Resta sintonizzato

Politica

SANT’ANTIMO. Cartelle pazze della TARI. Peppe Italia accusa Massimo Buonanno. Buonanno si difende chiamandolo “ex, ex, ex, ex”

Pubblicato

il

SANT’ANTIMO – Comincia ad infiammarsi la campagna elettorale. Galeotte furono quelle cartelle pazze della TARI che in questi giorni i cittadini santantimesi si sono viste recapitare nelle cassette postali.

I commissari prefettizi interpretando una norma che fu redatta e pubblicata in pieno Covid hanno potuto allungare di 86 giorni la scadenza di alcuni avvisi della TARI datati 2018, così chi ha pagato l’imposta in quegli anni, dato che la bonifica dei dati nel capitolo di bilancio dedicato durante questo lustro non è mai stata fatta, è dovuto recarsi al Comune per dimostrare, ricevuta alla mano, dell’avvenuto pagamento. Ovviamente tutto questo con un ulteriore esborso da parte dell’ente comunale per avviare la spedizione delle missive.

A tal riguardo, coglie l’occasione l’ex Consigliere Peppe Italia che stamattina attraverso la sua pagina social pubblica un video (guarda qui) dove accusa l’ex Amministrazione Buonanno di essere stata negligente sull’aggiornamento dei dati anagrafici degli onesti pagatori, favorendo così chi non ha mai pagato poiché tale provvedimento adottato dai Commissari, continua a non scalfirli.

Non si è fatta attendere la risposta dell’ex capo dell’Amministrazione, l’ex Sindaco Massimo Buonanno, che attraverso il suo profilo social pubblica un video (guarda qui) che, a suo dire, smentirebbe ciò che asserisce Peppe Italia ma che in realtà, comunicativamente parlando, diventa solo una sorta di sbeffeggiamento nei confronti del leader di Agorà, apostrofandolo per la maggior parte della durata del video con l’appellativo “ex, ex, ex, ex”, cosa avrà voluto dire non si sa, fatto sta che la risposta del Buonanno appare più una difesa a tutti i costi perché argomenta poco e scarica il barile sul numero esiguo dei funzionari al Settore Tributi, lasciando velatamente interpretare una sorta di accusa a chi doveva bonificare materialmente e non l’ha fatto, dimenticando che il ruolo della politica è proprio quello di controllare il lavoro dei dipendenti della macchina burocratica.

Chi ha ragione in tutto questo? Restate collegati con noi perché affronteremo la questione con altri addetti ai lavori. State sintonizzati, vi terremo aggiornati.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Campi Flegrei, vertice in prefettura sul tavolo, il punto sui progressi nell’attuazione del decreto

Pubblicato

il

Oggi alle 10 in Prefettura a Napoli si terrà un incontro con il ministro per la Protezione civile Nello Musumeci a proposito dei Campi Flegrei. La riunione, fanno sapere dal ministero, è stata voluta da Musumeci per verificare lo stato di attuazione del decreto sui Campi Flegrei, convertito nella legge n.183 del 7/12/2023. L’incontro vedrà la presenza, oltre a ministro e prefetto, di Regione Campania, Comune di Napoli, Città metropolitana, oltre che dei Comuni di Bacoli e Pozzuoli e del Capo dipartimento nazionale della Protezione civile.

Il decreto sui Campi Flegrei è stato approvato dopo che nella seconda metà del 2023 il fenomeno bradisismico nell’area si è particolarmente intensificato. L’onere complessivo derivante dalle disposizioni del decreto-legge ammonta ad un importo quantificato in 52,2 milioni di euro, che sarà sostenuto integralmente dallo Stato. Ma cosa prevede? Innanzitutto, introduce la possibilità di adottare un piano straordinario di analisi della vulnerabilità delle zone edificate direttamente interessate dal fenomeno bradisismico, che dovrà essere approvato con decreto del Ministro per la protezione civile e le politiche del mare, di concerto con il Ministro dell’economia, d’intesa con il Presidente della Regione Campania e sentiti la Città Metropolitana di Napoli e i Sindaci dei Comuni interessati.

Si tratta di un piano composto da quattro attività: uno studio di microzonazione sismica; un’analisi della vulnerabilità sismica dell’edilizia privata; un’analisi della vulnerabilità sismica dell’edilizia pubblica e un primo piano di misure per la mitigazione; un programma d’implementazione del monitoraggio sismico e delle strutture. Sulla base dei dati di sollevamento bradisismico e della sismicità dell’area, il Dipartimento della protezione civile provvederà a una prima delimitazione urgente della zona di intervento. Per la celere attuazione del piano, il Dipartimento si avvale di una struttura di supporto.

Inoltre, il decreto definisce il piano di comunicazione alla popolazione, approvato dalla Regione Campania, in raccordo con il Dipartimento della protezione civile. Tale piano concerne il potenziamento d’iniziative già avviate e lo sviluppo di nuove iniziative finalizzate alla diffusione della conoscenza dei rischi, con specifico riguardo alle persone con disabilità. Sono state anche introdotte misure urgenti per la verifica della funzionalità delle infrastrutture di trasporti e di altri servizi essenziali. Si prevede che la Regione Campania coordini le attività di verifica delle criticità per assicurare la funzionalità delle infrastrutture di trasporto.

Infine, il decreto ha previsto il potenziamento della risposta operativa territoriale di protezione civile. In particolare, la Città Metropolitana di Napoli coordina: la ricognizione dei fabbisogni urgenti relativamente al reclutamento di personale a tempo determinato, da impiegare per dodici mesi per il potenziamento della struttura comunale di protezione civile; l’acquisizione di materiali necessari per garantire un’efficace gestione delle attività di protezione civile; l’allestimento di aree e strutture temporanee per l’accoglienza della popolazione.

Lo stato di attuazione del decreto Campi Flegrei sulle misure preventive del bradisismo è stato lo scorso 14 febbraio al centro di un incontro a Roma, convocato sempre da Musumeci e al quale hanno partecipato il prefetto di Napoli Michele Di Bari, l’assessore regionale alla Protezione civile Mario Morcone, Edoardo Cosenza per la Città Metropolitana di Napoli, Italo Giulivo, capo della Protezione civile campana, Titti Postiglione per il dipartimento nazionale di Protezione civile e Luigi Ferrara per il dipartimento “Casa Italia”. Nell’occasione, è stato fatto il punto sul Piano straordinario di analisi della vulnerabilità degli edifici nell’area del bradisismo, l’analisi del Piano di comunicazione alla popolazione e del Piano speditivo di emergenza con i dettagli del programma esercitativo. Particolare attenzione, inoltre, è stata dedicata al coordinamento che la Regione Campania, nel raccordo con i Comuni interessati, deve esercitare per la individuazione delle criticità e la funzionalità delle infrastrutture di trasporto e dei servizi essenziali, in caso di necessità. La Città Metropolitana di Napoli, dal canto suo, sta portando avanti la ricognizione dei fabbisogni urgenti da parte dei Comuni ricadenti nell’area interessata al fenomeno di sollevamento del terreno per il reclutamento del personale tecnico necessario a far fronte ai nuovi gravosi impegni derivanti dal decreto voluto dal ministro Musumeci.

“Prendo atto con piacere – sono state per l’occasione le parole del ministro – che tutte le Istituzioni chiamate in causa dal decreto n. 140 dell’ottobre scorso hanno finora rispettato le scadenze fissate dal provvedimento. A questa fase preliminare dovrà subito far seguito quella attuativa ed operativa, sulla quale ho chiesto al prefetto di collaborare nella verifica dei risultati. Trattandosi di misure preventive, bisognerà con tempestività passare anche ad una attività che coinvolga la popolazione interessata, senza reticenze e senza allarmismi. Un cittadino informato e consapevole diventa pienamente responsabile della propria condotta. Al termine della riunione ho anticipato che intendo tenere il prossimo incontro alla Prefettura di Napoli”.

Continua a leggere

Caivano

CAIVANO. Occupazioni abusive. Patriciello in confusione: i boss della camorra lo minacciano. Ma non erano tutte brave persone?

Pubblicato

il

CAIVANO – Tutta l’Italia ringrazia il prete Patriciello per l’attenzione conquistata sui problemi del Parco Verde e di Caivano, anche se per farlo talvolta racconta frottole ma è il fine che conta, infatti il suo allarmismo ha fatto leva sulla sensibilità della Premier Meloni che dal 31 Agosto dello scorso anno, giorno della sua visita nel comune gialloverde, non ha arretrato di un millimetro e ha dimostrato e sta dimostrando che in queste zone e su territori come Caivano possa essere stabilita la legalità a 360 gradi.

Chi però, oramai, non ci sta capendo più nulla è proprio il prete Patriciello. Indiscutibilmente la questione si è fatta molto più grande di lui e un semplice prete di periferia, come giusto e oggettivo che sia, non può amministrare né rassicuarare le persone su una questione di legalità così vasta che comprende anche l’occupazione abusiva degli immobili del Parco Verde.

È di stamattina l’ennesimo allarme lanciato dalla toga parcoverdiana, secondo il prete, alcuni boss della camorra del Parco Verde prima minacciano di occupare la Chiesa e poi le famiglie residenti nel complesso residenziale, costringendole a far disertare il catechismo ai propri figli.

Allora, arrivati a questo punto, non voglio ragionare da caivanese informato su fatti, circostanze e persone ma voglio mettermi nei panni di alcuni esponenti delle istituzioni che purtroppo per loro, hanno considerato il prete Patriciello, un punto di riferimento, il proprio occhio sulle vicende che interessano l’addensamento di povertà più pericoloso della Campania, ponendomi pure qualche quesito: Per quale motivo viene minacciato il prete e la Chiesa? Perché si ritiene il prete l’artefice delle attenzioni del Governo sul Parco Verde e di conseguenza sulle occupazioni abusive degli immobili ivi insistenti? Premesso che le 419 persone accorse in chiesa per ben due volte applaudendo pure il prete per i suoi “comizi” rassicuranti, siano tutte brave persone, persone perbene, come dichiarato dal prete sia nella lettera aperta alla Premier Meloni di alcune settimane fa che durante le sue omelie in parrocchia, nonché davanti ai microfoni dei maggior mass media, chi sono allora e che interessi hanno questi boss della camorra a minacciare Patriciello? In realtà, chi occupa queste case abusive, la brava gente che si alza la mattina per andare a lavorare come dichiarato dal prete o i boss della camorra che minacciano il prete?

Una cosa è certa! Ma questo chi vive di realtà e ha un po’ di sale in zucca può riuscire a comprendere benissimo. La legge è legge e anche il buon senso vuole la sua parte, affidarsi ad un prete vuol dire affidarsi a Dio e quello lassù non sempre ascolta, poi se consideriamo pure che certe questioni sono di competenze di “Cesare” dovremmo più affidarci alle parole di Cristo quando diceva “date a Cesare ciò che è di Cesare” che alle vane speranze propinate da un prete di periferia atte a salvare capre e cavoli. Meditate gente. Meditate.

Continua a leggere

Città

Cariche della polizia contro chi protesta per la Palestina, un episodio simile è avvenuto a Napoli

Pubblicato

il

L’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris è intervenuto a proposito dei fatti di Pisa, dove degli studenti sono stati violentemente caricati dalla polizia mentre manifestavano per la fine della guerra a Gaza. Un simile episodio era avvenuto anche a Napoli, all’esterno della sede della Rai di viale Marconi.

“Le manganellate gratuite, ingiustificate e di inaudita violenza negli ultimi giorni contro pacifici manifestanti, per lo più ragazze e ragazzi, che invocano giustizia e verità per la Palestina e i palestinesi – scrive de Magistris – delineano non il ripetersi di episodi di occasionale inadeguata gestione dell’ordine e della sicurezza pubblica, ma una strategia evidentemente voluta, deliberata e pianificata che non può che vedere come primo responsabile politico ed istituzionale il ministro dell’interno che deve dimettersi di fronte ad immagini di brutale violenza istituzionale che sono in contrasto con la Repubblica e lo Stato di diritto”.

“Chi abusa del potere ad ogni livello deve sapere che non saranno manganellate e governi autoritari a fermare la storia – conclude l’ex primo cittadino napoeltano – la legittima e doverosa resistenza popolare, il sostegno senza sosta alla causa palestinese fino alla vittoria, il sogno di un altro mondo possibile: di pace senza violenza, di amore contro odio”.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy