Resta sintonizzato

Cronaca

Choc nel Napoletano, imbraccia il fucile e ferisce due uomini: la situazione

Pubblicato

il

Choc a Lettere, in provincia di Napoli, dove un uomo ha esploso alcuni colpi di fucile da caccia all’indirizzo di tre persone, ferendone due.

Secondo una prima ricostruzione, i fatti risalgono alla scorsa domenica sera, quando nei pressi del Monte Magno, tre persone a bordo di un’auto sono state raggiunte da alcuni colpi di fucile con cartucce a pallini.

Tuttavia, è riuscito a colpirne soltanto due: un 42enne e un 32enne. Invece il terzo, è rimasto illeso. Pertanto, i carabinieri stanno ora indagando per risalire all’esatta dinamica dell’accaduto e ai possibili moventi.

Al momento, l’ipotesi più probabile è quella di un regolamento di conti nel mondo della cannabis, visto che uno dei feriti ha dei precedenti nel campo della coltivazione della canapa indiana nel territorio di Lettere.

Infine, gli agenti sono riusciti a identificare il responsabile: si tratta di un 32enne di Gragnano, denunciato per tentato omicidio.

Cronaca

Choc al centro commerciale, 80enne aggredita e derubata nel parcheggio sotterraneo: due arresti

Pubblicato

il

Era il 13 dicembre scorso a Cremona, quando nel garage sotterraneo del centro commerciale Cremona Po, una donna di 80 anni è stata aggredita e derubata della borsa, mentre stava mettendo la spesa nel bagagliaio della sua auto.

A quel punto, l’anziana è rimasta paralizzata dalla paura, rimanendo per sei ore nella sua auto, colta da una cardiomiopatia da forte stress emotivo, la cosiddetta sindrome da Tako-Tsubo, detta anche del cuore spezzato o da crepacuore. A lanciare l’allarme è stata la figlia, che una volta ritrovata la madre in quelle condizioni, ha subito allertato i soccorsi, che hanno provveduto al suo trasporto in ospedale.

Pertanto, si è finalmente giunti all’arresto dei responsabili, incastrati dai prelievi eseguiti con il Bancomat della vittima, dagli acquisti di gioielli e abbigliamento in un outlet di Limbiate e di un rifornimento di benzina. In particolare, si tratta di:

Jenchi Guarda, 47enne pregiudicato;

Nicolas Renati, 22enne residente nel campo nomadi di Limbiate.

Entrambi sono ora in carcere con le accuse di furto aggravato, indebito utilizzo di carta Bancomat e lesioni.

Continua a leggere

Cronaca

Verona, cinque calciatori condannati per violenza sessuale di gruppo: i particolari

Pubblicato

il

Era il gennaio 2020, quando cinque calciatori della società Virtus Verona, abusarono sessualmente di una studentessa ventenne. Oggi, sono stati condannati a sei anni di reclusione ciascuno, oltre alle varie interdizioni di legge, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo.

In particolare, la sentenza è stata emessa con rito abbreviato, nei confronti di:

Stefano Casarotto, 26enne di Venezia;

Gianni Manfrin, 29enne di Padova;

Edoardo Merci, 23enne di Verona;

L’argentino Santiago Visentin;

Il romeno Daniel Onescu.

Secondo la ricostruzione fornita dalla vittima, all’epoca dei fatti essi erano compagni di squadra, e lei fu accompagnata da uno di loro, tra l’altro suo compagno di scuola, in un appartamento dove si trovavano gli altri quattro. A quel punto, sarebbe stata fatta ubriacare e poi sottoposta a rapporti sessuali non consenzienti, con la società scaligera che li aveva sospesi o ceduti ad altre squadre.

Pertanto, la ragazza denunciò l’episodio alle autorità competenti, ottenendo un risarcimento dai cinque per ciò che aveva subito, ma che non ha sottratto i giovani dalla responsabilità penale, per cui la pena di sei anni per ciascuno di loro. Tuttavia, gli imputati hanno già annunciato il ricorso in appello.

Continua a leggere

Cronaca

Tragedia sul lavoro, Giuseppe muore travolto da un carico di legna: aveva 22 anni

Pubblicato

il

Tragico incidente sul lavoro avvenuto presso l’agriturismo ‘Il Castagneto’ a Campagna, in provincia di Salerno, nel quale ha perso la vita Giuseppe Stabile, 22 anni.

Stando alle prime informazioni, il giovane stava sistemando un carico di legna, quando i tronchi sarebbero scivolati, travolgendolo. Pertanto, l’impatto con il legname ha provocato danni irreparabili agli organi interni e Giuseppe è morto poco dopo l’arrivo dei soccorsi. Lascia la moglie e due figli.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy