Resta sintonizzato

Cronaca

Genitori denunciano il figlio: “Siamo terrorizzati, temiamo che ci ammazzi!”

Pubblicato

il

Un 23enne è finito in carcere dopo che i genitori, molto spaventati, lo hanno denunciato.

Siamo terrorizzati, temiamo che ci ammazzi” è stato il grido di disperazione della madre e del padre del 23enne che si sono visti costretti alla dura decisione.

N.S. di Portico di Caserta, è così finito in manette, arrestato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il giovane con cadenza quasi fissa pretendeva soldi dagli anziani genitori, entrambi stimati professionisti oggi in pensione.

Se non mi date i soldi distruggo casa e do fuoco a tutto“, li minacciava. Per poi fare loro continue richieste di denaro: 20, 30, 60 o anche 100 euro al giorno.

Il giovane, abituale assuntore di stupefacenti, dopo aver ottenuto le somme richieste spariva di casa per qualche giorno per poi ritornare accompagnato da un taxi, pretendendo il pagamento della corsa ed altri soldi.

Descritto come grande e muscoloso ed in grado di incutere timore con la sola presenza, quando si vedeva negare le richieste il 23enne minacciava i genitori con strattoni piuttosto energici ma anche con vere e proprie molestie.

Ad esempio quando i genitori si chiudevano in casa per paura il ragazzo si attaccava al citofono disturbandone la quiete, anche per l’intera notte: “Ci sta togliendo l’esistenza: siamo il suo bancomat quotidiano”.

Le condotte, secondo quanto raccontato dai genitori ormai esausti, si sarebbero aggravante nell’ultimo mese ma andrebbero in realtà avanti da tempo, anche con furti nel corso degli anni di soldi e ricordi di famiglia, come l’orologio d’oro per il pensionamento del padre.

Ci ha ridotti sul lastrico, siamo quasi costretti ad indebitarci“, ha denunciato il genitore.

Il racconto agghiacciante è stato convalidato dal gip Orazio Rossi che ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Nei prossimi giorni il 23enne, assistito dall’avvocato Nello Sgambato, verrà sentito dal magistrato per l’interrogatorio di garanzia.

 
Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cronaca

Covid, Campania: 8.386 nuovi positivi, 4 decessi. Il bollettino di oggi, 29 giugno 2022

Pubblicato

il

CAMPANIA – Questo il bollettino di oggi diramato dall’unità di crisi della Regione Campania recante i dati della pandemia da Covid-19 sul territorio regionale (dati aggiornati alle 23.59 di ieri).

Positivi del giorno: 8.386

di cui:

Positivi all’antigenico: 7.850

Positivi al molecolare: 536

Test: 27.153

di cui:

Antigenici: 22.077

Molecolari: 5.076

Deceduti: 2 (*)

(*) Nelle ultime 48 ore; 2 deceduti in precedenza ma registrati ieri.

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 573

Posti letto di terapia intensiva occupati: 25

Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (*)

Posti letto di degenza occupati: 417

(*) Posti letto Covid e Offerta privata.

Continua a leggere

Cronaca

Festa con scossa, 13enne folgorato da un lampione: grave in ospedale

Pubblicato

il

Choc a Montenero di Bisaccia, in provincia di Campobasso, dove nella serata di ieri un 13enne del posto è rimasto folgorato durante una festa di quartiere. Pertanto, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Termoli.

Stando ad una prima ricostruzione, il giovane si era appoggiato ad un lampione quando, all’improvviso, si è accasciato a terra. A quel punto, il trasporto in ospedale, in condizioni molto gravi. Tuttavia, stamane è stato trasferito presso l’ospedale di Foggia. Indagano i carabinieri della Compagnia di Termoli, che tentano di risalire alle cause dell’accaduto.

Continua a leggere

Cronaca

Lite in strada sfociata nel sangue: 18enne accoltellato

Pubblicato

il

Dramma avvenuto questa notte a Monza, in via Bergamo, dove un 18enne è stato accoltellato. In particolare, il giovane si trovava nella zona della movida, quando un’auto con a bordo due uomini e una donna, l’avrebbe provocato facendogli cadere la birra dalle mani. Tuttavia, alcuni cocci della bottiglia si sarebbero frantumati, ferendo la fidanzata del ragazzo.

A quel punto, è scoppiata una lite con il conducente, il quale è sceso dall’auto insieme all’altro passeggero, aggredendo e picchiando il giovane con calci e pugni, fino a farlo cadere a terra. Poi, uno dei due ha estratto un coltello e lo ha colpito due volte all’addome e una alla schiena, continuando ugualmente a minacciarlo.

Infine, gli hanno rubato l’orologio per darsi poi alla fuga. Pertanto, il 18enne è stato trasportato d’urgenza all’ospedale San Gerardo in gravi condizioni. Indaga la Polizia.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante