Resta sintonizzato

Cronaca

Camorra, triumvirato Mazzarella-Giuliano-paranza di S.Gaetano: arrestate 22 persone

Pubblicato

il

Per delega del Procuratore Distrettuale della Repubblica di Napoli, nella mattinata di oggi, 10 luglio, il personale della Polizia di Stato di Napoli e dell’Arma dei Carabinieri ha proceduto all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Napoli-Ufficio GIP – su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti di 22 soggetti ritenuti, a vario titolo, gravemente indiziati dei reati di associazione di stampo mafioso, tentato omicidio, lesioni, rapina, estorsione, detenzione e porto abusivo di arma da fuoco, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, tutti aggravati dal metodo mafioso in quanto commessi da soggetti appartenenti al clan Mazzarella.

Il provvedimento cautelare in questione compendia gli esiti di due filoni investigativi esperiti da personale della Squadra Mobile di Napoli, del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Napoli e del Commissariato Vicaria-Mercato ed in particolare uno condotto dalla Squadra Mobile in relazione al clan “Giuliano”, articolazione del più ampio sodalizio dei Mazzarella, operante nei quartieri Forcella e Maddalena; l’altro, invece, sviluppato sempre dalla Squadra Mobile di Napoli e dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Napoli relativo al gruppo della cosiddetta paranza di San Gaetano, operante nel Rione San Gaetano, e al gruppo dei Caldarelli, operante nella zona delle Case Nuove, entrambi articolazioni del clan Mazzarella.

Nello specifico, la prima attività d’indagine, sviluppata tra gennaio 2020 e la seconda metà del 2021, ha consentito di monitorare la nascita, l’ascesa e l’affermazione dell’aggregazione criminale diretta da G. S., il quale, scarcerato nel mese di aprile del 2020, dopo una lunga detenzione, ha promosso e realizzato un ambizioso progetto finalizzato ad acquisire il controllo diretto delle illecite attività esercitate nel comprensorio Forcella – Maddalena – Tribunali. Dalle attività investigative è stato così possibile acquisire elementi in ordine sia alle fasi del reclutamento e formazione degli appartenenti, sia all’insediamento sul territorio del nuovo gruppo criminale diretto da G.S. L’attività ha documentato l’alleanza con il sodalizio criminale capeggiato dalla famiglia Mazzarella, attraverso gli incontri con i vertici del clan, nel corso dei quali sono state impartite le direttive per l’operatività del nuovo cartello criminale Giuliano-Mazzarella. Sono stati registrati, inoltre, rapporti criminali con altre organizzazioni criminali operanti nella città di Napoli, in particolare con il gruppo criminale attivo nel quartiere San Gaetano.
Le indagini hanno, infine, consentito di documentare numerosi reati-fine commessi dall’associazione in parola, come tentati omicidi, lesioni, estorsioni, rapine, traffico di droga e spaccio al dettaglio di stupefacenti.

La seconda attività d’indagine poste a fondamento del provvedimento, svolta specificamente tra la fine del 2018 e il gennaio 2022, ha consentito di ricostruire l’esistenza, la struttura e l’operatività di un gruppo criminale denominato paranza di San Gaetano, articolazione del clan Mazzarella direttamente riconducibile a B.S., elemento di spicco del clan, dedito al controllo di attività delinquenziali quali le estorsioni e lo spaccio di stupefacenti.
Il predetto gruppo operava prevalentemente nell’area del centro storico del capoluogo, ricompresa tra via Tribunali, piazza S. Gaetano, Forcella e vie limitrofe.
Nell’ambito di questa attività investigativa si è ricostruita anche quella frangia del clan Mazzarella operante nella zona delle Case Nuove, direttamente riconducibile al gruppo dei Caldarelli.
Le indagini hanno consentito di documentare il controllo del territorio da parte del gruppo, con particolare riferimento al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il provvedimento eseguito è una misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui sono ammessi mezzi di impugnazione, e i destinatari della stessa sono persone sottoposte alle indagini e quindi presunti innocenti fino a sentenza definitiva.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Colpo gobbo a Grumo Nevano, assalto alla banca entrando dal muro: bottino da 100mila euro

Pubblicato

il

Colpo goppo a Grumo Nevano: in via Santolo Cirillo, la “banda del buco” è riuscita a penetrare all’interno della Bper Banca, forando uno dei muri della struttura e mettendo a segno un colpo da oltre 100 mila euro.

I rapinatori hanno atteso la chiusura per la pausa pranzo per entrare in azione, così da trovare soltanto i dipendenti nell’istituto di credito. Una volta entrati all’interno, i malviventi hanno rinchiuso i dipendenti in una stanza per un paio d’ore e nel frattempo hanno forzato le casse, riuscendo a sottrarre oltre centomila euro in contanti.

Non risultano esservi feriti.
L’allarme è stato lanciato subito dopo la fuga dei rapinatori. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Grumo Nevano e della sezione operativa di Caivano, che hanno ascoltato le testimonianze dei presenti; potrebbero essere utili ai fini dell’indagine avvalersi delle immagini delle telecamere presenti all’interno e all’esterno della banca.
La banda è riuscita a scappare, dileguandosi senza lasciare alcuna traccia.

Continua a leggere

Caivano

Terribile incidente a Caivano: due feriti gravi in ospedale

Pubblicato

il

Terribile incidente in quel di Caivano (Na): due feriti gravi sono stati traportati dai sanitari del 118 all’ospedale “San Giovanni di Dio” di Frattamaggiore, per le cure e gli accertamenti del caso. 

Nel grave sinistro avvenuto nei pressi del locale cimitero di Pascarola, all’altezza dell’inizio di via Caruso, sono stati coinvolti tre autoveicoli: una Station Wagon, che si è scontrata, per cause in corso di accertamento, con un’Apecar, impattando successivamente con un’altra autovettura. 

Ad avere la peggio sono state le due persone che viaggiavano sull’Apecar (rimasto letteralmente schiacciato dal fortissimo impatto), una delle quali è stata estratta dall’abitacolo dai vigili del fuoco, intervenuti immediatamente sul posto.

Sul luogo anche la polizia municipale (agli ordini del capitano Espedito Giglio), che ha disposto un percorso alternativo per gli automobilisti, in direzione della frazione di Pascarola, i militari della Compagnia dei Carabinieri di Caivano, diretta dal capitano Antonio Maria Cavallo, un mezzo dell’esercito e due ambulanze.

Continua a leggere

Cronaca

Blitz anti-droga della Polizia a Secondigliano e ai Quartieri Spagnoli: arrestati due 19enni e un 27enne

Pubblicato

il

QUARTIERI SPAGNOLI – Nello scorso pomeriggio, gli agenti del Commissariato San Ferdinando, durante i servizi all’uopo predisposti, nel transitare in piazzetta Rosario di Palazzo, hanno notato un gruppo di giovani ed uno di essi, alla loro vista, ha tentato di eludere il controllo. Pertanto, i poliziotti lo hanno raggiunto e controllato trovandolo in possesso di 41 involucri contenenti marijuana per un peso complessivo di circa 40 grammi; in quei frangenti, gli operatori hanno sottoposto a controllo un altro giovane trovandolo in possesso di una dose della stessa sostanza. Per questi motivi, l’indagato, identificato per il 19enne napoletano, è stato tratto in arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti, mentre l’altro è stato sanzionato amministrativamente per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale.

SECONDIGLIANO – Nel pomeriggio di ieri, gli agenti del Commissariato Secondigliano, durante i servizi all’uopo predisposti, hanno effettuato un servizio di osservazione nei pressi di uno stabile in corso Secondigliano dove hanno notato un soggetto che, dopo aver ricevuto del denaro da una persona, è entrato nel cortile dell’edificio raggiungendo un secondo soggetto; quest’ultimo, dopo aver prelevato un involucro da una cassetta postale in disuso, lo ha consegnato al complice il quale, a sua volta, l’ha ceduto all’acquirente che si è poi allontanato frettolosamente.I poliziotti, tempestivamente intervenuti per interrompere l’iter criminoso, hanno bloccato i ragazzi trovando uno di essi in possesso di 770 euro, suddivisi in banconote di diverso taglio chiaro provento dell’attività delittuosa; inoltre, gli operatori hanno controllato la cassetta postale dove, ben occultati in due borselli, hanno rinvenuto 43 involucri di marijuana del peso complessivo di 104 grammi circa e 11 involucri di hashish per un totale di circa di 108 grammi. Per tali motivi, i due indagati, entrambi napoletani di 19 e 27 anni con precedenti di polizia, anche specifici, sono stati tratti in arresto per detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy