Resta sintonizzato

Salute

Dati Iss: 4 italiani su 10 sono in sovrappeso, 1 su 10 è in obesità

Pubblicato

il

Quattro italiani su 10 pesano troppo e uno su dieci è in una condizione di obesità.

E non decolla il consumo delle cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura raccomandate dalle linee guida per una corretta alimentazione.  Se è vero infatti che pochi italiani adulti nella fascia 19-69 anni, il 3%, dichiarano di non inserirle nei propri pasti, meno di una una persona su 2, il 45%, ne consuma almeno 3 porzioni al giorno. 

L’abitudine al consumo dei cosiddetti ‘five a day’ è più comune nelle donne, nelle persone con minori problemi economici e cresce con l’avanzare dell’età per arrestarsi negli over 65, dove la quota di persone che mangiano almeno 3 porzioni al giorno o aderiscono al five a day ha raggiunto nel 2023 il valore più basso dal 2016.
Alcune Regioni del Sud (Molise, Campania, Basilicata, Puglia) continuano a detenere il primato per quota più alta di persone in eccesso ponderale (sfiorando la metà della popolazione residente). L’aumento di sovrappeso e dell’obesità è sostenuto dalle classi di età più giovani (18-34enni) mentre fra i 50-69enni si riducono entrambe; fra le donne aumenta il sovrappeso ma non vi sono differenze di genere nell’obesità.

Tra gli over 65 ad essere in eccesso ponderale è oltre la metà (56%), il 41% in sovrappeso e il 15% obeso. Con l’avanzare dell’età, specie negli over 75,vi è un calo ponderale fisiologico.

Continua a leggere
Pubblicità

Salute

Pascale di Napoli, due ricercatrici in cattedra alla Bocconi con i progetti su telemedicina e assistenza domiciliare

Pubblicato

il

La telemedicina e la delocalizzazione delle cure per ridurre la distanza tra medico e paziente, migliorare la qualità della vita dell’ammalato e dei suoi familiari, ottimizzare l’assistenza sanitaria.
È la sanità nell’era dell’intelligenza artificiale raccontata alla Bocconi School of Management da due giovani oncologhe del Pascale, Fernanda Picozzi e Claudia von Arx. I loro progetti sono stati selezionati tra le centinaia di progetti presentati da candidati provenienti da ogni parte di Italia.

Il progetto della giovanissima Fernanda Picozzi parla di Digital health e dei virtual Multidisciplinary Tumor Boards nella gestione dei pazienti con tumori rari, in particolare con neoplasie epiteliali timiche. Mira a favorire una migliore qualità di cura ed assistenza ai pazienti. La telemedicina consentedi assistere i pazienti ovunque essi siano e migliorare la capacità di diagnosi e di cure terapie. 

Claudia von Arx ha invece discusso di domiciliarizzazione/delocalizzazione delle cure sottocute coadiuvato da una app con intelligenza artificiale volta a gestire da remoto effetti collaterali e sintomi legati alla patologia di base. 

Per il direttore generale dell’Irccs partenopeo, Attilio Bianchi, i due progetti presentati alla Bocconi «sono estremamente interessanti e dimostrano ancora una volta la prospettiva fortemente innovativa nella quale si proietta la ricerca del Pascale».



(fonte: ilmattino.it)

Continua a leggere

Attualità

Intervento con endopotresi eseguito con successo al ‘Moscati’ di Avellino

Pubblicato

il

All’ospedale “San Giuseppe Moscati” di Avellino è stato eseguito un delicato intervento totalmente endovascolare per rimuovere un aneurisma aortico ad un paziente di 77 anni, residente in provincia di Benevento. E’ il primo intervento di questo genere effettuato nel Mezzogiorno d’Italia.

L’operazione è stata eseguita dall’equipe di chirurgia vascolare diretta da Loris Flora, è riuscita perfettamente.

Il paziente dopo 48 ore di osservazione è stato trasferito in reparto e dimesso cinque giorni dopo.

L’endoprotesi è una innovativa tecnica alternativa alla chirurgia tradizionale che prevede l’incisione diretta del torace per rimuovere la dilatazione di un tratto dell’aorta che può provocare la rottura della parete e dar luogo ad una emorragia interna che spesso risulta fatale.
Flora ha chiesto e ottenuto dall’azienda produttrice dell’impianto l’autorizzazione a procedere, che viene rilasciata soltanto se il personale medico e paramedico è in possesso di adeguata formazione e di specifiche esperienze.

Continua a leggere

Salute

Covid e influenza, Moderna annuncia l’arrivo del vaccino bivalente

Pubblicato

il

Un unico vaccino ambivalente per Covid-19 ed influenza con tasso di protezione migliore per entrambi i tipi di virus rispetto ai vaccini singoli.

Questa è la promessa di Moderna. La casa farmaceutica del Massachusetts ha reso noto di aver terminato la terza fase dei test clinici per il farmaco basato sulla tecnologia mRNA, che potrebbe arrivare sul mercato statunitense una volta approvato dalla Food and Drug Administration (FDA).

I vaccini ambivalenti sono spesso difficili da produrre e funzionano peggio rispetto alla somma dei singoli antidoti. Ma grazie alla tecnologia mRNA, con la quale è stata sviluppata anche buona parte dei vaccini contro il Covid, Moderna afferma di aver trovato un modo efficace di combinare più antidoti in uno.

Poter inserire diverse istruzioni nello stesso farmaco permette di eliminare il rischio che le sostanze chimiche necessarie nei vaccini tradizionali reagiscano tra loro quando questi vengono combinati.


(fonte: open.online)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy