Resta sintonizzato

Campania

Genitori denunciano il figlio: “Siamo terrorizzati, temiamo che ci ammazzi!”

Pubblicato

il

Un 23enne è finito in carcere dopo che i genitori, molto spaventati, lo hanno denunciato.

Siamo terrorizzati, temiamo che ci ammazzi” è stato il grido di disperazione della madre e del padre del 23enne che si sono visti costretti alla dura decisione.

N.S. di Portico di Caserta, è così finito in manette, arrestato per maltrattamenti in famiglia ed estorsione.

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, il giovane con cadenza quasi fissa pretendeva soldi dagli anziani genitori, entrambi stimati professionisti oggi in pensione.

Se non mi date i soldi distruggo casa e do fuoco a tutto“, li minacciava. Per poi fare loro continue richieste di denaro: 20, 30, 60 o anche 100 euro al giorno.

Il giovane, abituale assuntore di stupefacenti, dopo aver ottenuto le somme richieste spariva di casa per qualche giorno per poi ritornare accompagnato da un taxi, pretendendo il pagamento della corsa ed altri soldi.

Descritto come grande e muscoloso ed in grado di incutere timore con la sola presenza, quando si vedeva negare le richieste il 23enne minacciava i genitori con strattoni piuttosto energici ma anche con vere e proprie molestie.

Ad esempio quando i genitori si chiudevano in casa per paura il ragazzo si attaccava al citofono disturbandone la quiete, anche per l’intera notte: “Ci sta togliendo l’esistenza: siamo il suo bancomat quotidiano”.

Le condotte, secondo quanto raccontato dai genitori ormai esausti, si sarebbero aggravante nell’ultimo mese ma andrebbero in realtà avanti da tempo, anche con furti nel corso degli anni di soldi e ricordi di famiglia, come l’orologio d’oro per il pensionamento del padre.

Ci ha ridotti sul lastrico, siamo quasi costretti ad indebitarci“, ha denunciato il genitore.

Il racconto agghiacciante è stato convalidato dal gip Orazio Rossi che ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Nei prossimi giorni il 23enne, assistito dall’avvocato Nello Sgambato, verrà sentito dal magistrato per l’interrogatorio di garanzia.

 
Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Benevento

Una tragica fuga: giovane migrante muore schiacciato tra le ruote di un tir

Pubblicato

il

Un giovane immigrato è stato ritrovato morto sotto un tir che si era fermato nell’area di servizio di Torrepalazzo, a Torrecuso, lungo la Statale Telesina.

Il giovane migrante era incastrato tra le ruote dell’autoarticolato.

Il camion, secondo le prime ricostruzioni, era partito dalla Grecia ed era diretto verso il Nord Italia. Non è escluso che il giovane stesse cercando di raggiungere forse la Germania e abbia cercato di nascondersi in una intercapedine sul fondo del tir e che poi abbia perso l’equilibrio o le forze stremato dal viaggio e sia rimasto schiacciato dalle ruote.

Il dramma si è verificato nel beneventano. Quando si è accorto di quanto era accaduto, il conducente del tir ha contattato i soccorsi ma quando il personale sanitario è arrivato nell’area di servizio di Torrepalazzo, a Torrecuso per prestare i primi soccorsi, non ha potuto far altro che constatare il decesso del povero migrante.

Sul posto anche i carabinieri del comando provinciale di Benevento che hanno interrogato l’autista per cercare di ricostruire quanto accaduto.

Il giovane migrante, secondo le prime ricostruzioni, probabilmente stava cercando di attraversare l’Europa e raggiungere la Germania in cerca di miglior vita.

Il giovane forse stremato dalla fatica di viaggiare in quella posizione potrebbe essere caduto venendo schiacciato dal mezzo pesante durante una manovra. Solo le indagini della magistratura, però, potranno far pienamente chiarezza su quanto accaduto.

Continua a leggere

Attualità

Coronavirus. Il bollettino ordinario: la situazione in Campania

Pubblicato

il

Anche quest’oggi, mercoledì 14 aprile, è stato pubblicato il bollettino ordinario dell’Unità di Crisi della Regione Campania.

Ecco i dati del giorno:

Positivi del giorno: 2.212 (*)

di cui Asintomatici: 1.511 (*)

Sintomatici: 701 (*)

* Positivi, Sintomatici e Asintomatici si riferiscono ai tamponi molecolari

Tamponi molecolari del giorno: 21.170

Tamponi antigenici del giorno: 3.768

Deceduti: 27 (27 deceduti nelle ultime 48 ore)

Totale deceduti: 5.851

Guariti: 1.615

Totale guariti: 264.906

Report posti letto su base regionale:

Posti letto di terapia intensiva disponibili: 656

Posti letto di terapia intensiva occupati: 127

Posti letto di degenza disponibili: 3.160 (Posti letto Covid e Offerta privata)

Posti letto di degenza occupati: 1.585

Continua a leggere

Attualità

Vaccini Anti-Covid in Farmacia: dove farli in Campania e come prenotarsi

Pubblicato

il

Com’è stato reso noto sarà possibile vaccinarsi anche nelle Farmacie Campane. Ma come ci si potrà prenotare e quali sono le farmacie che hanno aderito?

Federfarma Napoli ha pubblicato sul suo sito la mappa interattiva per trovare la farmacia più vicina disponibile a fare la vaccinazione anti-Covid19.

Ogni farmacia che ha dato la propria disponibilità ad eseguire la somministrazione del vaccino viene indicata con un fiore rosa, simbolo della lotta contro il Coronavirus.

In totale sono circa 1.050 in tutta la Campania, di cui 500 in provincia di Napoli. Sempre Federfarma ha reso disponibili anche gli indirizzi e i Comuni dove sono ubicate le farmacie che faranno le vaccinazioni.

Le prenotazioni, a quanto filtrato finora, si potranno fare sia online sulla piattaforma regionale Sinfonia, che in farmacia.

L’avvio delle prenotazioni sarà comunicato da Federfarma di concerto con la Regione Campania non appena ci sarà la disponibilità dei vaccini. Per questo motivo, è inutile chiamare in questi giorni in farmacia per prenotarsi.

I farmacisti, insomma, ce la stanno mettendo tutta per partire il più presto possibile, molti hanno preso accordi per affittare locali adeguati, si sono resi disponibili ad investire per accendere le polizze assicurative e stanno facendo i corsi di formazione per farmacista vaccinatore. Ovviamente, per poter partire bisogna prima avere le dosi di vaccino, che al momento il commissariato nazionale per l’emergenza Covid19 non ha ancora distribuito.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante