Resta sintonizzato

Cronaca

Papà morto in difesa della figlia per un parcheggio: identificati i 5 aggressori

Pubblicato

il

I carabinieri hanno identificato cinque persone che avrebbero preso parte all’omicidio di Maurizio Cerrato, il 61enne ucciso con una coltellata davanti alla figlia nel piazzale di un parcheggio di Torre Annunziata, in provincia di Napoli, la sera del 19 aprile.

La ragazza, sentita due volte dagli inquirenti, ha descritto quello che sembra un vero e proprio agguato: il gruppo sarebbe arrivato dopo una prima discussione, nata per un parcheggio, e avrebbe accoltellato il padre al petto.

La Procura di Torre Annunziata, guidata da Nunzio Fragliasso, ha stretto il cerchio intorno ai sospettati e in queste ore sta ricostruendo le responsabilità individuali.

Maria Adriana, la figlia di Cerrato, ha ricostruito quei minuti di follia che hanno portato alla morte del padre. La donna ha raccontato a Fanpage.it che tutto era nato da un parcheggio: aveva lasciato la sua automobile in un tratto di strada pubblica abitualmente utilizzato da un’altra famiglia, spostando la sedia che solitamente veniva utilizzata per “riservarsi” il posto auto. Si era ritrovata con uno pneumatico squarciato e c’era stata una prima discussione. Poco dopo, mentre stava cambiando la ruota col padre, nel piazzale del garage pochi metri più avanti, i due sarebbero stati raggiunti da cinque persone, tra cui quelle con cui avevano litigato in precedenza, e ci sarebbe stata l’aggressione mortale.

La ragazza ha accompagnato il padre all’ospedale di Castellammare di Stabia, ma l’uomo è deceduto prima di arrivare al Pronto Soccorso.

Da Google si nota che quel parcheggio era “riservato” con il sistema delle sedie da almeno 12 anni: la prima fotografia che le mostra risale al 2008, ma ci sono in tutte le fotografie contenute nella cronologia, fino all’ultima, scattata nel 2020. Cerrato, completamente estraneo a qualsiasi dinamica di malavita, lavorava come custode nel Parco Archeologico di Pompei.

Maurizio e Maria Adriana sono due vittime, vittime dell’indifferenza, di tutti coloro che dinanzi alle innumerevoli ingiustizie si gira dall’altro lato, sono vittime di una società fatta di omertà e paura, di indifferenza e silenzi.

Maurizio Cerrato verrà commemorato questa sera, mercoledì 21 aprile, durante una manifestazione della sezione locale dell’associazione antimafia Libera Luigi Staiano e Raffaele Pastore“, che si terrà in diretta Facebook.

L’evento era già in programma perché oggi ricade il 39esimo anniversario della morte di Luigi Cafiero, ventenne ucciso dalla camorra il 21 aprile 1982 davanti alla fidanzata per un errore di persona.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Casoria

CASORIA. Truffa dello specchietto: occhio a quest’auto

Pubblicato

il

Arrivano altre segnalazioni in merito alla consueta truffa dello specchietto.

In tutta l’area a Nord di Napoli è, ormai, un continuo succedersi di occasioni simili, in cui le povere vittime si vedono costrette a “regalare” soldi con la falsa scusa di aver provocato danni ad uno specchietto(di solito), per evitare l’aumento annuale dei costi assicurativi.

A CASORIA, si sta cercando di riconoscere due “ladri” che a bordo di una Volkswagen Golf di colore bianco avrebbero più volte affiancato auto in transito e, con la solita scusa dell’urto e quindi del danneggiamento avrebbero tentato di racimolare soldi dagli autisti in transito. Se vi dovessero capitare circostanze simili, evitate di fermarvi e denunciate l’accaduto.

Continua a leggere

Cronaca

Aggressione al neomelodico Pino Franzese. La decisione del GIP di Napoli

Pubblicato

il

 Il gip di Napoli ha scarcerato il rapper Armando Di Pinto, 21 anni, e lo zio, Giuseppe Emanuele Di Pinto, 27 anni, accusati di avere aggredito, picchiato e derubato lo scorso 3 maggio a Napoli, il cantante neomelodico Pino Franzese, al secolo Ben Salah Giuseppe, e un suo amico, mentre erano in auto insieme con due ragazze, una ex fidanzata del rapper.
   

Come riportato anche dall’ANSA, il giudice ha disposto l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria ritenendo non sussistenti i gravi indizi di colpevolezza in relazione alla rapina che, invece, sono sussistenti in relazione all’accusa di lesioni volontarie.

Gli stessi indagati hanno confermato, infatti, il movente di gelosia e la lite scaturita quella sera, ma nessuno dei testimoni ascoltati ha confermato sulla sottrazione di oggetti preziosi, così come si evince dall’accusa.

Continua a leggere

Cronaca

Denuncia carabiniere per violenza sessuale in caserma ma viene condannata: i particolari

Pubblicato

il

Condannata per calunnia una 37 enne residente a Ravenna, che aveva denunciato un carabiniere di Napoli lamentando una violenza sessuale subita in caserma. Tuttavia, secondo i giudici, la violenza non si è mai verificata. La donna, processata con rito abbreviato, si è vista infliggere un anno e quattro mesi di pena sospesa. Inoltre, ella, dovrà pagare al militare una provvisionale di 5 mila euro.

La Procura, aveva chiesto l’assoluzione, ritenendo che nelle parole della donna potesse non esserci dolo. La vicenda, risale alla mezzanotte tra il 10 e l’11 gennaio 2018, quando il militare aveva fatto entrare al Comando Provinciale due donne conosciute poco prima in un bar, tra cui la 37 enne. Da qui, la donna, aveva fatto riferimento a due episodi: quello in caserma e un secondo approccio che il militare avrebbe tentato a casa sua. Ad escludere la violenza erano stati due elementi: la testimonianza dell’amica presente e quella del piantone della caserma. Tuttavia, per i fatti avvenuti quella notte, il carabiniere è stato condannato di recente a 11 mesi con pena sospesa, per truffa e forzata consegna.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante