Resta sintonizzato

campania

Napoli. Controlli e carabinieri in una scuola: dopo le proteste dei genitori

Pubblicato

il

Un mese e mezzo senza refezione scolastica. È l’ennesimo disagio che hanno dovuto patire, quest’anno, i genitori dei bambini napoletani iscritti alla scuola primaria.
Con i bandi aggiudicati già lo scorso maggio, e la scuola ripartita il 16 settembre, l’attesa perché il servizio venisse avviato si è protratta addirittura fino allo scorso 3 novembre. Non è semplicemente una questione di servizi non erogati, e non c’è solo il problema delle decine e decine di ore di attività pomeridiane perse dai piccoli alunni.

Andare a prendere i bambini a scuola senza che pranzino, quindi prima, vuol dire per molti genitori prendere giorni di congedo parentale, permessi, pagare eventualmente babysitter, far uso dell’abusato “welfare casalingo” dei nonni. A Palazzo San Giacomo, dal canto suo, l’amministrazione pensa di aver fatto tutto bene. Si tratta di un processo articolato, portato avanti col massimo della trasparenza, e per il quale serve quindi del tempo, soprattutto considerando che alcuni dati ci vengono forniti da uffici che non sono di pertinenza del Comune di Napoli”. Una fiducia non condivisa dal “Comitato Genitori Scuole Pubbliche Napoli”, che sul proprio profilo social ribatte punto su punto alle dichiarazioni di Striano.

“Non c’è alcun motivo oggettivo, quindi – incalzano dal comitato – che giustifichi il ritardo, e non sta in piedi il racconto che la Striano vorrebbe spacciare di un Comune attento e rigoroso: il Comune è semplicemente stato tre mesi senza far niente, e questa è l’unica causa del ritardo. Ma c’è di più. Dal 9 [settembre] in poi non si sono dati una sveglia per recuperare: basti pensare, ad esempio, che la richiesta di acquisizione di nuovi documenti fatta dalla IV Municipalità alla ditta vincitrice di quel lotto è stata fatta il…17 ottobre, oltre un mese dopo la partenza delle scuole, mentre i genitori già animavano i presidi sotto Palazzo San Giacomo”.

Saremo lieti di essere smentiti, ma ad oggi prevediamo un avvio in ritardo anche per il 2023 – concludono – Ne è consapevole anche l’amministrazione, che infatti non garantisce, ma auspica e spera”. Genitori arrabbiati, accuse alla dirigente scolastica, questa che chiama i carabinieri. Situazione particolarmente complessa all’interno di un quadro già difficile si è rivelata negli ultimi giorni quella dell’Educandato di piazzetta Miracoli, scuola annessa al Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II. Sabato quindi dei genitori hanno provato ad incontrare la preside (senza appuntamento), ma – pur effettivamente venendo poi, non senza resistenze, ricevuti – sono stati identificati da due carabinieri chiamati ad intervenire nell’istituto. Circostanza che sarebbe stata alla base poi di un duro comunicato di risposta del Comitato genitori.

La problematica dei piccoli alunni dell’Educandato pare essersi risolta in extremis. “Domenica alle 22 – ci spiega una mamma – la preside ci ha riferito che avrebbe risolto grazie alla disponibilità di una maestra, disponibilità che la maestra aveva già dato ma che non era stata considerata per evitare di pagare le sue ore in eccedenza con il fondo d’istituto”. Resta la cattiva gestione e il considerare la sede dell’Educandato di piazzetta Miracoli come una scuoletta di serie B”, conclude la madre di un alunno.

campania

Napoli. Un uomo ruba un presepe e una chitarra da una chiesa, 61enne denunciato

Pubblicato

il

Ieri pomeriggio gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Decumani sono intervenuti in via San Biagio dei Librai, nel centro storico di Napoli, per la segnalazione di un furto nella chiesa del Divino Amore. Un 61enne con precedenti di polizia è stato denunciato per furto aggravato, mentre il presepe e la chitarra sono stati restituiti.

Continua a leggere

campania

Napoli. Bimba di due mesi in ospedale per un’operazione al cuore aperto

Pubblicato

il

Irena ha poco più di due mesi ed è nata con una cardiopatia congenita. Viene dal Kosovo ed è arrivata all’ospedale Monaldi con un volo organizzato dal COVI per essere sottoposta a un delicato intervento al cuore per chiudere un difetto interventricolare. Sarà proprio questa Unità Operativa a dare assistenza alla piccola Irena. L’operazione è stata possibile grazie anche al Ministero della Salute e al tempestivo intervento del direttore dell’ufficio 8 della Direzione Generale della Programmazione Sanitaria, Alessio Nardini e della dottoressa Roberta Gianferro, che hanno coordinato le relazioni tra la struttura ospedaliera e la onlus e hanno attivato in tempi rapidissimi la presa in carico in ambito internazionale per motivi umanitari.

Continua a leggere

campania

Ischia: Ritrovati i corpi di altri tre dispersi, gli uomini potrebbero essere Gianluca Monti e Salvatore Impagliazzo

Pubblicato

il

A Casamicciola, sull’isola di Ischia, si aggrava il bilancio delle vittime in seguito alla frana dello scorso 26 novembre. Salgono a 11 i corpi senza vita rinvenuti dai vigili del fuoco e dai soccorritori che, da giorni, stanno lavorando senza sosta. Questa mattina sono stati individuati e recuperati altri due cadaveri. Due erano le donne ancora disperse: Valentina Castagna, madre dei fratelli Monti e Mariateresa Arcamore. Sull’isola verde, intanto, si sta lottando contro il tempo anche in vista del peggioramento delle condizioni meteo previste dalla giornata di domani. 

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy