Resta sintonizzato

Afragola

AFRAGOLA. L’Amministrazione scappa dal confronto e c’è qualche ininfluencer che vorrebbe fare il sarcastico.

Pubblicato

il

AFRAGOLA – La maggioranza ha disertato la seduta del Consiglio Comunale odierno dove tra i tanti punti all’ordine del giorno si doveva discutere anche della famosa “mozione di sfiducia” – se così la si può chiamare – all’indirizzo dell’Assessore Ernesto Salzano che oltre tutto quanto fatto, negli ultimi giorni, ha pure aggravato la sua posizione aggredendo verbalmente, quasi fisicamente, il Consigliere Antonio Iazzetta.

Il problema della maggioranza del Sindaco Pannone non è aver disertato l’Assise pubblica per sfuggire alle proprie responsabilità di esporsi pro o contro l’Assessore della subcultura afragolese. Il problema risiede sul fatto che questo Consiglio per loro è risultato una vera e propria ghigliottina, visto che negli altri punti all’ordine del giorno c’era da approvare alcuni atti di indirizzo propedeutici all’intercettazione di alcuni fondi del PNRR e del futuro del Corso Meridionale e strade adiacenti, problema annoso irrisolto da tutti.

Quindi, al di là di ciò che afferma, volendo fare il sarcastico pur non riuscendoci, qualche consigliere ininfluencer – fare il suo nome sarebbe solo a suo appannaggio data l’influenza mediatica della nostra testata – non è che l’opposizione non ha i numeri per discutersi le proprie mozioni ma è la maggioranza – che l’ininfluencer oggi difende a spada tratta per accordi tesi all’interesse personale presi in maniera autonoma con il dominus del territorio e da cui ieri prendeva le distanze perché ben foraggiato da personaggi politici mortificati dalla stessa Amministrazione – che pur di non saper spiegare alla città i motivi sulla difesa del proprio assessore decide di venire meno al confronto anche su temi molto importanti per la città.

Alla mozione di sfiducia si aggiunge anche il motivo che alcuni consiglieri di opposizione abbiano già protocollato missiva di contestazione sui tempi, inferiori alle canoniche 48 ore, lasciati ai consiglieri comunali per la consultazione della documentazione inerente i punti all’ordine del giorno. Quindi, laddove la maggioranza avesse deciso di presentarsi in aula, avrebbe rischiato di fare doppia figuraccia, la prima sull’imbarazzo di prendere posizione etica e morale nei confronti del proprio assessore e la seconda sulla possibilità di non poter discutere del resto perché i consiglieri oggettivamente e forse artatamente sono stati lasciati impreparati sugli argomenti.

Pertanto c’è da registrare, come da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo, che sulla questione si stia già muovendo la Consigliera di opposizione Marianna Salierno (M5S) con una bella lettera indirizzata al Prefetto Palomba dove si evidenzia il doppiopesismo del Presidente del Consiglio Biagio Castaldo che, secondo la grillina, sarebbe disposto anche ad aspettare per ore l’arrivo dei consiglieri di maggioranza in aula quando si tratta di discussioni che facciano comodo all’Amministrazione mentre oggi, fatto l’appello, ha deciso di chiudere immediatamente i lavori del consesso pubblico e siccome non è la prima volta che si registra una discrasia del genere non è escluso che l’opposizione stia già pensando ad una nuova mozione di sfiducia nei confronti del più alto in carica in aula. Vi terremo aggiornati.

Continua a leggere
Pubblicità

Afragola

Rapinarono una tabaccheria di Caserta, individuato uno dei tre malviventi: è di Afragola

Pubblicato

il

Nella giornata di oggi, i Carabinieri della Compagnia di Caserta hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di misura coercitiva emessa dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, su richiesta di questa Procura, nei confronti di una persona residente ad Afragola.

I fatti risalgono al 20 settembre di un anno fa, in cui tre soggetti furono protagonisti di una rapina a mano armata ai danni di una tabaccheria casertana.
L’ordinanza di custodia cautelare costituisce l’epilogo di una complessa attività investigativa avviata nell’ immediatezza a seguito dei fatti, coordinata da questa Procura e condotta dai Carabinieri della Compagnia di Caserta, sia con attività d’intercettazione telefonica sia con mirati servizi di osservazione e pedinamento.

Le indagini, in particolare, hanno consentito di ricostruire l’esatta dinamica delittuosa.
In particolare, uno dei due soggetti si è occupato del reperimento delle armi e del veicolo utilizzato per la rapina, intestato a prestanome, mentre gli altri hanno concorso materialmente nel compimento del reato.
Il procedimento si trova nella fase delle indagini preliminari, così l’odierno indagato è da ritenersi innocente fino a sentenza definitiva e la misura cautelare è stata adottata senza il contraddittorio che avverrà innanzi al Giudice terzo che potrà anche valutare l’ assenza di ogni forma di responsabilità in capo allo stesso.

Continua a leggere

Afragola

Colpi a “Le porte di Napoli” di Afragola tra gioiellerie e supermercati: 3 persone in manette

Pubblicato

il

Sarebbero, a detta degli inquirenti, rapinatori di gioiellerie, le tre persone fermate dai carabinieri di Afragola. E’ accaduto nel pomeriggio di ieri.

I fermati sono ritenuti responsabili, in concorso, della rapina avvenuta il 13 maggio scorso nel centro commerciale “Le porte di Napoli” di Afragola ai danni della gioielleria “Auri Tempore”, nonché della pianificazione di una seconda rapina prevista per ieri mattina ai danni della gioielleria del supermercato “Piccolo” di Pomigliano d’Arco.
Sono accusati anche di ricettazione, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.

Le indagini, condotte dalla stazione carabinieri di Afragola e dirette dalla procura di Napoli Nord, hanno permesso di conoscere nei particolari l’organizzazione della banda.
In prima battuta venivano eseguiti degli accurati sopralluoghi, che avevano l’obiettivo di verificare la presenza e la posizione delle telecamere di videosorveglianza nonché le possibili vie di fuga dopo il colpo. Successivamente il gruppo si procurava delle auto rubate (solitamente Fiat Panda) che, durante gli assalti, venivano fatte precedere da un’auto staffetta non rubata e di proprietà della moglie di uno degli arrestati. La banda si procurava poi armi finte (tra cui due pistole e un kalashnikov) e maschere in silicone per coprire i loro volti.

Continua a leggere

Afragola

Dramma a Casoria, malore sulla Sannitica mentre era sullo scooter con la moglie: morto professore 47enne

Pubblicato

il

Colto da malore mentre era alla guida del motorino. Una tragedia consumatasi nella mattinata di domenica sulla Statale Sannitica. A perdere la vita è Vincenzo Vitolo, che stava percorrendo il tratto insieme alla moglie, in sella al veicolo.

L’uomo aveva 47 anni, insegnante di arte e tatuatore. «Ciao Enzo» accompagnata dall’immagine di una candela, così questa mattina i profili social della scuola media Rocco di Afragola sono dedicati al giovane professore: «Con profondo dolore, tutta la nostra comunità scolastica piange la perdita del professore. Buon viaggio amico carissimo sarai sempre nel nostro cuore e in quello di tutti i tuoi alunni».

Sul posto sono intervenute pattuglie della polizia municipale, che hanno eseguito i rilievi.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy