Resta sintonizzato

Calcio

Napoli, 4 ultras fermati a Genova con tre spranghe di ferro

Pubblicato

il

Stavano andando a vedere la partita Sampdoria-Napoli, ma nel bagagliaio avevano tre spranghe di ferro, forse usate negli scontri con i tifosi romani all’interno dell’area di servizio della Badia al Pino, sull’Autostrada del Sole. Per questo ieri pomeriggio quattro ultrà del Napoli hanno forzato un posto di blocco a Genova Nervi. I quattro, di età compresa tra i 21 e i 27 anni, sono stati inseguiti dagli agenti della polizia stradale e fermati poco dopo. I poliziotti hanno controllato il bagagliaio e hanno trovato le mazze. Il conducente ha spiegato che erano sue e per questo è stato denunciato.

I quattro sono stati portati in questura e sono stati identificati. Ieri i controlli di Polstrada e Digos sono stati intensificati dopo gli scontri avvenuti alle 14 in A1 tra romanisti e partenopei. La polizia genovese ieri ha identificato circa 80 ultrà napoletani fermati a Genova Est a bordo di nove pulmini. I tifosi, dopo le formalità, sono stati fatti tornare indietro e scortati fino al loro arrivo a Napoli.

Calcio

Incontro di calcio Napoli-Roma, denunce e sanzioni.

Pubblicato

il

Ieri, nell’ambito dei servizi predisposti dalla Questura per l’ordine e la sicurezza pubblica nell’area dello stadio “Maradona” in occasione dell’incontro di calcio Napoli-Roma, gli agenti del Commissariato San Paolo, durante i servizi di filtraggio per l’accesso allo stadio, hanno sanzionato 11 persone sia per detenzione di sostanza stupefacente per uso personale che per violazione del regolamento d’uso dell’impianto sportivo; un’ altra persona, invece, è stata sanzionata per violazione del regolamento d’uso per aver utilizzato un puntatore laser all’indirizzo del campo di gioco provocando l’attivazione dello staff arbitrale con conseguente annuncio da parte dello speaker dello stadio.

Inoltre, poco dopo l’inizio della partita, è stata segnalata l’accensione di un fumogeno e, grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza dell’impianto sportivo, gli operatori hanno constatato che un infraquattordicenne lo aveva acceso e lasciato cadere a terra per poi avvicinarsi al padre; pertanto, hanno raggiunto quest’ultimo che ha consegnato un altro Fumone di cui era in possesso il minore. Ancora, i poliziotti hanno denunciato 5 persone, tra i 20 e i 25 anni, per scavalcamento dal settore inferiore a quello superiore della Curva A; nei loro confronti è stata avviata la procedura finalizzata all’emissione del Daspo.

Infine, durante i servizi di controllo nel perimetro dell’impianto sportivo, finalizzati anche al contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi e della sosta selvaggia, sono stati sanzionati 10 parcheggiatori abusivi, mentre personale della Polizia Locale ha rimosso 46 autovetture in sosta vietata contestando complessivamente 52 violazioni del Codice della Strada.

Continua a leggere

Calcio

Napoli. Il Cholito stende i giallorossi, un pesantissimo successo per la squadra azzurra

Pubblicato

il

Vittorie così segnano la storia di una stagione e forse, in questo caso, non solo. Il Napoli batte la Roma al Maradona per 2-1 in un match soffertissimo, ma per questo ancora più bello. A decidere le sorti dell’incontro un gol del ‘Cholito’ Simeone, l’uomo del destino, nei minuti finali. A sbloccare il risultato il solito Osimhen con un gol da cineteca nel primo tempo. A 15′ dal termine il pareggio giallorosso con El Shaarawy, ‘bestia nera’ dei partenopei. All’86’, però, l’argentino regala il successo agli uomini di Spalletti, con un’altra rete da tre punti, l’ennesima del suo campionato. A centrocampo Zielinski confermato titolare, con Elmas che parte dalla panchina. Mourinho si affida alla coppia Abraham-Dybala, con Zalewski e Spinazzola ai lati a tutta fascia.

Al 4′ primo squillo azzurro: Kvaratskhelia si accentra e calcia forte dal limite, ma Rui Patricio riesce a deviare in angolo. All’11’ incomprensione tra Meret e Kim, il pallone rischia di carambolare in porta dopo il colpo di testa del coreano, ma tocca il palo e finisce in calcio d’angolo. Al 16′ lampo di Kvaratskhelia sulla sinistra, palla morbida dal fondo per Osimhen che stoppa, controlla e poi calcia un missile terra aria che fredda Rui Patricio per la rete dell’1-0. A fine tempo è ancora il centravanti nigeriano a sfiorare il raddoppio di testa, su cross dalla destra di Lozano. Nel recupero indecisione della retroguardia azzurra, Spinazzola calcia in area, ma Meret salva. Al 55′ splendida azione di Lozano sulla destra. Il messicano pesca al centro Kvaratskhelia, ma il georgiano non controlla al meglio e non riesce a piazzare la zampata. Al 62′ Cristante di testa anticipa tutti sugli sviluppi di un corner, ma Meret salva ancora. Lozano vola ancora in contropiede, ma Rui Patricio risponde alla grande sul suo tiro. Al 68′ primi cambi in casa azzurra: fuori Mario Rui e Kvara, dentro Olivera ed Elmas. Al 72′ problemi per Abraham: dentro Belotti.

Al 75′ la Roma pareggia con El Shaarawy, che anticipa Lozano e batte sottomisura Meret. Escono Osimhen e Lozano, dentro Simeone e Raspadori. All’85 il palleggio del Napoli produce una splendida azione manovrata, conclusa al meglio dal ‘Cholito’ Simeone, che trova la bordata vincente del 2-1. Al 90′ Raspadori tenta il tris, ma Rui Patricio si oppone. Forcing finale della Roma, ma il Napoli la porta a casa. Finisce 2-1 e il Maradona esplode di gioia.

Continua a leggere

Calcio

Napoli. Caso Osimhen, il procuratore federale chiederà alla Procura di Napoli le carte dell’attaccante nigeriano

Pubblicato

il

La Napoli sportiva è in fibrillazione dopo che Repubblica ha fatto sapere che Giuseppe Chinè, il procuratore federale, chiederà alla Procura di Napoli le carte relative alla vicenda Osimhen. E secondo il Mattino la procura avrebbe inviato a tutti i protagonisti un avviso di proroga delle indagini. Innanzitutto c’è da dire che ad oggi sul caso Osimhen mancano intercettazioni e mail dalle quali emergerebbe qualcosa di simile al presunto metodo usato dalla Juventus per costruire bilanci falsi, una differenza sostanziale.

La Juve viene punita per un sistema truffaldino, mentre le altre, per le plusvalenze, sono state assolte in passato. Insomma, chi parla di plusvalenze e dice ‘perché la Juve sì e gli altri no?’ non capisce nulla“, spiega Umberto Chiariello di Canale 21 ai microfoni di Campania Sport. Per il giornalista. I 5 milioni di valutazione per Karnezis non possono essere messi in discussione perché, come detto, il valore di un giocatore non è quantificabile prima. Per quel che concerne i giovani passati dal Napoli al Lille, sui quali qualcuno sostiene che la cosa puzzi, c’è da dire che i soldi per prendere Osimhen ci sono, sono stati dati concretamente ed il calciatore ora vale 100 milioni. 

Un conto è usare la plusvalenza, che di per sé è legittima, un altro è abusarne utilizzandola per calciatori che ormai non valgono più nulla. Sul fatto che il Napoli avrebbe fatto un falso in bilancio nell’operazione Osimhen dico che il solo pensiero rende ridicoli. Soldi e non fuffa. Gli altri 20mln sono stati calcolati per tre giovani della Primavera e il portiere Karnezis, che è stato anche un nazionale greco”. E ancora: “Il calciatore per le quali sono state fatte queste plusvalenze non fittizie si chiama Victor Osimhen, sapete oggi quanto vale? La base d’asta che ci sarà quest’estate per il nigeriano sarà di 130mln di euro, si può arrivare facilmente a 150. Parliamo del terzo miglior attaccante d’Europa, che sta stracciando tutti i record e vale il doppio di quando il Napoli l’ha preso. Quindi vi sentite un po’ ridicoli a trascinare il Napoli in questa storia delle plusvalenze”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy