Resta sintonizzato

Lavoro

Eurostat, 17mila in meno gli occupati a maggio: il tasso di occupazione scende al 62,2%.

Pubblicato

il

A giugno il tasso d’inflazione nell’Eurozona si è attestato al 2,5%, in lieve calo rispetto al 2,6% di maggio.

Questa l’indicazione fornita dalla stima flash di Eurostat.  

Lo scorso maggio il tasso di disoccupazione nell’Eurozona è stato del 6,4%, lo stesso livello registrato ad aprile e leggermente inferiore al 6,5% del maggio 2023. Anche nell’insieme dei 27 Paesi Ue il tasso di disoccupazione è rimasto invariato rispetto ad aprile a quota 6%.

La disoccupazione giovanile è rimasta a maggio al 14,2% nell’Eurozona (come era ad aprile) ed è passata dal 14,5 al 14,4% nell’insieme dei 27 Paesi Ue. In Italia gli under 25 senza lavoro sono risultati essere a maggio il 20,5% rispetto al 20,4 di aprile e al 20,3 di marzo, mentre a febbraio 2024 erano il 22,4%.

A maggio, dopo tre mesi di crescita, l‘occupazione registra un calo dello 0,1%, (pari a -17mila unità) rispetto al mese precedente. Nel confronto annuo, il numero di occupati supera quello di maggio 2023 del 2,0% (+462mila unità). Lo indica l’Istat diffondendo la stima su occupati e disoccupati. Su base mensile, il tasso di occupazione scende al 62,2%. 


(fonte: Ansa)

Continua a leggere
Pubblicità

Lavoro

Tutela salute e sicurezza lavoro, Confimi Industria Campania sottoscrive atto intenti con Inail

Pubblicato

il

Il presidente di Confimi Industria Campania, Luigi Carfora, ha sottoscritto un atto di intenti con la Direzione regionale Inail Campania, rappresentata dal direttore regionale Daniele Leone.

L’ accordo sancisce una collaborazione strategica tra le due organizzazioni, mirata a potenziare la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e a promuovere una cultura della sicurezza condivisa.
L’accordo, basato sul Protocollo d’intesa nazionale firmato il 4 marzo 2024, stabilisce obiettivi, ambiti e modalità di collaborazione tra le due parti.

“Questo Atto di Intenti rappresenta un passo fondamentale per migliorare le condizioni di sicurezza nei luoghi di lavoro in Campania. La nostra collaborazione con Inail è una testimonianza del nostro impegno costante per la tutela dei lavoratori. Crediamo fermamente che solo attraverso la cooperazione e la condivisione delle competenze si possa creare un ambiente di lavoro sicuro e sano per tutti”, spiega Carfora.

Continua a leggere

Lavoro

Lavoro e Sicurezza, Landini (Cgil) deposita in Cassazione 4 milioni di firme raccolte

Pubblicato

il

Una delegazione della Cgil guidata dal segretario generale, Maurizio Landini, è arrivata davanti alla Cassazione per depositare le firme raccolte dal sindacato per i quattro referendum sul lavoro e la sicurezza.
Per ogni quesito sono state raccolte un milione di firme.

“Quattro milioni di firme di cittadini che chiedono di votare per cambiare leggi sbagliate e che vogliono affermare la libertà nel lavoro e nella vita. Per la libertà di non essere precari, di non essere sfruttati, di non morire sul lavoro, di avere una sanità che funziona”, ha detto Landini – come riporta l’Ansa.

“In un Paese dove la metà dei cittadini non va a votare – dice – i cittadini firmano perché vogliono che il loro voto conti e il loro giudizio possa cambiare la situazione. La Cgil si è messa a loro disposizione e oggi inizia una fase nuova che è quella di portare a votare 25 milioni di persone per cambiare questo Paese e per rimettere al centro il lavoro, i diritti e la libertà delle persone”, ha concluso.

Continua a leggere

Attualità

Solo il 5% degli italiani è felice del proprio lavoro

Pubblicato

il

Dai risultati emersi da un’indagine sul lavoratore, condotta dall’Osservatorio Hr Innovation Practice della School of Management del Politecnico di Milano con BVA Doxa, sembrerebbe che solo il 9% degli italiani starebbe bene nell’impiego attuale considerando le 3 dimensioni del benessere (fisico, psicologico e relazionale).

Mentre solo il 5% è davvero “felice” del lavoro che fa. Addirittura, 1 lavoratore su 3 afferma di essersi assentato almeno una volta nell’ultimo anno per stress o ansia.
Il malessere sul lavoro porta le persone a voler cambiare ambiente e, sempre secondo lo studio, il 42% degli italiani l’ha fatto recentemente o ha intenzione di farlo a breve.

Ma c’è anche il risvolto della medaglia: infatti, il 56% di chi ha cambiato lavoro nell’ultimo anno si è già pentito (il 37% in più rispetto al 2023).
Dall’indagine è emerso anche che una delle motivazioni che causano più infelicità sul lavoro è l’incapacità di gestire vita lavorativa e privata.




(fonte: thegap_media)

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy