Resta sintonizzato
https://www.vesuviolive.it/wp-content/uploads/2022/02/funerali-rosa-alfieri.bmp

Cronaca

Funerali di Rosa a Grumo Nevano, il dolore della mamma

Pubblicato

il

Questa mattina a Grumo Nevano si sono svolti i funerali di Rosa Alfieri tra la commozione dei presenti e il dolore profondo dei familiari che hanno voluto dedicarle una lettera.

Presso la basilica di San Tammaro la folla si è riunita per dare l’ultimo saluto alla giovane vittima che ha perso la vita in un modo inaccettabile quanto prematuro. Durante la celebrazione come si evince dalle immagini diffuse da ‘Vita Web Tv’, un’amica di Rosa ha letto la lettera scritta da mamma Nicoletta: “Amore mio, sento ancora il pianto di quando per la prima volta sei venuta al mondo. Il tuo pianto, che emozione”.

Siamo cresciute insieme giorno per giorno, la nostra complicità ci ha unite sempre di più anche se ogni tanto non eravamo d’accordo e tu facevi sempre a modo tuo. Non ascoltavi nessuno e anche se sbagliavi per me rimanevi perfetta. Vivrai sempre nei nostri cuori e nei nostri ricordi. Ti amo vita mia, non ti dico un addio ma un arrivederci. I tuoi genitori Nicoletta e Vincenzo, i tuoi fratelli Pasquale e Luca”.

L’uscita della bara è stata accompagnata da un forte e lungo applauso seguito dal volo dei palloncini bianchi. All’esterno della basilica sono state disposte candele e striscioni dedicati a Rosa. In molti hanno indossato delle maglie raffiguranti il suo viso.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Bimbo affetto da autismo maltrattato dall’insegnante di sostegno: la situazione

Pubblicato

il

La storia che vi stiamo per raccontare, riguarda un bimbo di 9 anni affetto da autismo. Ebbene, la sua insegnante di sostegno è accusata di aver maltrattato e talvolta lasciato da solo il piccolo, studente di una scuola elementare della Bassa Padovana, nel periodo compreso tra settembre e dicembre.

In particolare, ad incastrare la 40enne, ci hanno pensato le telecamere installate nella scuola, le quali avrebbero ripreso i comportamenti poco ortodossi della maestra nei confronti del bambino. Pertanto, tutto è partito da segnali di malessere lanciati dal bimbo, che appariva sempre più irrequieto e aggressivo in casa, insospettendo il padre.

In seguito, l’uomo si è rivolto ai carabinieri, che nei giorni scorsi hanno fatto recapitare all’indagata l’avviso di conclusione delle indagini preliminari e l’informazione di garanzia. A questo punto, la donna dovrà rispondere di maltrattamenti, con l’aggravante di averli compiuti ai danni di un minore o persona disabile.

Tuttavia, nell’informazione di garanzia, la maestra avrebbe più volte strattonato l’alunno trascinandolo per un braccio. Invece, altre volte, sarebbe arrivata a metterlo forzatamente seduto su una sedia e a trattenerlo lì contro la sua volontà. Poi le provocazioni e i dispetti, come quando avrebbe buttato giù la torre di mattoncini, costruita con pazienza dal bimbo, la cui reazione fu quella di mordergli il braccio.

Inoltre, l’alunno sarebbe stato abbandonato a sé stesso invece che seguito. Infatti, ella lo trascurava ripetutamente e per periodi prolungati, al fine di consultare e utilizzare il proprio telefono cellulare, talvolta inventando scuse per liberarsi del bambino.

Continua a leggere

Cronaca

Choc nell’Ennese, accoltella la suocera alla gola al culmine di una lite: fermata dai carabinieri

Pubblicato

il

Choc a Pietraperzia, in provincia di Enna, dove una 32enne ha ucciso con un’arma da taglio la suocera di 62 anni al culmine di una lite. La vittima si chiama Margherita Margani.

Stando alle prime informazioni, l’anziana avrebbe aperto la porta di casa della nuora, con la quale i rapporti non erano del tutto idilliaci, venendo aggredita dalla stessa con un coltello che le ha reciso la gola. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno fermato la responsabile.

Continua a leggere

Cronaca

Follia in casa, colpisce la madre al volto e la manda in ospedale: 27enne nei guai

Pubblicato

il

Episodio di violenza domestica avvenuto giovedì a Vibonati, in provincia di Salerno, dove un 27enne ha aggredito la madre colpendola al volto, sotto gli occhi della sorella. Pertanto, la donna è stata trasportata d’urgenza in ospedale, per poi sporgere denuncia poco dopo in caserma.

Al momento, l’uomo è stato allontanato dalla casa familiare, con divieto di avvicinamento dei luoghi abitualmente frequentati dalla vittima. Sul posto, sono intervenuti i sanitari del 118 e i carabinieri.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy