Resta sintonizzato

Politica

Lungomare di Napoli niente pizze

Pubblicato

il

-NAPOLI- Lo ha deciso il Comune partenopeo, che ha spiegato in una nota ufficiale che “la Mostra d’Oltremare è un complesso fieristico da valorizzare sempre più, come nelle intenzioni della nostra Amministrazione”. L’assessore al Turismo e alle Attività produttive di Palazzo San Giacomo, Teresa Armato, ha anche aggiunto che “siamo consapevoli del valore del Pizza Village, che attraverso le iniziative organizzate ha attirato un numero sempre crescente di partecipanti e visitatori fino ai numeri record dello scorso anno.  E’ un appuntamento dal forte valore identitario e di richiamo turistico, vede la partecipazione di centinaia di migliaia di persone, provenienti da fuori regione e dall’estero con un’incidenza positiva anche sull’occupazione alberghiera e sui servizi dell’intera filiera”. “Il Pizza Village 2023 alla Mostra d’Oltremare era la scelta giusta, anzi la migliore possibile”, ha commentato Gennaro Acampora, Capogruppo del Partito Democratico al Comune di Napoli, che ha poi ringraziato “il sindaco Manfredi e l’assessore Armato per una decisione che è di buon senso, tutela il lungomare, conferma il rilancio del polo fieristico e consente all’evento di rimanere su scala nazionale e internazionale”. Lo stesso Acampora ha spiegato che “l’opzione del Parco Virgiliano presentava carenze di spazi, nessun collegamento con la rete di trasporto pubblico nonché rischi derivanti da eventuali allerte meteo o l’attuazione di ordinanze anti-alcol. Al contrario la Mostra d’Oltremare”, ha concluso, “offre parcheggi per ospitare addetti ai lavori e visitatori, spazi ideali per gli espositori, una centralità della location rispetto alle infrastrutture cittadine”. “si conferma la centralità strategica della Mostra, che ha una vocazione per i Grandi eventi e una tradizione consolidata in questo senso”.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Sophia Loren, Regione Campania stanzia 450 mila € per il suo 90esimo compleanno: consigliera le chiede di rinunciare

Pubblicato

il

Marì Muscarà, consigliera regionale della Campania (gruppo misto), ha scritto una lettera-appello a Sophia Loren, non la solita lettera cui è abituata a ricevere la diva di origini puteolane. La richiesta di Muscarà è quella di rununciare ai festeggiamenti del 90esimo compleanno della Loren (20 settembre), previsti dalla Regione Campania con relativo stanziamento di risorse (450 mila euro), al fine di devolvere i fondi a favore delle battaglie contro la violenza sulle donne.

“Le scrivo questa lettera – è la stessa consigliera a rendere noto il contenuto della missiva – perché ho saputo che la Regione ha stanziato 450 mila euro dei contribuenti per l’evento del suo novantesimo compleanno. Non c’è dubbio che con la sua arte e la sua storia è diventata il simbolo indiscusso di Napoli, e trovo giusto che la città festeggi con Lei questo bellissimo traguardo. Lei ha rappresentato e continua a rappresentare l’essenza e l’anima della nostra terra, con il suo talento e la sua eleganza che hanno conquistato il mondo.
Tuttavia – sottolinea Muscarà – mi permetto di riflettere insieme a Lei su un’alternativa che potrebbe avere un impatto profondo e duraturo. Non sarebbe meglio se questi 450 mila euro venissero investiti in una causa sociale importante, come le associazioni che si occupano di violenza sulle donne? Lei stessa si è fatta promotrice di questo tema con il suo indimenticabile film ‘La Ciociara’, che ha dato voce e visibilità a una realtà dolorosa ma purtroppo ancora attuale. In un momento storico in cui tante donne continuano a subire violenze e abusi, un gesto come questo potrebbe rappresentare una speranza concreta e un sostegno fondamentale per chi si trova in difficoltà”.

“Se Le fa piacere potrebbe – prosegue Muscarà – contattare Lei la giunta regionale chiedendo di indirizzare tali fondi per questa giusta causa? Mi auguro – conclude la consigliera regionale – che possa considerare questa proposta come un’opportunità per unire la festa del suo compleanno a una causa che le sta a cuore e che potrebbe fare la differenza nella vita di molte persone”.

Continua a leggere

Lavoro

Lavoro e Sicurezza, Landini (Cgil) deposita in Cassazione 4 milioni di firme raccolte

Pubblicato

il

Una delegazione della Cgil guidata dal segretario generale, Maurizio Landini, è arrivata davanti alla Cassazione per depositare le firme raccolte dal sindacato per i quattro referendum sul lavoro e la sicurezza.
Per ogni quesito sono state raccolte un milione di firme.

“Quattro milioni di firme di cittadini che chiedono di votare per cambiare leggi sbagliate e che vogliono affermare la libertà nel lavoro e nella vita. Per la libertà di non essere precari, di non essere sfruttati, di non morire sul lavoro, di avere una sanità che funziona”, ha detto Landini – come riporta l’Ansa.

“In un Paese dove la metà dei cittadini non va a votare – dice – i cittadini firmano perché vogliono che il loro voto conti e il loro giudizio possa cambiare la situazione. La Cgil si è messa a loro disposizione e oggi inizia una fase nuova che è quella di portare a votare 25 milioni di persone per cambiare questo Paese e per rimettere al centro il lavoro, i diritti e la libertà delle persone”, ha concluso.

Continua a leggere

Politica

Presentazione palinsesti Rai, De Luca: “Con la finzione un grande Paese non può vivere. Va fatta una scelta di libertà”.

Pubblicato

il

“Tutto quello che sta sconvolgendo il mondo e le nuove tecnologie vi chiama in causa.
Voi che siete un’azienda pubblica avete il compito etico di avvicinare i cittadini sempre di più al mondo reale”.


Lo dice il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel suo breve intervento di saluto in occasione della presentazione dei palinsesti del servizio pubblico a Napoli.

Per chi fa politica si va dalle palle ai palloni alle mongolfiere, ho visto oggi titoli di giornali del nord sul pagamento delle bollette, siamo a livello di mongolfiere… Dovete trascinare i cittadini a distinguere il mondo virtuale da quello reale, è un impegno di libertà”, dice ancora.

“Un’Italia che oscilla tra ignavia e abuso di potere che riguarda tutte le componenti di potere. Ogni tanto va fatta qualche scelta di libertà per tutelare il futuro della vita democratica. Dateci una mano a non precipitare in un mondo virtuale fatto di frottole”, anche perché “con la finzione un grande Paese non può vivere”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy