Resta sintonizzato

Attualità

Dopo tanto tempo si riaccende una speranza, gli operai della ex Whirlpool ritornano in fabbrica

Pubblicato

il

Abbracci e pacche sulle spalle tra i lavoratori per l’arrivo nel Cral aziendale. Ha già il sapore del riscatto, aspettando la riapertura dei cancelli di via Argine chiusi dal 31 ottobre del 2020. Nonostante la pioggia senza fine ci sono anche tante lacrime da parte degli ex operai della Whirlpool di Napoli perchè dopo tanto tempo si riaccende una speranza. Dopo il tempo trascorso, si ha come una “fumata bianca” da parte del ministero delle Imprese e del Made in Italy che ha sancito, definitivamente il passaggio dalla Zes Campania alla Tea Tek, azienda napoletana che si dedica al fronte delle energie rinnovabili che ha presentato un progetto di reindustrializzazione del sito e che ora è impegnata ad assumere i 312 operai con le stesse condizioni economiche e normative. Da quanto emerso nel corso dell’assemblea tenuta stamane gli operai e parti sociali firmeranno un nuovo contratto determinato fino il mese di ottobre 2023, ovvero l’ultimo mese di copertura della Naspi. Purtroppo però bisognerà attendere ancora un pò di tempo per ritornare a lavorare ci vorranno circa 9 mesi solo per installare i nuovi macchinari dove in precedenza c’erano delle lavatrici.

Questa volta però, il progetto c’è ed è concreto dopo tanti tentativi e la continua lotta operaia . Merito anche del lavoro svolto che si è dimostrato efficace. Il Commissario Straordinario del Governo della Zes Campania a gennaio del 2023 pubblica l’avviso, per l’individuazione di investitori a cui trasferire la proprietà, il cui è terminato lo scorso 26 aprile con il trasferimento del compendio produttivo ex Whirlpool, ufficializzato ieri al Mimit, «A prescindere dalle tempistiche – spiega fiducioso il segretario della Fim di Napoli, Biagio Trapani – si vede per la prima volta una prospettiva in questa vertenza: l’impressione che abbiamo avuto è quella di un’azienda che sa il fatto suo». Resta tuttavia «la necessità di accelerare i tempi, come chiede anche l’azienda, per stilare con le istituzioni un accordo quadro che traghetti tutti i lavoratori finalmente a regime nel 2025». Anno che potrebbe sancire la definitiva rivalsa delle tute blu. Il progetto green, illustrato ieri dal ceo di Tea Tek, è composto da tre parti essenziali:

  1. Riguarda la produzione di componenti metalliche per la realizzazione di inseguitori solari che dovrebbe impiegare, dal 2025, 172 lavoratori a regime pieno. Avvalendosi persino di una partnership con importanti produttori stranieri.
  2. “Porzione” consiste invece nella produzione di power skid per impianti fotovoltaici. La quale dovrebbe impiegare a regime altre 90 risorse, sempre a partire dal 2025.
  3. Potrebbe coinvolgere altri partner affiancandosi all’acquisizione di una fabbrica di trasformatori.

Infine, le rimanenti 50 unità provenienti dal bacino dell’ex Whirlpool andrebbero assunte nella creazione di un laboratorio di ricerca sulle tecnologie rinnovabili a cui sarà annessa una piccola linea di produzione per fotovoltaici stradali con il compito di sperimentare nuove soluzioni per le smart city. Gli investimenti della Tea Tek, per poter realizzare le tre attività, ammonteranno dai 25 ai 28 milioni di euro. Chiedendo un così detto sprint nella riconversionesi va a supportare l’azienda e al tempo stesso i lavoratori, attraverso il coinvolgimento di Invitalia per poter sostenere la formazione per riqualificare il personale e gli investimenti promossi dalla Tea Tek. «Confidiamo nel supporto delle istituzioni pubbliche – precisa Gianluca Ficco, segretario nazionale della Uilm – dal momento che questo progetto deve diventare realtà in tempi rapidi. Precisamente entro ottobre 2023, l’ultimo mese per i lavoratori di copertura del sussidio di disoccupazione. Pochi mesi quindi per convincere le istituzioni, Governo e Regione su tutti, a spalleggiare il progetto in ogni modo».

Intanto, in attesa di poter fissare la ristrutturazione dello stabilimento e la contestuale riorganizzazione del lavoro futuro, le sigle sindacali di categoria di Fim, Fiom e Uilm non nascondano la dovuta contentezza del momento che sa già di vittoria. «Oggi – evidenzia Barbara Tibaldi, segreteria nazionale Fiom – è un giorno che segna una grande vittoria per questi operai. Manca ancora un pezzo di lavoro da svolgere ma possiamo dire fin da ora che questo è un grande successo che può fungere da monito per tutto il Mezzogiorno dove occorre investire sempre di più, in modo pubblico e privato, per costruire prospettive per il futuro».

Per le tute blu, si preferisce vedere la riapertura dei cancelli, il che diventerebbe una vera e propria vittoria per tutta la città. «È la vittoria di Napoli – commenta, senza doverci pensare neanche per un secondo, l’Rsu di fabbrica e sindcalista Uilm Vincenzo Accurso – perché a guadagnarci sarà l’intero territorio. Ed è anche una risposta per tutto quello che sta succedendo nel Paese dove al Sud il lavoro scompare ogni giorno. Oggi possiamo dire che al Meridione si può resistere credendo nelle proprie forze». «Fin dal primo momento della nostra lotta – conclude Accurso – siamo andati contro un sistema volto a desertificare il Sud, impoverendo il territorio dove siamo nati e cresciuti. Oggi il nostro è sicuramente un riscatto personale ma la condividiamo con tutta la città. Con tutta quella Napoli che ha sempre dimostrato di poter valere».

Attualità

Crollo Scampia, l’appello del Santobono: “ATTENZIONE!, manca sangue 0 negativo e A negativo”

Pubblicato

il

“I nostri bambini hanno bisogno del tuo aiuto”: è il drammatico appello lanciato dall’ospedale Santobono Pausilipon di Napoli, dove manca sangue 0 negativo e A negativo, indispensabile per stabilizzare alcuni dei piccoli rimasti feriti nel crollo della Vela Celeste, a Scampia, e fondamentale per gli interventi d’urgenza.

Per donare il sangue, è necessario chiamare il numero verde 3913207599, dal lunedì al venerdì, tra le 10.00 e le 14.00.

Attenzione: non può donare sangue chi è sottoposto a terapie farmacologiche né chi soffre di pressione alta / bassa.

Continua a leggere

Attualità

Definite le commissioni al Parlamento europeo: l’Italia perde una presidenza

Pubblicato

il

Sono state definite le presidenze e le vicepresidenze di tutte le commissioni dell’Eurocamera. E per l’Italia, rispetto alla precedente legislatura, c’è una novità non marginale: la perdita di una presidenza.

Alla guida della commissione Affari Costituzionali, infatti, non è stato confermato l’eurodeputato di FI Salvatore De Meo, destinato – ma la carica deve essere ufficializzata, alla Plenaria di settembre a Strasburgo – a presiedere la delegazione dei Rapporti con la Nato. L’Italia ha incassato quindi una sola presidenza di Commissione, con Antonio Decaro all’Ambiente. Il capo delegazione M5S Pasquale Tridico, invece, è stato eletto alla guida della sottocomissione agli Affari Fiscali. E’ la Germania, tra i Paesi membri, a conquistare il maggior numero di presidenze, sei. La Spagna incassa la guida di tre commissioni. Due le presidenze alla Polonia. A Varsavia anche una sottocommissione, quella alla Salute con il popolare Adam Jarubas. La Francia incassa la commissione Affari Economici. Il Belgio ottiene la guida della commissione Bilanci, la Repubblica Ceca la commissione Agricoltura, sempre del gruppo dei Conservatori. Alla Finlandia va la commissione Lavoro, mentre la Grecia incassa la guida dei Trasporti.. All’Irlanda la guida della commissione Sviluppo. Alla Romania la commissione Regioni. La Bulgaria infine ottiene la guida della commissione Affari Legali.

Continua a leggere

Attualità

Decreto liste d’attesa, infermieri in stato di agitazione: si va verso lo sciopero

Pubblicato

il

“E’ arrivato il momento di smascherare le contraddizioni di un governo che da un lato, per bocca del ministro Schillaci, ammette la gravità della questione infermieristica, e dall’altro non va oltre vuote dichiarazioni”. Con queste parole il segretario nazionale del Nursind, Andrea Bottega, annuncia lo stato di agitazione di tutto il personale del comparto, prefigurando “lo sciopero in autunno”.

La mancata attenzione riservata agli infermieri nel decreto liste d’attesa, licenziato dal Senato ed ora all’esame della Camera, è stata solo “la goccia che ha fatto traboccare il vaso. – spiega Bottega all’Ansa – Questo provvedimento, infatti, poteva essere l’occasione giusta per l’esecutivo Meloni di dimostrare attenzione alla categoria. E, invece, le proposte di valorizzazione della professione, ampliandone le competenze, avanzate da diversi senatori, sono state irresponsabilmente respinte”.

Alla base della proclamazione dello stato d’agitazione non c’è solo il decreto liste d’attesa: “Il governo è in carica da 21 mesi. Un lasso di tempo abbastanza lungo durante il quale, tuttavia, se qualche piccolo risultato i medici lo hanno portato a casa, nulla è stato fatto per gli infermieri”, dice Bottega.
“Nulla è stato fatto e neppure – lamenta – programmato, per esempio, contro il demansionamento e nulla si intravede all’orizzonte a livello di risorse aggiuntive per il rinnovo del contratto di comparto, nonostante l’impatto negli ultimi due anni dell’inflazione sui salari di una categoria già tra le meno pagate in Europa. E che dire, infine, dell’indifferenza da parte delle istituzioni rispetto a un tema altrettanto sentito come il mancato riconoscimento del lavoro infermieristico quale usurante?”. 

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy