Resta sintonizzato

Attualità

Nursing Up De Palma: «Infermieri ed obbligo crediti ECM: in questi giorni si susseguono gli allarmi»

Pubblicato

il

 «Gli infermieri italiani, dopo gli anni delle battaglie contro il Covid, oggi sottopagati e vessati da un sistema sanitario che continua a metterci nella condizione di scrivere pagine poco edificanti nel lungo e tormentato libro della storia degli operatori sanitari, potrebbero essere costretti a subire ulteriori colpi, che rischiano di aumentare il loro disagio.

Entro dicembre 2022 i professionisti infermieri (come gli altri professionisti sanitari) devono rispettare gli obblighi di acquisizione dei crediti formativi ECM per il triennio 2020-2022 (150 crediti nel triennio al netto di eventuali esenzioni come ad esempio quelle subentrate durante la pandemia con la legge 41/2020 in cui si prevede che per i sanitari impegnati nell’emergenza COVID i 50 crediti da acquisire nell’anno 2020 come quota annuale del fabbisogno dei 150 crediti relativi al triennio 2020-2022 si intendano in ogni caso maturati).

Sono sempre di più i colleghi che in questi giorni ci chiamano, per sensibilizzarci sul fatto che, pur dando atto alla nostra Federazione degli Ordini dell’avvenuta messa a disposizione di una serie di opportunità gratuite e di corsi FAD, utili a colmare – gratuitamente – l’eventuale divario tra crediti da acquisire rispetto a quelli necessari, la finestra di azione entro la quale agire, e quindi la fine del corrente anno, è davvero ridotta. 

Nessuno considera che dopo anni di pandemia, durante i quali agli infermieri sono state precluse addirittura le ferie, da parte di tante aziende sanitarie italiane, le priorità sono quelle di tutelare le loro stesse famiglie, consentendogli finalmente di prendersene cura e di prodigare attenzioni ai propri figli ed ai propri affetti, ambiti che i professionisti sono stati costretti a mettere completamente da parte in favore di esigenze di servizio diventate ormai quotidiane. 

Insomma, il poco tempo a disposizione, non consente, purtroppo, a tanti, di applicarsi come desidererebbero, e di dedicare il tempo necessario alle attività di aggiornamento senza correre il serio rischio di precludere, ulteriormente, i bisogni delle proprie famiglie, dei propri figli.

Da una parte quindi, occorre una serena riflessione sull’applicazione di una norma che prevede, di fatto, che la nostra Federazione, a partire dal 2023, possa addirittura arrivare a sanzionare gli infermieri che non sono in possesso dei crediti Ecm, e c’è chi addirittura scrive di sanzioni che potrebbero arrivare a prevedere la loro radiazione dall’albo.

Alle sanzioni tradizionali, si aggiunge, poi, la previsione della legge 233/2021 (art. 38 bis) in cui si indica che dal triennio 2023-2025 l’efficacia delle polizze assicurative stipulate in base alla legge 24/2017 (responsabilità professionale) sarà condizionata dall’assolvimento di almeno il 70% dell’obbligo formativo individuale del triennio.

Dall’altra parte, quindi, in poche parole, c’è questa ulteriore norma sulle assicurazioni professionali che prevedono che, se non si è possesso della maggior parte dei crediti formativi Ecm, le coperture assicurative perderebbero addirittura di efficacia».

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up.

«Si tratta di sanzioni a dir poco dilanianti per un infermiere che viene fuori da un periodo di apocalissi, che ha sopportato sulle proprie spalle il macigno della pandemia, che ha vissuto in prima persona, costantemente in prima linea, il tormento dei contagi e dei decessi, e che oggi porta sulla propria pelle le cicatrici di mesi e mesi da incubo. 

E ancora, come se non bastasse, nel pieno di una inflazione da record che taglia le gambe ai cittadini, l’infermiere si ritrova, con uno spropositato aumento del costo della vita, ancora sottopagato e lontano da quella necessaria valorizzazione per la quale sindacati come il nostro combattono ogni giorno.

Possono davvero, gli infermieri italiani, più che mai in questo delicatissimo frangente, alla luce della loro competenza, del loro impegno, di quelle qualità umane messe a disposizione ogni giorno al servizio della tutela della salute collettiva, sopportare tutto questo?

A nostro avviso, mai momento si rivela più propizio per una deroga: rivolgiamo quindi il nostro accorato appello pubblico al Ministro della Salute. 

E’ sotto gli occhi di tutti quello che è accaduto alla professione infermieristica in questi anni. Se da una parte, quindi, noi condividiamo in pieno la necessità della formazione e dell’aggiornamento per ogni professionista sanitario, dall’altra parte troviamo necessario, in un particolare momento storico come quello attuale, come segnale di buon senso, offrire al personale interessato, che ha appena visto la luce fuori dal tunnel di una pandemia che ne ha monopolizzato per diversi anni l’essere ed operare, un altro po’ di tempo per mettersi legittimamente in regola.

E’ arrivato il momento di risolvere questioni più urgenti, legate ad una voragine di 80mila infermieri che fa tremare ogni giorno il nostro già vacillante sistema sanitario.

Come mai, di fronte all’oggettivo e determinante cambiamento del trend sui contagi, non si è ancora pensato di consentire l’immediato rientro di tutti quei colleghi non vaccinati e sospesi, anche individuando classi di attività sanitarie che escludano il rischio di eventuale contagio alle quali attribuirli?

D’altronde, adesso come non mai, nei pronto soccorsi, nelle corsie degli ospedali, vista la carenza, serve come il pane il loro indispensabile supporto.

E’ vero o non è vero, che i dati sulla cronica mancanza di personale sono sempre più allarmanti?

Nel Nord Italia, in regioni come Trentino, Veneto, Lombardia, la loro assenza mette a rischio la quotidiana stabilità del sistema sanitario e la qualità delle prestazioni offerte ai cittadini, costringendo addirittura al taglio di posti letto, come sta avvenendo a Bolzano e Merano.

Insomma, in questo momento il SSN non ha bisogno di spade di Damocle sulla testa degli infermieri e degli altri professionisti sanitari. Adesso, come non mai, chiediamo che la politica, con la formazione del nuovo Governo, e la nostra Federazione che ci rappresenta, agiscano di concerto per restituire la doverosa ed indispensabile serenità ai nostri professionisti», conclude De Palma.

Attualità

A Radio CRC nel corso della trasmissione “Si Gonfia la Rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Ciccio Graziani, allenatore

Pubblicato

il

“È vero che ho perso una finale di Champions League, ma almeno l’ho giocata. Raspadori? È più una sottopunta anche perché i centravanti che vanno a battere i calci d’angolo non mi sono mai piaciuti. Può fare il trequartista perché ha tecnica, velocità e intuito. Possiamo dire che il Napoli ha indovinato anche Raspadori. Io ero molto preoccupato e lo sono ancora perché siamo solo alla 7ª giornata. Dicevo che quello che hai perso era più importante di quello che è arrivato a parte Kvaratskhelia. Per il fatto che arrivavano Raspadori e Simeone dicevo che fossero alternative a quelli che giocano. Gli unici titolari erano Kim e Kvaratskhelia. Mi sono sbagliato e sarei felicissimo se il Napoli centrasse un traguardo storico. Ero perplesso sulla partenza di Fabian Ruiz per Ndombele che non conosciamo bene, avevo delle perplessità tra chi è andato via e chi è arrivato, ma questa squadra mi sta smentendo e sono felicissimo per tutto l’ambiente napoletano. Il Torino? Sta giocando bene e ha più competitività. Si è rinnovata e ha tanti giocatori bravi, ma ha il problema di segnare poco. Manca nella fase conclusiva. Se concretizza di più le occasioni che crea, potrebbe diventare importante in questa stagione per un posto in Conference. 

Chi ha fatto l’affare tra Napoli e Juventus in difesa? Tra Bremer e Kim, l’affare lo ha fatto il Napoli. In questo momento gli azzurri hanno capitalizzato molto con le spese e con le prestazioni. Kvaratskhelia vale già 40 milioni. Nazionale? Le strutture di tante società importanti italiane sono fatiscenti. Ci sono società che non hanno ancora un proprio centro sportivo. Dobbiamo investire di più sui giovani italiani. Guardando anche tante squadre di Serie A e Serie B, ci sono giocatori che vengono dall’estero e tolgono spazio ai nostri giovani. Anche Raspadori sta venendo fuori, assomiglia a Paolo Rossi nel modo di giocare. Il presidente del PSG? È uno di quelli che inquinano il calcio. Dai 28/29 milioni di euro a Neymar per vincere il campionato francese. Io vedo giocatori normali che guadagnano 3/4 milioni di euro. Zielinski? Fabian Ruiz aveva caratteristiche molto differenti dal polacco, ma bisogna conoscere il carattere del ragazzo che è uno che subisce, non reagisce. Zielinski a me è piaciuto anche negli anni passati, ma l’unico giocatore che non toglierei mai dal campo è Lobotka. Io quando vedo il Napoli ci vedo tanti giocatori bravi, ma in quel centrocampo il modo di giocare di Lobotka è spettacolare”.

Continua a leggere

Attualità

Maltempo, tragedia sfiorata al Vomero: albero cade al suolo e distrugge un’auto

Pubblicato

il

Violento nubifragio abbattutosi nella giornata di ieri sulla Campania, che ha causato numerosi danni e disagi. In particolare, al Vomero si è sfiorata la tragedia. Infatti, un albero è caduto al suolo distruggendo un’auto. A segnalare l’episodio, ci ha pensato un cittadino, che si è così rivolto al Consigliere Regionale Francesco Emilio Borrelli:

“Ce la siamo cavata per un pelo. Quell’auto era tre metri da noi”.

Non si fa attendere la replica di Borrelli e Rino Nasti, consigliere municipale di Europa Verde:

“Abbiamo chiesto al Comune di rimuovere l’albero caduto e di effettuare delle verifiche sugli altri per evitare situazioni pericolose o anche peggiori, dato anche il prorogarsi dell’allerta meteo. Non è la prima volta che si verifica un evento del genere. Era lo scorso luglio, quando abbiamo denunciato un altro albero crollato al Vomero nei giardinetti di Piazza Quattro Giornate. Occorre far prevenzione prima che possa verificarsi una tragedia”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Tutte le novità’ sulle terapie al congresso dei reumatologi

Pubblicato

il

La Reumatologia negli ultimi anni ha avuto un periodo di particolare evoluzione grazie alle importanti acquisizioni offerte dalla ricerca scientifica dal punto di vista della comprensione delle basi genetiche e dei meccanismi fisiopatologici delle malattie reumatiche. La più approfondita conoscenza della patogenesi ha permesso lo sviluppo e l’introduzione nella pratica clinica di farmaci biotecnologici e “small molecules”, farmaci per uso orale, che hanno rivoluzionato l’approccio terapeutico alle malattie reumatiche, permettendo di raggiungere sempre di più la remissione di malattia, consentendo di proporre “una medicina di precisione”. Partendo da questi presupposti, il Congresso SIR Crei della Campania è stato pensato con l’intento di affrontare in maniera sempre più multidisciplinare i diversi aspetti delle malattie reumatiche coinvolgendo: dermatologi, gastroenterologi, oculisti, infettivologi, ortopedici ecc.”.

E’ quanto afferma Enrico Tirri, organizzatore del Congresso, Direttore della UO di Reumatologia dell’Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli e Consigliere Nazionale della SIR (Società Italiana di Reumatologia) alla vigilia del Congresso SIR e Crei (Collegio Reumatologi Italiani) Campania 2022, che si svolgerà a Napoli dal 30 settembre al 1 ottobre all’Hotel Renaissance Mediterraneo. Inoltre, Tirri aggiunge: “Sono in programma anche relazioni dedicate alle nuove linee di indirizzo, della Regione Campania, alla prescrizione dei farmaci biologici/biosimilari in artrite reumatoide, artrite psoriasica e spondilite anchilosante, che i reumatologi della Campania, per primi hanno prodotto a livello nazionale”.

Al Congresso saranno presenti Roberto Gerli, Presidente della Società Italiana di Reumatologia e Daniela Marotto, Presidente del Collegio dei Reumatologi Italiani; l’appuntamento vedrà la partecipazione attiva di molti giovani reumatologi afferenti a strutture reumatologiche universitarie, ospedaliere e territoriali della Campania. Parteciperanno in qualità di Presidenti onorari del Congresso Raffaele Scarpa e Stefano Stisi. Saranno, inoltre, presenti figure di spicco della reumatologia italiana tra cui:

Francesco Ciccia Professore Ordinario di Reumatologia Università della Campania “L. Vanvitelli”, Roberto Caporali Professore Ordinario di Reumatologia dell’Università di Milano, Giandomenico Sebastiani Direttore UOC di Reumatologia Ospedale San Camillo di Roma e Presidente eletto della Società Italiana di Reumatologia,  Antonio del Puente Professore Associato di Reumatologia Università di Napoli Federico II di Napoli e tanti altri. Gli aspetti dermatologici delle malattie reumatiche saranno relazionati da Gabriella Fabbrocini Professore Ordinario di Dermatologia dell’Università di Napoli Federico II. Si parlerà anche di Covid e malattie reumatiche con Alessandro Perrella Direttore UOC Malattie Infettive Emergenti ad alta contagiosità Ospedale Cotugno di Napoli.

Sarà presente con una relazione sui farmaci biosimilari anche Ugo Trama, Dirigente Responsabile Politiche del Farmaco della Regione Campania. I pazienti reumatologici saranno rappresentati al Congresso da diverse associazioni dei malati reumatici che parteciperanno ad una tavola rotonda a loro dedicata.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante