Resta sintonizzato

campania

Napoli. Frana a Ischia le vittime aumentano da 1 a 8 alla ricerca ancora di 4 persone

Pubblicato

il

Èsalito a otto il numero delle vittime dell’alluvione di Casamicciola Terme. L’ultimo corpo estratto in via Celario è di un uomo, del quale per ora non si conoscono le generalità.
Le squadre di soccorritori continuano intanto a lavorare, a questo punto alla ricerca delle ultime quattro persone che ancora mancano all’appello. Ci si concentra su di un solaio, per accedere al quale è però necessario completare la pulizia dal fango della strada d’accesso. “È complicato – ha spiegato alla stampa il capo della comunicazione dei vigili del fuoco, Luca Cari – quella zona si raggiunge solo a piedi. Non possono arrivare né mezzi né ruspe e neppure escavatori. 

La notte alle spalle, la seconda dall’alluvione dell’alba di sabato, è stata drammatica. In tantissimi, anche volontari, sono stati impegnati non soltanto nelle ricerche degli ultimi dispersi ma anche nello sforzo di liberare case e negozi dal muro di fango che li ha travolti. Prima del ritrovamento del corpo dell’ottava vittima la scorsa notte, nel pomeriggio di ieri era stato trovato quello di un neonato di circa tre settimane di vita.Intanto la procura di Napoli ha aperto un fascicolo sulla frana. L’ipotesi di reato è di disastro colposo. Carabinieri specializzati della forestale stanno già effettuando i primi rilievi utili ai pm partenopei.

C’è la famiglia di Gianluca Monti, tassista, e Valentina Castagna, casalinga. La loro villetta è stata travolta dal fango. Con loro, dispersi, si cerca ancora il figlio Michele (15). Degli altri due figli Francesco (11) e Maria Teresa (6) sono stati ritrovati ieri i corpi. I corpi di tutti e tre i componenti della famiglia Di Minico sono stati trovati e portati nella sala mortuaria dell’ospedale Rizzoli. Le cinque persone ancora da trovare o identificare sono Gianluca Monti, sua moglie, il loro figlio più grande, il compagno di Eleonora Sirabella Salvatore Impagliazzo, e un parente di Gianluca Monti, probabilmente uno zio.

campania

San Giuseppe Vesuviano. 49enne arrestato per rapina in tabaccheria, impegnati nell’indagine

Pubblicato

il

A San Giuseppe Vesuviano i Carabinieri della locale stazione hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Nola su richiesta della locale Procura nei confronti di Luigi Langella*, 49enne del posto già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è gravemente indiziato di aver rapinato lo scorso 18 ottobre, armato di pistola, una tabaccheria a via Croce Rossa della cittadina di San Giuseppe Vesuviano per la somma di circa 2.500 euro.

Le indagini dei militari, effettuate con informazioni raccolte dai testimoni presenti e le analisi dei sistemi di videosorveglianza, hanno permesso di individuare il 49enne e di perquisire la sua abitazione dove sono stati rinvenuti e sequestrati gli abiti verosimilmente utilizzati per compiere la rapina. Prezioso il contributo nelle indagini da parte dei Carabinieri della sezione fonica, audio-video e informatica del Ris di Roma per la comparazione dei tratti somatici del 49enne. L’arrestato è stato trasferito nel carcere di Poggioreale.

Continua a leggere

campania

Scampia. Sequestri di armi e munizioni durante un servizio di controllo

Pubblicato

il

Stanotte gli agenti del Commissariato Scampia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno effettuato un controllo in uno stabile di via Francesco Bacone dove hanno rinvenuto, in un’intercapedine tra il muro e il vano ascensore, una pistola semiautomatica modello 315 con matricola abrasa e 5 cartucce cal. 6.35 nonché altre 9 cartucce dello stesso calibro che sono state sequestrate.

Continua a leggere

campania

Porta Nolana. Sorpreso con un pc rubato, viene denunciato.

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Raffaele Conforti hanno notato alcune persone confabulare tra loro; queste ultime, alla vista degli operatori, si sono date alla fuga. I poliziotti hanno raggiunto e bloccato uno dei fuggitivi trovandolo in possesso di un pc portatile risultato rubato.

L’uomo, un 21enne marocchino con precedenti di polizia e irregolare sul territorio nazionale, è stato denunciato per ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato e per inottemperanza al divieto di dimora nel Comune di Napoli cui è sottoposto; infine, il pc è stato restituito al proprietario.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy