettacolo che mette a confronto due generazioni di attori, un giovane al principio di un percorso, chissà se luminoso o scuro, e un attore maturo, che nel bene o nel male ha già fatto e dato tutto quello che poteva. Anche quest’anno grande grande attenzione sarà riservata ai più piccoli: il 2 e il 3 marzo in scena Greta La Matta, una creazione collettiva di Massimiliano Burini, Matteo Svolacchia e Giulia Zeetti, pensato per tutta la famiglia, che racconta la crescita di una bambina, che in una trasformazione di nomignoli viene etichettata ed esclusa da tutti e dal mondo. Si prosegue il 16 e il 17 marzo con Tie-Break, scritto e diretto da Paolo Zuccari, uno spettacolo sulla fine.

Di una partita di tennis, di un matrimonio, di un’amicizia, e di una vita. Il 7 aprile terzo appuntamento con Una serata al Nest con, protagonisti Peppe Servillo & Solis String Quartet che porteranno San Giovanni a Teduccio Carosonamente, un nuovo concerto interamente dedicato a Renato Carosone. Una corrispondenza lunga 34 anni tra un ergastolano e il giudice che l’ha condannato, questa è la storia scritta da Elvio Fassone e messa in scena da Simone Schinocca: Fine pena ora in scena al Nest il 20 e il 21 aprile. Il 5 maggio Geppi Cucciari sarà la quarta protagonista del nostro format Una serata al Nest con. Il 9 e il 10 maggio al Nest avremo Niu Wave una due giorni di spettacoli di nuova generazione a cura di Niu Teatro: si parte con I was born ready diretto da Renato Bisogni: la storia di tre amici fin dall’infanzia, coltivano grandi sogni nella periferia napoletana. La due giorni terminerà con Molto rumore per nulla, l’adattamento in napoletano dell’omonima opera di Shakespeare, curato e diretto da Giuseppe Miale di Mauro con musiche della tradizione partenopea curata da Mariano Bellopede. Dulcis in fundo il nostro ultimo appuntamento con Una Serata al Nest con che avrà come protagonista Lillo Petrolo (Data da definire).

La stagione del Nest, anche quest’anno, trova ampio spazio per i laboratori, testimonianza di una proposta formativa portata avanti con grande forza e convinzione, totalmente gratuita, che quest’anno vede la partnership con Q8, il cui scopo non è di creare nuove attrici o nuovi attori ma nuovi cittadini culturalmente consapevoli, che desiderino abitare un teatro e un luogo culturale, che lo amino, lo alimentano, lo vivano. Tra i maestri che quest’anno partecipano con immensa dedizione al nostro progetto sono Andrea Di Stefano, Cristina Donadio, Maurizio Capone, Mariano Tufano, Anna Redi. “Da sempre in Q8 crediamo nelle persone e nei loro talenti. Per questo abbiamo deciso di dare il nostro contributo, supportando i laboratori del progetto di avvicinamento al teatro #GiovaniO’Nest, dedicati ai ragazzi che desiderano cimentarsi con la settima arte. – commenta Fortunato Costantino Direttore Human Resources, Legal & Corporate Affairs di Q8.

Siamo convinti che le Imprese possano e debbano svolgere sempre più un ruolo sociale: investire nella cultura e nei progetti di qualità rappresenta dunque non solo un impegno concreto alla realizzazione di sogni, ma anche un valido sostegno al territorio in termini di valorizzazione del patrimonio umano, così come di creazione di energia, sinergie e stimoli costanti” – conclude. Un’altra importante novità di questa stagione vedrà una partnership tra Nest e Kineton che darà vita ad un progetto di formazione di nuove personalità tecniche e amministrative per massimizzare la trasmissione e la professionalizzazione specifica nei settori di sviluppo tecnico-conoscitivo teatrale. I corsi formeranno nuovi tecnici elettricisti teatrali e nuovi tecnici macchinisti teatrali.

Da una parte – spiega Kineton – un’azienda che, nel panorama della giovane imprenditorialità, si è ritagliata uno spazio di visibilità e di produttività, come testimoniano i riconoscimenti e i tanti attestati ottenuti, non solo sul piano nazionale.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy