Resta sintonizzato

Caivano

CAIVANO. Scoperta condotta idrica che approvviggiona anche cittadini di Crispano e Frattaminore a spese dei caivanesi

Pubblicato

il

CAIVANO – Dopo aver ripristinato la legalità, nel comune gialloverde bisogna anche svelare i misteri del passato. Quello che si è presentato nei giorni scorsi durante i lavori di adeguamento di via Viggiano in Frattaminore e dei suoi sottoservizi, più che misterioso ha dell’assurdo.

Al Rup (Responsabile Unico del Progetto) Ing. Antonio Chirico che ricopre il ruolo di responsabilità dei lavori in capo al Comune di Frattaminore ad un certo punto dei lavori gli è sorta l’esigenza di dover chiudere una condotta idrica in ghisa che correva sotto una tubazione più grande poiché ne impediva la prosecuzione dei lavori.

Scoperta che questa condotta proveniva da Caivano, il solerte ingegnere chiede all’attuale Responsabile Ufficio Tecnico del Comune Arch. Giuseppe Schiattarella di chiudere le valvole idriche e di interrompere il flusso d’acqua all’interno di quella condotta, dato che da primi rilievi fatti quella condotta pare non fosse in grado di fornire nessuna abitazione dei comuni viciniori attraversati dalla stessa.

Da indiscrezioni raccolte in esclusiva da Minformo invece si è scoperto che nel momento in cui è stata esaudita la richiesta del RUP alcune famiglie residenti nei comuni di Crispano e Frattaminore nei pressi di via Atellana siano rimaste senza acqua. Rivelata l’indiscrezione la domanda nasce spontanea: quale comune paga la fornitura d’acqua di queste famiglie e queste famiglie a quale comune pagano il costo del consumo? Ai posteri l’ardua sentenza.

Un dato che esce fuori però è sconcertante. Ancora una volta emerge la mala gestio della politica nostrana delle passate amministrazioni quando si operava e si insabbiava tutto chissà per quali interessi. Ora, fermo restando che appare assurdo che una condotta idrica proveniente da Caivano debba attraversare, in uscita, altri due comuni e non si è capito bene il perché, ma adesso è chiaro che la terna commissariale, nel suo ruolo di ripristino della legalità, debba anche risolvere questo annoso e celato dilemma.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Caivano, apre lo Skatepark: atleti e appassionati di skateboard arrivati da tutta Italia

Pubblicato

il

Prime gare, con grande partecipazione, nel nuovo skatepark del centro Pino Daniele di Caivano.
Gli atleti e gli appassionati dello skateboard sono arrivati da tutta Italia. Al via il campionato nelle categorie junior, open e master.

L’evento è stato patrocinato da Sport e Salute e Illumina Caivano ed organizzato da Napoli Sk8 ASD di Massimo Calviati e dal Comitato Regionale Campano della Fisr (la Federazione italiana sport rotellistici) in collaborazione con Napoli Skateboarding Asd, Surf Your City e Roller Avellino Asd, tutte associazioni impegnate per lo sviluppo delle skate school e dello skateboarding in Campania.

Lo ‘stadio’ dello skate, campo di gara internazionale di livello medio/alto di difficoltà, è stato inaugurato lo scorso maggio dalla premier Meloni all’interno dell’ex centro Delphinia ed ha così avuto il battesimo agonistico con le gare, sia maschili che femminili, nelle tre categorie.

Tutte le fasi di gara e le premiazioni sono state raccontate dallo speaker Livio Annunziata di Surf Your City Napoli e grande soddisfazione per tutta l’organizzazione è stata espressa da Nicola Perrone direttore del Centro ‘Pino Daniele’ e dal Presidente del Comitato regionale della Fisr Francesco Rossi.

Questi i vincitori, secondo quanto si apprende dall’Ansa: Junior femminile, Greta Cecconi, 10 anni, Napoli, Skateboarding Asd; junior maschile, Alessio Buccione, 8 anni, Napoli Skateboarding Asd; ⁠Open Femminile, Giorgia Tomeo, 16 anni Roller Avellino Asd; ⁠open Maschile, Fabrizio Russo, 18 anni, Caserta, tesserato per Napoli Skateboarding Asd; ⁠master maschile, Paolo Giannattasio, 45 anni, Battipaglia, per Napoli skateboarding Asd.

Continua a leggere

Caivano

Stupri a Caivano: condannati tre dei sette minorenni coinvolti

Pubblicato

il

Due condanne a 9 anni e una a 10 anni di reclusione: questo il verdetto del giudice del tribunale per i minorenni di Napoli Anita Polito, al termine di un processo celebrato con il rito abbreviato, emesso nei confronti di tre dei sette minorenni coinvolti negli abusi compiuti la scorsa estate a Caivano, in provincia di Napoli, ai danni di due cuginette di 12 e 10 anni.

La sentenza è giunta al termine di una breve camera di consiglio.

Il 5 luglio, pene tra 9 anni e 10 anni e otto mesi di reclusione, erano state invocate dal pm Claudia De Luca. Lo stesso giorno erano stati condannati due maggiorenni coinvolti nelle violenze.

Continua a leggere

Caivano

Caivano, stabilito Piano di Emergenza Comunale nella riunione convocata dalla Commissione Straordinaria

Pubblicato

il

Si è tenuta nel pomeriggio di ieri presso il Comune di Caivano una riunione convocata dalla Commissione Straordinaria, composta da Filippo Dispenza,  Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, a cui hanno partecipato tutti i componenti del Centro Operativo Comunale (COC), l’importante organo chiamato ad intervenire in caso di emergenze di protezione civile.

La Commissione Straordinaria, già nello scorso mese di marzo, ha deliberato l’aggiornamento del piano comunale di emergenza, che risaliva al 2015, ed a maggio ha provveduto a costituire il COC, che ieri si è riunito per stabilire le modalità operative, individuare le figure dei sostituti per ogni singolo componente e per approfondire la conoscenza delle funzioni che ciascuno è chiamato a svolgere in caso di calamità. 
Si è stabilito, inoltre, di organizzare nei prossimi giorni presso il Castello Medievale di Caivano un incontro informativo aperto alla cittadinanza, nel corso del quale saranno spiegate tutte le misure di protezione civile previste nel piano di emergenza e verrà distribuito un vademecum con le indicazioni utili per fronteggiare ogni situazione di rischio.

La Commissione Straordinaria, nel corso dell’incontro, ha annunciato anche l’intenzione di allestire una Sala Operativa presso la sede comunale di Via Marzano, mediante l’acquisto di tutta la strumentazione tecnologica necessaria per i collegamenti in videoconferenza con la Prefettura di Napoli e tutti gli altri Enti facenti parte del sistema di protezione civile.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy