Resta sintonizzato

Politica

Campi Flegrei, Manfredi replica a Musumeci: “Chi amministra ora non ha alcuna responsabilità”

Pubblicato

il

A margine della presentazione del Napoli Pride 2024, il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha così risposto alle domande dei cronisti riguardo le frasi del ministro Musumeci, il quale ha parlato di “gravissime responsabilità di Regione e Comuni sullo sviluppo urbanistico del territorio”.

Ecco le dichiarazioni del primo cittadino:

“Nell’area dei Campi Flegrei non si fanno interventi abitativi da molti anni, quindi sicuramente chi oggi sta amministrando Regione e Comuni non ha alcuna responsabilità per la situazione in cui ci troviamo. In passato c’è stato anche abusivismo, però molto di questo abusivismo è stato condonato perché lo Stato centrale ha fatto dei condoni, quindi è una situazione che si trova in tutte le parti d’Italia”.

Poi, ha aggiunto: “Penso che più che parlare di passato dobbiamo parlare di futuro, e la strada maestra è garantire una convivenza con il bradisismo che è un fenomeno endemico, c’è stato e ci sarà e essenzialmente completare tutto il piano delle infrastrutture per garantire le vie di fuga. Questo è fondamentale, quindi mi auguro che il Commissario sia efficace, abbia una struttura all’altezza e possa realizzare le opere che si stanno aspettando da tanti, troppi anni. Poi è molto importante che ci sia questa politica di miglioramento antisismico anche dell’edilizia privata, bisogna trovare le risorse sufficienti per fare questo, perché con un patrimonio edilizio sicuro si riesce a convivere molto meglio con il bradisismo”.

Caivano

CAIVANO. Penza come Andreotti. Un poliziotto ingenuo che non si è mai accorto di nulla.

Pubblicato

il

CAIVANO – “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”. Riprenderei questo famoso detto avangelico se la diatriba tra il deputato Pasqualino marsupio Penza e l’ex Sindaco Enzo Falco apparisse come uno scontro serio all’interno del dibattito pubblico e non suscitasse ilarità nel sottoscritto e negli attoniti spettatori della vicenda.

È incredibile come chi, dopo uno scioglimento per ingerenze criminali, la cattiva propaganda dell’immagine procurata all’intera comunità gialloverde e un risanamento servito solo a chi si è riempito le tasche, tenta ancora di parlare della storia politica dell’ultima Amministrazione cercando di discolparsi e cercando di vendersi per l’illibato, il nuovo, il pulito e candido come il sederino di un neonato.

Premesso che il sottoscritto, così come dichiarato all’interno del convegno “Libertatis Praesidia” organizzato dall’Associazione “Caivano Legalitaria”, è un convinto garantista e che gli attori di cui parlerò in questo scritto sono persone giuridicamente illibate e quindi libere di poter esprimere la propria opinione, ma come sempre descritto all’interno dei miei editoriali, c’è bisogno, anche qui, di fare valutazioni di natura etica e morale, oltre che individuare eventuali responsabilità politiche dei singoli addetti ai lavori.

Di seguito mi accingo a fare una breve analisi sulle omissioni fatte dagli attori di questa vicenda e i conseguenti quesiti che ne scaturiscono.

Per chi conosce realmente i fatti – il sottoscritto ha documentato e scritto anni prima quello che è emerso dalle indagini degli inquirenti – leggere l’intervista rilasciata dal deputato grillino Pasqualino marsupio Penza lascia perplessi oltreché basiti.

Vorrei non credere realmente che il deputato pentastellato pensi che qui a Caivano i cittadini abbiano l’anello al naso!? Perché leggere che egli sospettasse che il Sindaco Enzo Falco non l’abbia più voluto in giunta solo perché poliziotto fa davvero scompisciare dalle risate chi conosce i fatti.

Al di là della legittima risposta a mezzo social dell’ex Sindaco Enzo Falco, che se fossi stato in lui avrei risparmiato, giusto per fare ammenda continua di essere altrettanto politicamente responsabile dello scempio avvenuto sotto la sua Amministrazione, vorrei chiedere all’on. Pasqualino se durante il suo periodo di Assessore all’Ambiente con l’Amministrazione Falco avesse poi verificato, da poliziotto, che all’interno della “Green Line” – ditta preposta alla raccolta rifiuti – venissero assunti parenti e affini di pregiudicati, di affiliati al clan e di politici attualmente agli arresti domiciliari, così come aveva promesso all’allora Consigliere Luigi Padricelli quando gli fu rappresentata tale distonia? Se, da poliziotto, avesse mai indagato sul fatto che anche all’interno del settore dove lui ricopriva il ruolo di assessore, fossero acclarate ingerenze della criminalità organizzata – così come dichiarato dai collaboratori di giustizia – e se avesse mai prodotto denunce in tal senso? Se da Assessore all’Ambiente e da poliziotto avesse mai indagato sull’andirivieni dei barbudos a cavallo di motociclette all’interno del cortile del notaio che aveva messo in fuga alcuni consiglieri che stavano per decretare la fine dell’amministrazione di cui egli faceva parte così come dichiarato agli inquirenti dall’ex Consigliere Luigi Padricelli? Se, sempre da poliziotto e anche da deputato dello stesso partito che esprimeva la quota rosa come assessore all’ambiente, avesse mai indagato sulle minacce ricevute dal Segretario del PD Franco Marzano, all’indomani del mio articolo (leggi qui) dove si denunciava proprio la volontà del clan egemone di tenere l’azienda dei rifiuti “in house”?

Come Massimo Troisi diceva di Giulio Andreotti, anche io, senza tema di smentita, posso dire che qui a Caivano abbiamo il nostro politico ingenuo, in questo caso si tratta di un poliziotto ingenuo che quando era al comando insieme a tutta l’armata falconiana – accusati di associazione camorristica compresi – non si è mai accorto di niente, così come crede che anche i caivanesi non si accorgono delle sue blande, deboli e scricchiolanti motivazioni offerte per giustificare la sua fallimentare parentesi ambientalista in giunta e al suo silenzio assordante sulla gestione commissariale attuale di Caivano. Fortunato sarà il figlio, quando crescerà, ad avere un padre ingenuo come lui, come asseriva il compianto attore napoletano.

Sperando che le mie considerazioni non vengano tacciate per dichiarazioni filo Enzo Falco, perché ripeto, tutta l’Amministrazione – comprensiva di maggioranza e opposizione – sono politicamente responsabili di quanto accaduto ed è proprio per questo principio che si pone l’accento verso chi vorrebbe sfuggire dalle proprie responsabilità, propagandando una verginità politica che non possiede e che mai potrà cancellare la verità dei fatti. Quella stessa verità che noi di Minformo abbiamo sempre tenuto come prerogativa della nostra linea editoriale.

Continua a leggere

Caivano

Dispersione scolastica, riunione del Comune di Caivano per arginare il fenomeno

Pubblicato

il

Nei giorni scorsi si è tenuta, presso il Comune di Caivano, una riunione, convocata dalla Commissione Straordinaria, composta da Filippo Dispenza, Simonetta Calcaterra e Maurizio Alicandro, finalizzata ad un approfondimento volto ad implementare l’utilizzo della Piattaforma per la gestione e il monitoraggio del fenomeno della “Dispersione Scolastica”.

All’incontro hanno partecipato il Sovraordinato alle Politiche Sociali, Claudio Salvia, il Responsabile del Settore AA.GG. e Politiche Sociali,  i Funzionari Educatori del Comune, i rappresentanti degli Istituti Scolastici del territorio e i rappresentanti della società ICCS, gestore della piattaforma scolastica.

La riunione ha rappresentato un’altra importante occasione di confronto tra la Commissione Straordinaria e l’Istituzione Scolastica, che già nei giorni scorsi hanno collaborato per individuare le esigenze prioritarie dei singoli plessi su cui effettuare i lavori di manutenzione in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico. Durante il nuovo incontro è stata condivisa la procedura volta alla verifica della regolare frequenza degli alunni, con l’obiettivo di intercettare immediatamente i fenomeni di dispersione e di elusione scolastica e di intervenire quanto prima possibile sul fenomeno, in modo da prevenirlo e ridurne i dannosi effetti.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. L’on. Borrelli presenta interrogazione parlamentare sui lavori poco chiari del Teatro “Caivano Arte”

Pubblicato

il

CAIVANO – Dopo la pubblicazione del video social del Direttore Mario Abenante (guarda qui), diffuso a mezzo social attraverso i canali della nostra emittente e dell’Associazione “Caivano Legalitaria” del Presidente Giuseppe Libertino, dove si denunciava lo spreco di denaro pubblico da parte della gestione del Commissario Straordinario di Governo Fabio Ciciliano e dove si puntualizzava la causa sconosciuta ai più che ha permesso di abbattere il teatro comunale “Caivano Arte”, il deputato di Alleanza Verdi Sinistra Italiana Francesco Emilio Borrelli, come ogni deputato che si rispetti e che è attento alle vicende territoriali, ha deciso di vederci chiaro e di chiedere al Ministro competente delucidazioni sull’iter burocratico adottato e sull’emorragia di denaro che ha interessato il solo abbattimento del Teatro ex “Caivano Arte” presentando un’interrogazione parlamentare a risposta scritta in data 18 luglio 2024 (leggi qui).

Si seguito il testo della interrogazione a firma del deputato Francesco Emilio Borrelli: “Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della cultura. — Per sapere – premesso che: con decisione di contrarre n. 11 del 13 febbraio 2024 il Commissario straordinario del Governo per il risanamento e la riqualificazione funzionali al territorio del comune di Caivano dispone un piano di indagini propedeutiche alle attività di riqualificazione e realizzazione del Nuovo Polo della Cultura nel sedime dell’ex auditorium di Viale Necropoli; l’immobile del Caivano Arte, in disuso da tempo, era stato privato di infissi, cablature, sistemi di protezione e di sorveglianza e interi impianti tecnologici. Dunque era da ristrutturare così come da piano straordinario del commissario redatto in funzione del cosiddetto Decreto Caivano del 15 settembre 2023; con decisione di contrarre n. 4 del 1° dicembre 2023 il commissario dispone l’affidamento diretto dei servizi di ingegneria e architettura finalizzati alla redazione dei necessari studi preliminari ed analisi costi-benefici per gli interventi urgenti di bonifica, risanamento, ripristino, completamento, adeguamento, riqualificazione dell’Auditorium ad uno studio di ingegneria per una somma di 61.779,64 euro I.V.A. compresa; inizialmente l’intenzione era quella di ristrutturare il teatro, ma, come si legge nella decisione a contrarre n. 4, «durante l’esecuzione delle opere di bonifica è stata messa in evidenza una copiosa perdita di acqua persistente da diverso tempo, infiltrante le strutture del manufatto, risolta dal Genio militare che ha anche provveduto a drenare l’acqua dispersa nelle sottostrutture mediante l’impiego di pompe idrovore e che, quindi, non possano escludersi ulteriori danni all’edificio»; risulta all’interrogante che questa copiosa perdita d’acqua non è mai stata segnalata in precedenza, né tanto meno il Commissario o il Genio Civile hanno mai reso edotta la cittadinanza di questo problema; con decisione a contrarre n. 16 del 5 aprile 2024 si decide di affidare, sempre in maniera diretta e con urgenza, un servizio di ingegneria per l’acquisizione della relazione geologica relativa all’area di sedime dell’ex Teatro per una cifra di euro 17.378,84 I.V.A. compresa; nella decisione a contrarre del Commissario del 7 maggio 2024, dove si affidano sempre in maniera diretta e urgente per una cifra di euro 782.092,40 all’impresa Ecorif S.r.l. il servizio di demolizione dell’ex auditorium e conferimento a discarica dei rifiuti propedeutico alla realizzazione del Nuovo Polo della Cultura, si legge che: «dall’analisi costi-benefici qualitativa, relativa alla valutazione concernente il mantenimento e la riqualificazione della preesistente struttura, è emerso che l’attuale edificio che ospitava l’ex teatro Caivano arte, presenta … un degrado repentino e profondo ed essendo peraltro i pochi impianti tecnologici superstiti, comunque, non più a norma, risulta essere inservibile per l’utilizzo originariamente previsto.», il 15 maggio 2024 si affida il servizio di Ingegneria per l’acquisizione del progetto di fattibilità tecnico economica del Nuovo Polo della Cultura di nuovo allo Studio di Ingegneria alla cifra di euro 677.042,05 I.V.A. compresa; se a tutto questo si aggiungono euro 34.160,00 per la fornitura di un nebulizzatore per il controllo e l’abbattimento delle polveri ed euro 104.615,00 per l’affidamento diretto del servizio di ingegneria per l’effettuazione delle prove di carico sui pali di fondazione nonché di altre indagini strutturali necessarie alla redazione del progetto esecutivo del Nuovo Polo della Cultura, si arriva ad un totale di euro 1.703.278,54, per cui restano euro 1.416.267,86 per la nuova costruzione –: se il Governo sia a conoscenza di quanto riportato in premessa e se non ritenga utile approfondire il fatto che si spendono più soldi per analisi, indagini e abbattimento che per la costruzione del nuovo immobile”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy