Resta sintonizzato

Sport

Wimbledon, Sinner si aggiudica il derby tricolore: battutto Berrettini dopo quasi 4 ore

Pubblicato

il

Il derby tricolore, in quel di Wimbledon, è targato Jannik Sinner: battuto il connazionale Marco Berrettini.

E’ stato un match intenso e vibrante, una battaglia di nervi e non solo di colpi, molto equilibrato con Berrettini che ha ceduto in quattro set.

Prosegue, dunque, la marcia del n.1 al mondo sui prati dell‘All England Club, dove nel terzo turno lo attende il serbo Miomir Kecmanovic.

Show azzurro nella terza giornata dei Championships: davanti ad un Centre Court gremito come solo per le finali, Sinner gioca con autorevolezza i primi due set, soffre e subisce il ritorno del romano nella terza frazione, prima di imporsi in tarda serata, dopo quasi quattro ore di gioco (7-6(3), 7-6(4), 2-6, 7-6(4)).

Continua a leggere
Pubblicità

Sport

Olimpiadi 2024, Jannik Sinner ha la febbre: partenza posticipata per Parigi

Pubblicato

il

Jannik Sinner ha la febbre e non partirà oggi per Parigi come era previsto dai suoi piani di preparazione alle Olimpiadi, che prenderanno il via tra pochi giorni – il 26 luglio.

Al momento – fa sapere l’Ansa – viene considerato probabile che la sua partenza per la Francia avvenga giovedì, giorno per il quale è programmato il sorteggio del tabellone del torneo di tennis, le cui prime partite sono in programma sabato.

Tutto sembrava dunque pronto per il ritorno di Jannik Sinner a Parigi dopo l’eliminazione in semifinale del Roland Garros da parte di Carlos Alcaraz: ma la salute dà ancora dei problemi.

Nulla di preoccupante per l’altoatesino che avrà ancora qualche giorno per riprendersi al meglio e presentarsi sui campi del Roland Garros con l’obiettivo di confermare il numero 1 della classifica ATP. Il torneo prenderà il via nella giornata di domenica 28 luglio con il campione tricolore che potrebbe debuttare anche nei giorni successivi a seconda dell’esito del sorteggio.

Continua a leggere

Calcio

Dimaro, il Napoli presenta lo staff di Conte: parole al miele per Manna e Oriali

Pubblicato

il

Nel corso della serata di ieri il Napoli ha presentato ai tifosi accorsi nel ritiro di Dimaro lo staff di Antonio Conte, con il tecnico che una volta salito sul palco ha avuto parole d’elogio per il Ds Giovanni Manna e il suo collaboratore Lele Oriali. Ecco le sue parole:

“Voglio citare il ds Manna che ci sta dando una grande mano, un grande lavoratore. In questo periodo è quello più sotto stress e sotto pressione. Lo ringraziamo per sopportarci. Vi prometto che faremo di tutto per rendervi orgogliosi della nostra squadra”.

Poi, su Oriali: “Che dire di Lele, ho avuto il piacere e la fortuna di incontrarlo quando venni nominato CT da Tavecchio, che mi chiese se avessi ex amici o ex calciatori da introdurre come dirigente in nazionale. Io non avevo preferenze e lui mi propose Oriali, che era il primo della sua lista. Dopo dieci minuti la sua lista l’abbiamo chiusa, avevo trovato una persona a modo, seria, che parla poco ma si fa capire. E’ importante in tutto, anche nella gestione coi calciatori, è stato un grande dirigente, ha capacità di percepire tante situazioni, sono altri due occhi oltre ai miei. Non è tenero ma giusto, e alla fine i giocatori ti rispettano sempre”.

Infine, a coadiuvare Conte in questa nuova avventura ci saranno il fidato Cristian Stellini nel ruolo di vice allenatore, Elvis Abbruscato e Mauro Sandreani nel ruolo di collaboratori, e Giuseppe Maiuri come match analyst.

Continua a leggere

Calcio

SSC Napoli, Antonio Conte: “C’è tanto da lavorare. Si parte da una situazione media, non alta”

Pubblicato

il

“Mi sto accorgendo che abbiamo tanto da fare, c’è grande entusiasmo dei tifosi ma rimanga solo quello: noi dobbiamo essere concentrati perché ci sarà da lavorare tanto per fare meglio dell’anno scorso. Non si parte da una situazione alta, ma media”.

Lo ha detto il tecnico del Napoli Antonio Conte in un’intervista alla Rai dal ritiro di Dimaro.

Conte ha sottolineato che “anche quando si vince – ha detto – si devono fare sempre delle valutazioni per capire cosa si può migliorare, a volte la vittoria copre tante magagne, invece bisogna essere obiettivi e capire dove migliorare per continuare a essere competitivi e vincenti. Così come nella sconfitta devi essere bravo a tenere le cose buone e a buttare quello che si deve buttare”.
A chi gli ha chiesto se non giocare le coppe europee quest’anno sia un vantaggio, il mister salentino ha risposto: “C’è un vantaggio e uno svantaggio. Puoi lavorare tutta la settimana ma non fai una rosa competitiva come la Champions. Ma di sicuro serve una rosa buona, questo è fuori ogni dubbio”. “Il prossimo step è fare valutazioni in campo – ha concluso – capire chi rimane a Napoli e chi invece è giusto vada a giocare in altre squadre”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy