Resta sintonizzato

campania

Napoli. Suora maltratta dei bambini nel istituto, finita in prigione

Pubblicato

il

I carabinieri della Compagnia di Ischia hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli nell’ambito di indagini condotte dalla IV Sezione Indagini “tutela delle fasce deboli della popolazione”, nei confronti di 4 consorelle gravemente indiziate, in concorso tra loro, in ordine ai reati di maltrattamenti nei confronti di minori, lesioni personali aggravate e violenza privata aggravata.

Le indagini sono partite grazie all’acquisizione di un filmato, girato da una minorenne ospite della struttura, nel quale viene ripresa una consorella che, all’interno del refettorio, viene ripresa all’atto di schiaffeggiare e tirare più volte con forza i capelli a un bambino di 4 anni, disperato, alla presenza di altri bambini che la invitavano a fermarsi, colpendo altresì con uno schiaffo il fratello di 8 anni intervenuto per difenderlo, cagionandogli la fuoriuscita di sangue dal naso.

Tali elementi hanno portato il Giudice a ritenere tutte le indagate concorrenti nel reato di maltrattamenti e ad emettere nei confronti della consorella ripresa nel filmato, per la brutalità della condotta posta in essere, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere presso la Casa Circondariale femminile, e nei confronti delle altre 3 indagate la misura del divieto di dimora nel territorio della Regione Campania.

campania

Napoli. Temporali forti e temperature vicine allo zero, tutto parte dal ponte dell’Immacolata

Pubblicato

il

Ponte dell’Immacolata sotto la pioggia a Napoli e in provincia. Piogge previste già l’8 e il 9 dicembre, ma accompagnate da ampie schiarite. Da lunedì 12 e martedì 13 dicembre crolleranno anche le temperature. Le minime toccheranno i 3-4 gradi facendo piombare la città in pieno inverno.

Continua a leggere

Attualità

Telecamere tenute a distanza e funerali blindati a Ischia

Pubblicato

il

Si annuncia come una giornata di tensione oltre che di dolore quella che è iniziata a Ischia oggi in occasione dei primi funerali delle vittime della frana di Casamicciola. Il familiari delle vittime hanno chiesto alle autorità di tenere a distanza telecamere e fotografi e di potre vivere il proprio dolore nella forma più privata possibile. La richiesta di privacy è arrivata nelle ultime ore e a farse portavoce è stato il sindaco di Lacco Ameno, Giacomo Pascale. “Cari concittadini, cari isolani, col cuore distrutto comunico che domani sarà lutto cittadino. A nome delle famiglie, assieme al Commissario Calcaterra, chiediamo alla stampa di tenere spente le telecamere e ai fotografi di non scattare foto, nel rispetto di quanti piangeranno i propri cari. Domani la professione deve cedere il passo al rispetto e al dolore di quanti hanno rifiutato i funerali di Stato proprio per stringersi in forma più ristretta”. 

“L’esposizione a mezz’asta delle bandiere esposte presso la sede comunale, gli uffici pubblici e gli edifici scolastici in segno di lutto. La sospensione di ogni attività degli esercizi commerciali e degli uffici pubblici dalle ore 10,45 alle ore 12,45 mentre saranno in corso le esequie delle giovani vittime; la sospensione delle attività didattiche di tutte le scuole di ogni ordine e grado presenti sul territorio comunale; che i cittadini, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni, le associazioni e i titolari delle attività private di ogni genere ad esprimere, per l’intera durata della cerimonia funebre, la propria partecipazione al lutto nelle forme ritenute più opportune in segno di raccoglimento e rispetto; sono vietate le attività ludiche, ricreative ed ogni altro comportamento che contrasti con il lutto durante le esequie” ha scritto Pascale. 

Continua a leggere

campania

Napoli. Tragedia in mare la barca colpisce gli scogli, muoiono 2 napoletani

Pubblicato

il

Due giovani napoletani sono rimasti uccisi in un incidente in barca. L’imbarcazione,  di circa 8 metri, è finita contro alcuni scogli nel mare della Maddalena, vicino all’isola delle Bisce tra Caprera e Porto Cervo.  L’allarme alla Capitaneria di porto è stato lanciato da un’imbarcazione dopo lo spaventoso boato. A perdere la vita Tommy Di Chello, 38 anni, della provincia di Napoli e Giacomo Botte di Napoli. I due feriti – uno dei due è campano – sono ricoverati all’ospedale di La Maddalena, policontusi, con gravi ferite e in stato di choc.  Secondo una prima ricostruzione dell’incidente, i quattro si trovavano su un motoscafo e stavano rientrando da una battuta di pesca. 

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy