Resta sintonizzato

Cronaca

Poggiomarino. Tentato omicidio di Raffaele Carrillo. Carabinieri arrestano 3 persone appartenenti a nuovo gruppo criminale

Pubblicato

il

In data odierna, presso il carcere di Napoli – Secondigliano, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione ad una ordinanza di Custodia Cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Napoli – Ufficio GIP – in data 12 agosto 2021 nei confronti di AMORUSO Carmine, classe ’83, Amoruso MARCO, classe ’93 e GARANTE Luca, classe ’98 – tutti pregiudicati di Poggiomarino ed appartenenti ad un gruppo criminale di neo-formazione capeggiato dall’ex collaboratore di giustizia AMORUSO Carmine, già appartenente al clan GIUGLIANO capeggiato da GIUGLIANO Antonio o’ Sauriell – per i reati di ricettazione e porto e detenzione di armi da fuoco comuni e da guerra, aggravati dalla finalità mafiose di esperire un radicale controllo del territorio nell’area di Poggiomarino anche attraverso l’esecuzione di un omicidio, pianificato nei riguardi di CARRILLO Raffaele, classe ’83, appartenente alla rivale consorteria criminale capeggiata da GIUGLIANO Rosario ed operante, parimenti, a Poggiomarino.
L’ordinanza di custodia cautelare eseguita, ratifica ed avvalora il decreto di fermo, emesso in data 30 luglio 2021 dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia nei confronti dei soggetti citati, ed eseguito in pari data dai militari dell’Arma, confermando la solidità degli elementi raccolti in fase investigativa in relazione a tutti i reati contestati, non ultima l’aggravante del metodo mafioso.
Il provvedimento di fermo scaturiva da un’articolata attività d’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo del Gruppo Carabinieri di Torre Annunziata e coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, che aveva permesso di raccogliere plurimi elementi indiziari in ordine alla pianificazione, da parte degli AMORUSO, dell’omicidio di CARRILLO Raffaele responsabile, secondo gli stessi AMORUSO, di voler eseguire azioni di fuoco nei loro confronti.
Il piano omicidiario degli AMORUSO è stato sventato dalla tempestiva individuazione delle fonti di prova in ordine alla raccolta delle armi ed alla rapida emissione del provvedimento di fermo che ha di fatto impedito, anticipandola, la realizzazione dell’azione di fuoco.
Per tale ultima azione, infatti, gli odierni indagati avevano già recuperato nr. 2 fucili, posti in sequestro a seguito di perquisizione domiciliare, e nr. 2 pistole – una semiautomatica marca Steyr cal. 40 ed un revolver marca Smith & Wesson cal. 38 special – cadute in sequestro nel corso della perquisizione eseguita dai militari presso l’abitazione degli AMORUSO in sede di esecuzione del fermo.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Napoli, sparato un proiettile contro l’Istituto per la cura dei tumori Pascale

Pubblicato

il

NAPOLI – E’ esploso un proiettile contro una finestra al secondo piano dell’ex ospedale Ascalesi di Napoli che ospita da quasi due anni gli ambulatori dell’Istituto per la cura dei tumori Pascale.

A fare la scoperta un medico che all’apertura dello studio ha trovato un foro nel vetro e nello scudo della finestra e l’ogiva a terra.

La direzione del Pascale ha subito avvertito la Polizia. Sul posto gli agenti del commissariato Vicaria e gli uomini della Scientifica. Il proiettile è stato forse esploso dalla strada sottostante, tra la notte e l’alba. Sul posto si è recato il management del Pascale.

Indagini sono in corso da parte delle forze dell’ordine. per accertare la natura del fatto. “Sull’episodio la polizia sta eseguendo indagini e noi ci rimettiamo a quelle – dichiara il direttore generale del Pascale, Attilio Bianchi – certo, che un luogo di cura, un ospedale dedicato ai pazienti oncologici, possa essere oggetto di questi atti, non è assolutamente accettabile.”

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, Falchi arrestato spacciatore cinquantenne

Pubblicato

il

NAPOLI – Ieri pomeriggio i Falchi della Squadra Mobile, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, nel transitare in via Sant’Attanasio hanno notato un viavai di persone che entravano ed uscivano da un’abitazione.

I poliziotti, entrati nell’appartamento, hanno bloccato un uomo trovandolo in possesso di una “pietra” di cocaina, 17 buste e 93 involucri contenenti la stessa sostanza per circa 2 kg, 39 panetti di hashish del peso di circa 3,8 kg, tre bilancini, diverso materiale per il confezionamento della droga e 15.900 euro.

Pasquale Tramontano, 50enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere

Cronaca

Avellino, Massimo Ranieri al Teatro Carlo Gesualdo con “Sogno e son desto”

Pubblicato

il

AVELLINO – Alle 21 di sabato 22 gennaio l’artista napoletano Massimo Ranieri si esibirà al Teatro comunale Carlo Gesualdo con “Sogno e son desto”, il suo applauditissimo show con cui l’artista si esibisce da diverse stagioni e che ha appassionato molti spettatori.

Un emozionante viaggio tra interpretazioni cult, canzoni intramontabili, sketch divertenti e racconti inediti racchiusi in uno spettacolo unico, leggero e sofisticato, travolgente e commovente.

Massimo Ranieri stregherà dal vivo il pubblico nel triplice ruolo di cantante, attore e narratore, interpretando i suoi successi e tutto il meglio del suo repertorio più amato. Lo spettacolo sarà l’occasione per festeggiare dal palco anche con il pubblico di Avellino i suoi primi settanta anni (compiuti nel 2021) trascorsi da grande protagonista della scena artistica italiana, tra musica, cinema e teatro e per far ascoltare dal vivo i brani di “Qui e adesso”, l’ultimo nuovo disco di Massimo Ranieri uscito a novembre 2020.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante