Resta sintonizzato

Secondigliano

Napoli, incendio in un palazzo a Secondigliano: evacuati trenta inquilini tra cui quattro bambini

Pubblicato

il

Ieri sera verso le 22 i Carabinieri della stazione Napoli Secondigliano sono intervenuti a via Sardegna 47 per un incendio scoppiato in un palazzo. Da una prima ricostruzione ancora da verificare pare che le fiamme sarebbero riconducibili al malfunzionamento di una stufetta elettrica all’interno di un appartamento al piano terra. Il fumo ha interessato l’intero stabile composto da 5 piani e i carabinieri con i vigili de fuoco hanno fatto evacuare i 30 inquilini presenti di cui 4 bambini.

Le fiamme sono state domate e solo questa mattina i residenti sono stati fatti rientrare nelle loro rispettive abitazioni. Dichiarata inagibile la stanza al piano terra dove sarebbe partito l’incendio.

Città

Alto impatto a Secondigliano

Pubblicato

il

Stamattina gli agenti del Commissariato Secondigliano, personale dell’A.S.L. Napoli1 Centro-U.O.C. Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro, personale dell’Ispettorato del Lavoro di Napoli, con il supporto della Polizia Locale del Comune di Napoli- U.O. Secondigliano, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nel quartiere Secondigliano.

Nel corso dell’attività sono state identificate 12 persone, di cui 4 con precedenti di polizia, controllati 5 veicoli e contestate tre violazioni del Codice della Strada per occupazione abusiva di suolo pubblico, sosta in prossimità di un’intersezione e per sosta in doppia fila. Inoltre, gli operatori hanno controllato un cantiere edile di via G. Pintor  ed è stato denunciato l’affidatario dei lavori  in quanto il ponteggio utilizzato per il rifacimento dello stabile non rispettava i requisiti di sicurezza e per aver violato gli obblighi della ditta affidataria dei lavori; pertanto è stato ordinato il divieto d’uso del ponteggio fino alla sua messa in sicurezza.

Ancora, gli agenti nel cantiere hanno riscontrato la presenza di un lavoratore non in regola e, per tal motivo, alla ditta datrice di lavoro è stata applicata la sospensione dell’attività fino alla regolarizzazione del lavoratore.

Continua a leggere

campania

Napoli. Detenuti appiccano incendi in carcere, “Violenze e aggressioni negli ultimi mesi”, denuncia il Sappe

Pubblicato

il

Un pomeriggio da dimenticare quello di ieri nel carcere di Secondigliano, che avrebbe avuto tragiche conseguenze se l’intervento degli agenti di polizia Penitenziaria non fosse stato tempestivo e provvidenziale.“Un detenuto del circuito Alta sicurezza, attualmente ristretto nel Reparto accettazione, ha incendiato la cella dove era ubicato. Alcune unità di Polizia Penitenziaria sono prontamente intervenute per spegnere l’incendio e portare fuori dalla cella l’uomo e gli altri detenuto, visto che si era già propagato del denso fumo nero. I detenuti sono stati precauzionalmente trasferiti nei cortili passeggi. Al termine, alcuni poliziotti sono ricorsi alle cure dei sanitari per intossicazione”.

Anch’egli è stato salvato dal provvidenziale intervento degli Agenti, evidenzia il SAPPE. Il segretario generale del SAPPE Donato Capece esprime “solidarietà ai poliziotti di Secondigliano. Urgono interventi concreti da parte dell’Amministrazione Penitenziaria regionale a tutela del personale che lavora nelle carceri italiane, della Campania e in particolare a Secondigliano. Gli eventi critici contro gli appartenenti alla Polizia Penitenziaria sono aumentati in maniera spaventosa e, come dimostra quel che è avvenuto a Secondigliano, gli eroici poliziotti penitenziari rischiano davvero la vita per fronteggiare la follia criminale di certi delinquenti che anche in carcere non si fanno scrupoli di mettere a repentaglio la vita delle persone”, conclude.

“E tutto questo in assenza di provvedimenti utili a garantire la sicurezza e l’incolumità del personale di Polizia Penitenziaria”. Da qui l’appello del SAPPE al Ministero della Giustizia per solleciti interventi per il reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di Secondigliano.

Continua a leggere

campania

 Napoli. Alto impatto a Secondigliano

Pubblicato

il

Ieri mattina gli agenti del Commissariato Secondigliano, i carabinieri della Stazione di San Pietro a Patierno, personale della Polizia Locale e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, del Reparto Mobile di Napoli, della Polizia Scientifica e dei Cinofili dell’Ufficio Prevenzione Generale, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio nel quartiere di San Pietro a Patierno, in particolare in via  della Bussola.

Nel corso dell’attività sono state identificate 80 persone, di cui 35 con precedenti di polizia, controllati 78 veicoli, di cui 2 sottoposti a sequestro amministrativo, 3 a fermo amministrativo e 24 rimossi poiché trovati in stato di abbandono. Inoltre, sono state contestate 14 violazioni del Codice della Strada per mancata copertura assicurativa, mancata revisione periodica, guida con patente scaduta, guida con patente diversa da quella prevista, mancata esibizione dei documenti di circolazione; ancora, una patente è stata ritirata poiché scaduta mentre una persona è stata denunciata per guida senza patente; sono state, altresì, controllate 11 persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari.

Gli operatori, sempre in via della Bussola, hanno rinvenuto e sequestrato a carico di ignoti circa 70 gr. di marijuana, 2 bilancini di precisione e diversi attrezzi atti allo scasso nonché controllato 3 locali al fine di ricercare armi od esplosivi detenuti illegalmente. Infine, in via della Bussola e in via Cupa del Principe, una 39enne e un 22enne, entrambi napoletani, sono stati denunciati per contrabbando poiché sorpresi con circa 18kg di tabacchi lavorati esteri privi del marchio del Monopolio di Stato e con 1.249 euro che sono stati sequestrati.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy