Resta sintonizzato

Bagnoli

Eternit di Bagnoli, morte Balestrieri per amianto: confermati 3 anni e mezzo per l’imprenditore Schmidheiny

Pubblicato

il

La seconda sezione della Corte di Assise di Appello di Napoli ha confermato la condanna a tre anni e mezzo nei confronti dell’imprenditore svizzero Stephan Ernest Schmidheiny per l’omicidio colposo di Antonio Balestrieri, uno degli operai dello stabilimento Eternit di Bagnoli, a Napoli, deceduto a causa di prolungata esposizione all’amianto.

Lo rende noto Osservatorio Nazionale Amianto, in un comunicato.
“La sentenza ci conforta un pò, dopo la delusione del primo grado, le cui richieste dei Pubblici Ministeri sono state in gran parte disattese”, ha commentato l’avvocato Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto.“Confidiamo che la Corte di Cassazione possa confermare questa condanna e quindi rendere giustizia alle vittime e ai loro familiari”, ha aggiunto.

Confermata anche la fondatezza della richiesta di risarcimento del danno dell’Osservatorio costituitosi parte civile con l’avvocato Flora Abate.

Continua a leggere
Pubblicità

Bagnoli

Bagnoli, Francesco Silvestro (FI): “Grazie al Governo, finalmente svolta concreta con il protocollo d’intesa”

Pubblicato

il

“Dopo 30 anni di attese e false speranze arriva finalmente una svolta concreta per Bagnoli grazie al lavoro del governo Meloni. Ieri mattina è stato firmato il protocollo d’intesa tra il commissario straordinario, Gaetano Manfredi ed il Governo nella persona del nostro presidente del consiglio, Giorgia Meloni. Sono stati stanziati un miliardo e 218 milioni per quella che sarà l’operazione di bonifica e rigenerazione urbana piu’ grande d’Europa. Insomma, il Governo risponde con i fatti e azioni concrete per il rilancio del Mezzogiorno d’Italia”.
A dichiararlo è il senatore di Forza Italia Francesco Silvestro alla cerimonia di firma del protocollo d’intesa a Bagnoli.

Continua a leggere

Attualità

Bagnoli, Giorgia Meloni: “Accordo di oggi importante per Napoli, Campania e Sud”

Pubblicato

il

“Stamattina accade qualcosa di molto importante per Napoli, la Campania e per il Sud nel suo complesso”. Così la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, in occasione della firma del protocollo di intesa tra il Governo e il Commissario straordinario per Bagnoli-Coroglio (il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi) per il rilancio della storica area industriale napoletana. 

“Ho visto che qui fuori ci sono dei manifestanti – prosegue la Premier – dagli slogan direi che sono centri sociali, ma se non lo fossero, se fossero comitati di cittadini, direi che li capisco. Qui tante promesse sono state fatte e tradite”.

“Lo Stato, le istituzioni sono a Bagnoli, e decidono di mettere la faccia su un problema annoso, che va avanti da così tanto tempo che cittadini si convincono che non possa essere risolto. Ma la politica deve sfidare se stessa sugli obiettivi difficili, non su quelli facili”, ha concluso il presidente del Consiglio.

Continua a leggere

Bagnoli

Meloni lunedì a Bagnoli, De Luca: “Mi aspetto che dica almeno un grazie per quel miliardo e duecento milioni”

Pubblicato

il

“Lunedì arriva a Bagnoli il presidente del Consiglio Meloni per siglare l’accordo per la riqualificazione di Bagnoli che sarà finanziata con i soldi del Programma di Coesione destinati alla Campania, 1,2 miliardi di euro. Non so cosa dire… Spero che l’on. Meloni dica almeno un grazie alla Regione Campania per quel miliardo e duecento milioni”.

Così il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso dell’appuntamento settimanale sui social in vista della visita del premier in programma lunedì per la firma dell’accordo per Bagnoli.
“Fitto – ha sottolineato De Luca – dice che sono fondi del bilancio nazionale e vorrei vedere… Ma con quei soldi avevamo previsto di pensare tutta una serie di opere nei comuni della Campania che adesso resteranno al palo”.

“Benissimo – prosegue De Luca – abbiamo accettato anche questo, nessun problema, pur di firmare il Programma di coesione e invece ci chiedono altri passaggi coi ministeri. E allora perché non si firma l’accordo di coesione sottoponendo Campania, Sardegna e Puglia a procedure non utilizzate per le altre regioni?”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy