Resta sintonizzato

campania

Napoli. Condannati due pusher detenuti per spaccio di stupefacenti

Pubblicato

il

Quattro anni di reclusione per due detenuti-spacciatori che lo scorso 20 dicembre furono sorpresi con 79 grammi di hashish e uno smartphone dagli uomini della Polizia Penitenziaria del carcere napoletano di Secondigliano. Lo rende noto Pasquale Gallo, segretario regionale per la Campania del sindacato Sinappe. I due, detenuti nel circuito Alta Sicurezza, furono individuati dagli agenti, diretti dal comandante Gianluca Colella, durante una perquisizione. “Un altro duro colpo alla criminalità organizzata che, sempre più frequentemente, sta cercando di estendere il suo raggio d’azione all’interno delle carceri investendo nel florido e redditizio mercato intramurale della droga e degli smartphone”, commenta Gallo.

campania

Napoli. Scivola con lo scooter per colpa del ghiaccio, tanti i messaggi per lui sui social

Pubblicato

il

Lutto a Ticciano, frazione di Vico Equense, dove ha perso la vita il giovane Stefano Celentano. Stefano, 17 anni, ieri mattina era in sella alla sua moto quando a causa del ghiaccio che copriva il manto stradale ha perso il controllo del mezzo. Stefano ha impattato violentemente con il suolo e purtroppo ha perso la vita. Immediati i soccorsi, ma all’arrivo dei sanitari già non c’era più nulla da fare.”La vita di Stefano Celentano si è spenta per sempre una fredda mattina di febbraio.

A piangere il giovane studente la comunità di Ticciano, frazione di Vico Equense, dove il 17enne abitava. Un giovane che guardava al futuro con il sorriso e la speranza: la scuola, gli amici, lo sport poi tutto si è fermato in un attimo. Qualcuno ha deciso che per Stefano il tempo doveva arrestare la corsa della vita, i suoi sogni…Un destino crudele ha trasformato la strada in una trappola di morte. Un buco nero di dolore incolmabile si è aperto nel cuore dei genitori e di tutti coloro che hanno condiviso con Stefano gli anni più belli della sua vita. Tutti saranno per sempre legati alla pianta del ricordo e dell’immortalità della sua anima. (N.M.) R.i.p”.

Continua a leggere

campania

Napoli. Scaraventa la figlia di 2 anni sul pavimento, sul posto sono intervenuti i carabinieri

Pubblicato

il

Brutale aggressione a Forio d’Ischia dove un uomo ha aggredito la compagna e la figlioletta di 2 anni. Stando al racconto della donna le violenze andavano avanti da almeno 4 anni e neanche l’arrivo in famiglia della piccola ha fatto cambiare atteggiamento all’uomo. Sul posto arrivano i Carabinieri, allertati dai vicini allarmati dalle urla, Il 41enne è finito in manette e per lui si sono aperte le porte del carcere, mentre mamma e figlia sono state socorse. Per la donna è prevista una prognosi di 7 giorni, mentre la bimba è ancora ricoverata in osservazione ma non è in pericolo di vita.

Continua a leggere

campania

Napoli. Picchia ragazza trans, figlio del boss si giustifica, avrebbe raccontato la propria versione sui social

Pubblicato

il

Qualche sera fa, su Tik Tok, un giovane e alcuni suoi amici sono stati protagonisti nel corso di una diretta. Il giovane – figlio di un noto esponente della malavita napoletana -, in particolare, ha voluto fornire la propria versione dei fatti in merito ad un’aggressione ai danni di una ragazza. Quest’ultima, che da poco aveva conosciuto il ragazzo, è stata malmenata perché il giovane ha scoperto che si era sottoposta a una serie di interventi chirurgici per diventare donna.

Il ragazzo ha dichiarato sul social di essersi sentito preso in giro e di avere avuto una reazione istintiva e violenta perché sotto choc, ma di non avere nulla contro quella ragazza, che ha definito una “sfortunata”. Tuttavia la giovane, in quella notte di metà gennaio, ha subìto abusi di varia natura ed è finita in ospedale con una prognosi di 15 giorni. La diretta è andata in onda sul social intorno alle 22 di lunedì scorso: è durata quasi due ore ed ha sfiorato i 5mila utenti. Sulla vicenda indagano la Polizia e la Procura.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy