Resta sintonizzato

Cronaca

Terminata l’autopsia di Rosa Alfieri, stamattina i funerali

Pubblicato

il

E’ terminata ieri pomeriggio, 8 febbraio, l‘autopsia sul corpo di Rosa Alfieri, la 23enne uccisa il 1 febbraio scorso a Grumo Nevano.

Dall’esame non sarebbero stati riscontrati segni evidenti di violenza sessuale. I graffi ritrovati sul corpo sarebbero compatibili col tentativo di reazione all’aggressione e anche i vestiti in disordine sarebbero da ricondurre alla colluttazione. La salma è stata restituita alla famiglia. I funerali si svolgeranno stamattina nella chiesa di San Tammaro Vescovo.

L’autopsia si è svolta nel centro medico-legale regionale di Giugliano in Campania ed è durata oltre sei ore. I risultati completi verranno depositati entro 90 giorni ma le prime indiscrezioni confermerebbero quello che è emerso dalle analisi esterne: Rosa sarebbe stata strangolata e non ci sarebbe stata violenza sessuale. A dirlo è ilmattino.it.

I funerali di Rosa si terranno stamattina 9 febbraio, alle ore 11 nella chiesa di San Tammaro Vescovo, in piazza Pio XII a Grumo Nevano (Napoli). Il sindaco Gaetano Di Bernardo ha proclamato il lutto cittadino e la decisione è stata ufficializzata ieri con un’apposita ordinanza comunale.

La comunità – scrive Di Bernardo nell’ordinanza – è profondamente addolorata e scossa da questo tragico avvenimento che ha lasciato tutti i cittadini attoniti e lascerà per sempre una traccia indelebile nel loro animo. La proclamazione del lutto cittadino è il modo con il quale l’Amministrazione intende partecipare al profondo dolore dei familiari e manifestare solennemente e tangibilmente il proprio dolore e quello dell’intera comunità per questa ingiusta perdita di una giovane vita umana“.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Blitz dei carabinieri a Sant’Anastasia: catturato pericoloso killer della ‘ndrangheta

Pubblicato

il

Si era nascosto a Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, il pericoloso killer della ‘ndrangheta Massimiliano Sestito, evaso lo scorso 30 gennaio dai domiciliari a Pero, nel milanese.

Secondo le prime informazioni, il fuggiasco è stato rintracciato e catturato dai carabinieri alla stazione Circumvesuviana della cittadina vesuviana, sprovvisto di armi e in attesa di un taxi. Al momento, sono in corso le indagini per far luce sulla vicenda.

Continua a leggere

Cronaca

Paura nella notte, divampa l’incendio in una nota fabbrica del Napoletano

Pubblicato

il

Pauroso incendio divampato la scorsa notte a Cercola, in provincia di Napoli, presso la sede di un’azienda che produce guanti. In particolare, le fiamme hanno avvolto la fabbrica ma senza estendersi agli edifici circostanti.

Sul posto, sono intervenuti i carabinieri della tenenza locale e i Vigili del Fuoco. Al momento, non si registrano feriti. Indagini in corso, per risalire alle cause del rogo.

Continua a leggere

Cronaca

Poliziotto spara ad un 18enne dopo che aveva litigato col figlio: i particolari

Pubblicato

il

Attimi di paura nella serata di ieri a Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, dove un poliziotto ha sparato contro un ragazzo di 18 anni.

Secondo una prima ricostruzione, l’agente sarebbe intervenuto dopo essere stato allertato dal figlio di una lite tra ragazzini scoppiata nel parco De Lucia, e pertanto l’uomo sarebbe sceso armato di pistola e al culmine della discussione, ha esploso alcuni colpi di pistola contro la vittima.

Tuttavia, sono finiti entrambi in ospedale, il 18enne con una ferita alla gamba, e il poliziotto con una ferita lacero contusa alla testa. In seguito, l’uomo si è recato in caserma per l’interrogatorio.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy