Resta sintonizzato

Eventi

Jazz in vigna, la band Quartieri Jazz si esibisce sullo sfondo del golfo di Pozzuoli

Pubblicato

il

POZZUOLI (NA) – Nella giornata di oggi, sabato 17 settembre 2022, presso l’Agriturismo Il Gruccione, in provincia di Pozzuoli, si è tenuto “Jazz in vigna”, un evento per gli appassionati del buon cibo e della bella musica.

La tenuta, appartenente alla famiglia Iovino, è sita in un’oasi al centro dei Campi Flegrei ove è possibile godere di uno splendido panorama con vista sul golfo di Pozzuoli. L’evento, iniziato alle ore 21.00 con un abbondante buffet e proseguito con deliziose portate principali, ha visto esibirsi la banda “Quartieri Jazz” ed il loro Neapolitan Gipsy Jazz. A comporre il gruppo musicale erano Mario Romano alla chitarra classica, Luigi Esposito al piano, Dario Franco al basso ed Emiliano Barrella alla batteria.

La storica formazione ha presentato al pubblico un viaggio musicale attraverso i loro due album: “ ‘E strade ca portano a Mare” e l’ultimo lavoro discografico “Le 4 giornate di Napoli” ispirato alla rivolta partenopea.

La loro melodia, così frizzante e sanguinea, ha riprodotto gli umori ed il sentire della magica e vivace cultura partenopea. Un jazz in cui a predominare sono gli elementi compositivi e carismatici capaci di trascinare il pubblico in un viaggio emozionale.

Un percorso che ha saputo trasportare il cuore e la mente degli ascoltatori tra le strade affollate e confusionarie dei quartieri come tra quelle più desolate e malinconiche della città. La band ha saputo canalizzare l’esperienza tradizionale del jazz ad una più moderna formula musicale avvicinando così la platea un genere troppo spesso ignorato e forse ai più giovani quasi sconosciuto.

La formula utilizzata dalla banda ha invitato i presenti ad un ballo in onore della propria appartenenza culturale, quasi che questo unisse le diverse personalità presenti avvicinandole nella consapevolezza della condivisione di una stessa terra, nella certezza di una unità di cui spesso ci si dimentica.

Eventi

Seminario “Θάλαττα θάλαττα: Napoli e la sua lunga storia con il Mare – Opportunità di crescita per le giovani generazioni”

Pubblicato

il

Si svolgerà mercoledì, 28 settembre dalle ore 15:30 presso la Sala dei Baroni del Maschio Angioino, il Seminario “Θάλαττα θάλαττα: Napoli e la sua lunga storia con il Mare – Opportunità di crescita per le giovani generazioni”.

Inserito nella programmazione della Naples Shipping Week 2022, il Seminario rappresenta un momento di incontro con i giovani che porrà al centro della discussione le possibilità lavorative che essi possono avere nell’economia del mare. Questa offre molteplici occasioni lavorative per le nuove generazioni ed è uno dei pochi settori in cui è cospicua l’offerta di posti di lavoro. Professioni che però richiedono una adeguata competenza e professionalità. Lo shipping è, difatti, uno di quei settori che richiede elevata specializzazione e competenza ma anche uno di quelli in cui ci sono molteplici opportunità, spesso non conosciute da chi cerca occupazione. All’incontro interverranno il prof. Antonio Garofalo, Rettore Eletto dell’Università degli Studi di Napoli “Parthenope”, il dottor Fabrizio Monticelli CEO di “Formare- Polo Nazionale per lo Shipping”, il dott.  Nicola Principe, Direttore del personale “Grimaldi Group” e la dott.ssa Giulia Divulsi – Fleet Hotel HR Pre-boarding Training Specialist “Costa Crociere”.

Nel corso del pomeriggio sarà, inoltre, allestita, la Mostra “La sirena Parthenope” di Felice Meo. Il programma dell’evento prevede, tra l’altro, l’esibizione della Banda della NATO -laddove possibile presso il Cortile del Maschio Angioino- e una performance artistica di Slobodanka Ciric dal titolo “La Sirena Parthenope: Cosmogonie – Terra, Mare, Natura. L’evoluzione è nel cambiamento”.

Continua a leggere

Eventi

Capri, Trapanese presenta il volume “Le nostre imperfezioni” il 4 ottobre al Teatro Quisisana

Pubblicato

il

CAPRI (NA) – Nella splendida cornice del Teatro Quisisana del Grand Hotel Quisisana, martedì 4 ottobre ore 18.30 vi sarà la presentazione del libro “ Le nostre imperfezioni “ scritto da Luca Trapanese – assessore al Welfare per la città di Napoli – edizione Salani le Stanze.

Il romanzo ci racconta che “ la vita non è una favola e ti colpisce sempre alle spalle, ma che lo stesso fa anche la felicità, arriva sempre da dove meno te l’aspetti”.

La manifestazione è stata fortemente voluta ed organizzata dall’associazione Capri Senza Barriere nelle persone del presidente Michele Lembo e del vice presidente Marisa Zanichelli. Converseranno con l’autore la professoressa Anna Maria Cataldi Palombi e la dottoressa Maria Simeoli.

Con il patrocino della Città Metropolitana di Napoli, Città di Capri, Comune di Anacapri. Con la gentile ospitalità del Grand Hotel Quisisana, Libreria La Conchiglia, Agenzia Promediacom diretta da Luigi Louis Molino.

Continua a leggere

Eventi

Napoli, Spinacorona: VI edizione delle passeggiate musicali napoletane

Pubblicato

il

NAPOLI – Dal 29 settembre al 2 ottobre torna Spinacorona, il Festival ideato e diretto da Michele Campanella e finanziato dal Comune di Napoli che ha nella partecipazione libera del pubblico uno dei suoi punti di forza. Tredici luoghi molto particolari del centro di Napoli ospiteranno solisti e complessi di grande rilievo in un repertorio che spazierà da Corelli ai contemporanei passando dai grandi di ogni tempo come Mozart, Beethoven e Čajkovskij con piacevoli digressioni verso Weber, Martucci e Busoni. 

Saranno venti i concerti in poco più di 80 ore, dal Prologo affidato a due arpiste non ancora sedicenni e dall’inaugurazione vera e propria del giovedì sera con l’Orchestra della Toscana, Michele Campanella e Monica Leone fino alla festa finale della domenica dedicata quest’anno al jazz “napolide” di Maria Pia De Vito.

“L’appuntamento con la sesta edizione del Festival “Spinacorona passeggiate musicali napoletane” è doppiamente importante per la città di Napoli – ha osservato il Sindaco Gaetano Manfredi – Innanzitutto per la qualità degli artisti protagonisti dei concerti: 20 serate con alcuni tra i più importanti artisti della scena nazionale e internazionale. E poi per i luoghi: le serate si svolgeranno in 13 location diverse e sarà l’occasione per tanti turisti, ma anche per tanti napoletani, di scoprire alcuni tra i luoghi più belli e a volte meno conosciuti della città”.  

Questa sesta edizione del Festival vedrà numerose presenze internazionali (il Sestetto della prestigiosa Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam, il Fine Arts Quartet, la violinista giapponese Kyoko Yonemoto, il pianista britannico Huw Warren) assieme a grandi nomi della classica italiana come Enrico Dindo, Calogero Palermo, Paolo Marzocchi, Valentina Coladonato, Gabriele Mirabassi e il gruppo barocco L’Astrée fino ai giovani emergenti del Quartetto Indaco. Ospite d’onore della rassegna sarà il compositore lettone Pēteris Vasks, tra i nomi più illustri della nuova musica baltica che si è guadagnato fama internazionale con esecuzioni di suoi brani in ogni parte del mondo affidate a interpreti d’eccezione come Gidon Kremer e Sol Gabetta: a lui sarà dedicato un concerto monografico incentrato sul repertorio per flauto e sul Quinto Quartetto per archi. Un altro spazio importante per la contemporanea sarà il concerto dell’Ensemble Vocale di Napoli diretto da Antonio Spagnolo che, con la partecipazione di Fabio Fabbrizzi, presenterà musiche di Pärt, Górecki e una novità del 2021 del friulano Cristian Carrara.

Da segnalare, inoltre, due progetti speciali: uno è La corda rotta un racconto musicale, impaginato da Paolo Marzocchi e condotto da Guido Barbieri dedicato ad alcuni compositori prigionieri nel ghetto di Terezin, dove furono deportati tantissimi artisti ebrei tra i quali Ilse Weber, Viktor Ullman e Gideon Klein, che hanno continuato a scrivere musica pur nell’estrema abiezione della deportazione, quasi a sottolineare la valenza salvifica dell’arte. Un vero e proprio Festival nel Festival sarà invece la giornata di sabato 1 ottobre interamente dedicata a Franz Liszt, musicista italiano, con sette concerti nei quali Monica Leone, Roberto Plano, Leonardo Colafelice, Michele Campanella, Maurizio Baglini e Andrea Padova presenteranno una amplissima antologia delle opere lisztiane, da quelle giovanili alle ultimissime, e in conclusione una ricostruzione del Duello che a Palazzo Belgiojoso a Parigi vide opposto l’allora ventiseienne Ferenc all’altro astro del virtuosismo pianistico del tempo Sigismund Thalberg con la partecipazione di Fabrizio Soprano, Francesco Libetta e Giovanni Oliva in veste di narratore.

Le sedi apriranno trenta minuti prima di ogni concerto con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante