Resta sintonizzato

Attualità

Napoli, l’incredibile storia di Ahmed: a processo per stupro, si addormenta e si risveglia dopo un anno

Pubblicato

il

La storia che vi stiamo per raccontare ha dell’incredibile, e vede come protagonista Ahmed, un 28enne pakistano arrestato per presunta violenza sessuale ai danni di un minorenne.

In particolare, l’uomo ha prima smesso di mangiare, poi non si è più alzato dal letto, e infine si è addormentato per un anno. Tuttavia, il 28enne si è risvegliato alcuni giorni fa all’ospedale Cardarelli di Napoli, dov’era stato ricoverato. L’ultima volta che fu ascoltato, era nel luglio 2021, quando egli si dichiarò innocente davanti al Gip.

Pertanto, il caso fu definito dai giudici una ‘simulazione riferibile a sindrome di Ganser’, che inizia con una simulazione, ma che poi porta il soggetto ad ammalarsi veramente. La prossima udienza, si terrà a gennaio.

Intanto, sulla questione è intervenuta anche Susanna Moretti, coordinatrice nazionale di Antigone, la quale ha così dichiarato:

“Ho incontrato il 1 giugno scorso il giovane Ahmed nel centro clinico del carcere di Regina Coeli, era addormentato ed era in quello stato da vari mesi: mi sono chinata sulla sua faccia, gli ho urlato e non si è minimamente mosso, era in uno stato di profondo addormentamento; ho parlato con il compagno di cella e mi ha detto che non si era mai svegliato, nè aveva mai fatto un movimento, nè di giorno nè di notte”.

Attualità

Napoli, divampa la protesta degli studenti contro il 41Bis: occupata L’Orientale

Pubblicato

il

Divampa la protesta all’istituto universitario ‘L’Orientale’ di Napoli, dove alcune decine di studenti hanno tenuto un’assemblea nel pomeriggio presso la sede di Palazzo Giusso, al termine della quale hanno esposto uno striscione recante la scritta ‘Orientale Occupato contro il 41Bis. Alfredo libero’.

In particolare, l’assemblea è stata convocata per discutere della vicenda relativa all’anarchico Alfredo Cospito, in sciopero della fame ormai da mesi, come forma di protesta contro il regime del 41Bis cui è sottoposto.

Pertanto, all’assemblea hanno partecipato centinaia di ragazzi, uno dei quali ha così spiegato:

“Nel corso dell’assemblea abbiamo valutato quanto sta accadendo. Poi, abbiamo deciso di fare qualcosa anche per richiamare l’attenzione, così come è già avvenuto in altre città di Italia. Noi siamo al fianco di Cospito che sta protestando, noi siamo contro il 41 bis che è una misura che dev’essere subito abolita”.

Continua a leggere

Attualità

Nuova giornata di disagi per la mobilità a Napoli: al via i test sul nuovo treno, per cui la linea sarà interrotta

Pubblicato

il

È arrivato il giorno del nuovo stop alla metropolitana di Napoli. La linea 1 infatti resterà chiusa, dalle 9 alle 17, per i test sul secondo dei nuovi treni. Come già accaduto il 1 febbraio, non sono state predisposte navette sostitutive. Nuovi test dovrebbero essere previsti per giovedì prossimo. Il servizio in direzione Piscinola riprenderà alle 16.52 da Garibaldi, alle 16.45 da Municipio, alle 16.46 da Vanvitelli; in direzione Garibaldi invece alle 16.45 da Materdei, alle 16.45 da Rione Alto e alle 16.48 da Piscinola. Ansfisa, l’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali e autostradali, si trova al centro di una vertenza sindacale nazionale, e di notte non c’è disponibilità del personale dell’agenzia addetto alle verifiche del materiale rotabile.

“Le prove dei treni sono per me così importanti che dovendo scegliere il male minore, in questa fase di forte agitazione sindacale, purtroppo il male minore è chiudere alcune ore di mattina la linea 1 – sono le parole dell’assessore Edoardo Cosenza – Questa settimana accadrà giovedì. È dolorosissimo, però per noi immettere un secondo treno significa portare ai cittadini un miglioramento molto grande, perché il tempo di attesa scenderebbe a 10 minuti e mezzo” Dopo queste prove dinamiche, per le quali non basterà un solo giorno, bisognerà poi fare soltanto 5000 km, ma questo è un fatto nostro interno, possiamo farlo di giorno, di notte, non ci sono problemi. Alcuni degli stop giornalieri, questo devo precisarlo, si fanno per i vecchi treni”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli. Senzatetto, in città sono più di 1400 al freddo

Pubblicato

il

L’inverno napoletano sta attraversando, in questi giorni, quello che dovrebbe essere il suo momento di freddo più intenso. Temperature vicine allo zero, che rendono questi giorni particolarmente duri per chi non ha un tetto sotto il quale trovare riparo. L’accoglienza ai clochard, tema quindi quandomai d’attualità, è l’argomento di cui abbiamo discusso con Benedetta Ferone, responsabile dei servizi per i senza fissa dimora della Comunità di Sant’Egidio. “C’è uno sforzo importante in corso, una sinergia costruttiva tra Comune, Chiesa di Napoli e associazioni. È vero che i posti non bastano, ma stiamo lavorando insieme e c’è disponibilità da parte di tutti i soggetti coinvolti a continuare a farlo. 

Vorrei anche aggiungere: c’è bisogno di tutti. È vero che serve l’aiuto delle istituzioni, strutturale, un aiuto imprescindibile. Però è tutti insieme che possiamo fare la differenza”. “Noi come Comunità di Sant’Egidio abbiamo aperto un’accoglienza da freddo da inizio dicembre, ma si è subito riempita. La Chiesa di Napoli ha aperto Santa Maria del Trionfo in via Foria e ora aprirà una tensostruttura esterna riscaldata.” “Mi spiego: normalmente serve il permesso di soggiorno per accedere ad un dormitorio pubblico. L’assessore Trapanese, su nostra richiesta, ha disposto una stanza al piano terra nell’ex dormitorio pubblico alla quale si accede senza la necessità di mostrare il permesso di soggiorno.

È un tipo di accesso facilitato che è possibile anche al centro di via Bernardo Tanucci”.”Esatto, vediamo come va. Speriamo Anm sia tollerante e faccia entrare i senza fissa dimora prima della mezzanotte. Ne abbiamo parlato con l’assessore, è troppo tardi l’ingresso a quell’ora quando fa freddo. La nostra accoglienza apre alle 19.30 e siamo proprio al limite”.Sì, i posti al momento sono tutti occupati e c’è il problema di reperirne di ulteriori. Inoltre manca una risposta per le donne senza documenti, per le coppie, e per le persone con cani. C’è stata una forte richiesta anche da parte di queste categorie, ma al momento non è stato possibile rispondere positivamente

Come Comunità di Sant’Egidio sono ormai 30 anni che aiutiamo i senza fissa dimora, e nel tempo sono state tante le persone che con noi hanno fatto percorsi di uscita dalla strada. È un reinserimento sociale che comincia anche solo dall’avere un letto in cui dormire, dal fare due chiacchiere a cena, dal riappropriarsi di una dimensione sociale, di condivisione”.“Si può aiutare in due modi. Direttamente e di persona, innanzitutto segnalando, quindi essendo vigili quando si è in strada. Soccorrendo chi non è coperto abbastanza ad esempio, offrendogli una bibita calda, oppure facendo presente se c’è un problema più complesso. La seconda cosa che si può fare è raccogliere dei beni utili ad affrontare il freddo: sacchi a pelo, coperte, thermos”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy