Resta sintonizzato

Cronaca

Quarto, pestato a sangue dal figlio del boss per motivi di viabilità: i dettagli

Pubblicato

il

Shock a Quarto, nel napoletano, dove un uomo è rimasto vittima di una brutale aggressione per motivi di viabilità, almeno come sembrerebbe.

Secondo una prima ricostruzione, egli stava rientrando a casa quando si è fermato non lontano dal mercato di via Imbriani per pulire il proprio furgoncino. Tuttavia, durante il tragitto ha avuto una discussione per motivi di viabilità con un ragazzo in scooter, il quale l’avrebbe sputato in viso.

In particolare, la lite sembrava essersi risolta con un nulla di fatto e il ragazzo si stava recando a casa, quando ad attenderlo vi erano otto persone tra le quali anche il ragazzo in scooter, che a quel punto hanno pestato e accoltellato il venditore. Quest’ultimo, durante l’aggressione, è stato colto da tre infarti.

Pertanto, come dichiarato dal deputato Francesco Emilio Borrelli, il responsabile sarebbe il figlio di un boss della Camorra. Ecco le sue dichiarazioni:

“È ancora peggio di quel che credevamo, neanche nel Far West si tentava di ammazzare la gente solo perché non aveva ceduto il passo. Abbiamo chiesto ai carabinieri di indagare e di individuare tutti i responsabili di questa vile ed assurda aggressione, che dovranno andare in galera. Questi episodi sono figli della mentalità camorristica, tramandata di padre in figlio, che ha trasformato la nostra terra in una giungla selvaggia. Estirpare tale mentalità con la forza, la presenza fissa dello Stato, condanne severe e rieducazione dovrebbe essere prioritario per il Governo”.

Cronaca

Vela Celeste di Scampia, scoperto allevamento illegale di animali esotici

Pubblicato

il

Durante le operazioni di sgombero alla Vela Celeste di Scampia, a seguito del tragico crollo del ballatoio che ha provocato la morte di tre persone, le forze dell’ordine hanno scoperto un allevamento illegale di animali esotici con oltre 60 esemplari di diverse specie e razze.

Gli animali recuperati comprendono 4 cani, 8 gatti, 14 tartarughe terrestri, 3 scoiattoli volanti, 24 canarini, 2 piranha, 1 pesce simile a una carpa, 7 tartarughe d’acqua Trachemis, 1 drago barbuto e 3 ghiandaie.

Gli animali sono stati presi in carico dall’area veterinaria dell’Asl Napoli 1, che si occuperà della loro cura una volta verificati gli atti amministrativi per la loro corretta detenzione.

Continua a leggere

Cronaca

Devastante incendio a Vieste, evacuato residence con 1200 persone

Pubblicato

il

A causa dell’avanzamento dell‘incendio che sta interessando il bosco sovrastante baia San Felice a Vieste, i vigili del fuoco hanno disposto a scopo precauzionale l’evacuazione della vicina Baia dei campi la struttura ricettiva che ospita circa 1200 persone.

In azione anche due canadair e un elicottero dei vigili del fuoco oltre ai mezzi impegnati da terra. I turisti che non hanno l’automobile vengono trasportati a bordo di barche via mare ed ospitati in una palestra messa a disposizione dal comune di Vieste. Altri turisti saranno ospitati nella struttura di Pugnochiuso che si è resa disponibile. Baia dei Campi dista circa un chilometro dal punto in cui si è sviluppato l’incendio.

La procura di Foggia aprirà un’inchiesta per stabilire se le cause dell’incendio siano state dolose o di altra natura.

Continua a leggere

Bagnoli

Diventato famoso perché vendeva orologi di lusso sui social: erano falsi, denunciato

Pubblicato

il

Nella serata di ieri, gli agenti di polizia hanno controllato un’abitazione in cui alloggiava un uomo a Bagnoli. All’interno dell’immobile sono stati rinvenuti, ben occultati, 41 orologi di prestigiosi marchi, risultati essere contraffatti, 32 buste shopper di un noto brand di orologi ed un cartello pubblicitario con il quale l’indagato sponsorizzava la vendita su un social network.

Sicché, un 26enne di Bagnoli, è stato denunciato per ricettazione e contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy