Resta sintonizzato

campania

Profonda indignazione dell’Unione Artigiani Italiani Salta il tetto degli stipendi per i manager pubblici

Pubblicato

il

“Giorni di estenuanti trattative per il decreto aiuti bis, imprese e famiglie in ginocchio per il caro energia, l’inflazione che non risparmia nessuno e la politica si preoccupa di inserire di nascosto l’abolizione del tetto degli stipendi per i manager pubblici fissato a 240.000€ da una precedente norma. Non ci sono parole per descrivere quanto accaduto, e la cosa ancor più grave è che non si riesce a capire chi abbia inserito questo emendamento e per quale motivo. Una cosa è certa, a quindici giorni dalla tornata elettorale la politica ha dato prova come sempre di essere distante anni luce dalla realtà” Queste le parole di Michele Francesco Abballe Presidente Nazionale della Federazione degli Artigiani che esprime profonda indignazione per la decisione di far saltare il tetto degli stipendi per i manager pubblici.

Ogni giorno – continua Abballe – ascolto artigiani che soffrono, bollette insostenibili, rincari delle materie prime che rischiano di compromettere gli ordinativi in corso, persone che vivono quotidianamente nelle loro botteghe dodici ore al giorno ed a fine mese non riescono a portare nulla di concreto sulla tavola dei loro figli. Ecco perché sentire ai notiziari cose di questo tipo non può far altro che indignarci profondamente. Il Paese necessita di una classe politica responsabile, vicina ai problemi reali, alle famiglie e alle migliaia di micro imprese e imprese artigiane che ogni giorno fanno la propria parte, con dedizione e abnegazione senza mai sottrarsi alle proprie responsabilità. Avremo di fronte mesi difficili per uscire dal tragico momento, dove solo con la collaborazione e l’impegno di tutti l’Italia potrà ritrovare la strada maestra per ambire alle posizioni internazionali che merita”.

Attualità

Afragola. Chiuse le scuole pubbliche e private di ogni ordine e grado

Pubblicato

il

In considerazione della proroga dell’allerta meteo e sulla base del monitoraggio delle potenzialità di rischio esistenti, il sindaco di Afragola prof. Antonio Pannone per la giornata di lunedì 26 settembre è in procinto di emanare un’ordinanza di chiusura delle scuole che non erano già destinate a seggio elettorale. Ciò allo scopo di tutelare la sicurezza degli studenti e del personale educativo e scolastico.  Le scuole adibite a seggio elettorale, sulla base di un rigoroso programma di pulizia e di sanificazione , riprenderanno le attività didattiche da mercoledì 28 settembre.

Continua a leggere

Brusciano

Brusciano: Carabinieri arrestano 3 pusher nella 219

Pubblicato

il

Questa notte i Carabinieri della sezione operativa della compagnia di Castello di Cisterna hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio Angelo Scherma, Giovanni Rega e Gaetano Dell’Ermo. Hanno 33, 35 anni e 38 anni; il primo è di Scampia mentre gli altri due sono di Castello di Cisterna. Sono tutti già noti alle forze dell’ordine.

I carabinieri li hanno notati all’interno del complesso di edilizia popolare ex Legge 219 di Brusciano e li hanno fermati. Perquisiti, sono stati trovati in possesso di droga e soldi per un totale di 78 dosi di crack, 35 dosi di cocaina e della somma in contanti di 1.150 euro. E’ stato tutto sequestrato e i tre sono stati trasferiti in carcere in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Aversa

Aversa. Bomba ecologica la polizia locale sequestra un area adibita a discarica abusiva di 18000 mq circa

Pubblicato

il

La Polizia Locale di Aversa diretta dal Comandante Colonnello Antonio Piricelli, componente della cabina di regia della Terra dei Fuochi istituita presso la Prefettura di Napoli presieduta dall’incaricato di Governo Vice Prefetto Filippo Romano, ha posto sotto sequestro un’area di 18000 mq adibita dalla ditta della raccolta di rifiuti a zona di travaso dei camion e discarica abusiva. Dagli accertamenti è emerso che la ditta operava nella ex area mercatale ubicata al centro di un contesto urbano priva delle necessarie autorizzazioni.

All’interno dell’area sono stati trovati circa otto camion della ditta in fila per trasbordare i rifiuti e due che effettuavano le operazioni. E’ stato constatato che i due camion nell’effettuare le operazioni facevano colare sul suolo il percolato senza nessuna accortenza. Sparsi nell’area sono stati trovati numerosi cumuli di rifiuti speciali, gomme, ingombranti pellame per circa 1430 metri cubi non omogenei depositati senza nessun titolo autorizzativo. Per tali motivi l’area è stata sottoposta a sequestro di polizia giudiziaria ed i due camion sequestrati penalmente.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante