Resta sintonizzato

campania

Napoli. Ciro muore in uno scontro frontale, lutto in polizia lo struggente messaggio della compagna

Pubblicato

il

Lutto a Napoli per la tragica morte di Ciro Calcagno, poliziotto in servizio presso la Questura di Napoli. Il 34enne, la scorsa notte, per cause da accertare, ha impattato mentre era alla guida della sua auto contro un altro veicolo. L’impatto, avvenuto tra Giugliano e Villaricca, è stato violento e nulla hanno potuto i soccorsi. Con lui in auto anche la compagna che, a qualche ora dalla tragedia, ha pubblicato un lungo post sui social. “Tu mi hai fatto comprendere l’amore vero, fatto di follie, viaggi improvvisati, acquisti improvvisi perché “bell e buon si muore”. Io e te eravamo uguali, ci davamo agli altri senza riserve e rimanevamo male quando non ci tornava affetto.

Quando le cose non andavano bene dicevamo “c’amma fa, amma suffri prima di vedere il sole”, aspettando una gioia, una casa, un figlio che volevi sempre e che mi chiedevi e io puntualmente ti rispondevo “tutti i soldi che spendi per l’auto te facc spendere in pannolini” e tu rispondeviAmen, vuless o ciel”.A loro va il mio grazie. Quello era il tuo universo, con loro passavi le tue giornate, e con Alfonso Amatino il tuo capo della volante, che per te era un “padre” lavorativo, una guida.. io ti prendevo sempre in giro, ti dicevo “siete come Dante e Virgilio in questo inferno”.

Al di là di tutto abbraccerò sempre con onore questa divisa, così come l’avevo abbracciata con te. A loro dico grazie perché eri entusiasta di questo nuovo progetto. Mi hai resa partecipe anche di quel mondo a me sconosciuto, così come solo un compagno di vita sa fare. Ora solo tu mi puoi abbracciare e dare la forza, così come devi dare la forza a tutta la tua famiglia e ai tuoi amici, perché intorno si è fermato il mondo. Ti amo per sempre, tua pesciolona, angioletto della Thun, anima mia… come mi chiamavi sempre”.

campania

Napoli. Corre in mutande e scalzo in strada, l’incredibile scelta nonostante il gelo di questi giorni

Pubblicato

il

I carabinieri di Castellammare di Stabia hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 44enne di Pimonte già noto alle forze dell’ordine. Durante una perquisizione, presso la sua abitazione, i militari hanno rinvenuto 160 grammi di marijuana, 1 bilancino di precisione e 1120 euro in contante ritenuto provento illecito. La droga è stata trovata in alcuni barattoli che l’uomo ha provato a nascondere. Il 44enne, infatti, ha tentato la fuga da casa in mutande, scalzo. Nonostante l’insolito freddo. L’uomo è ora in carcere, in attesa di giudizio. La vicenda ha subito fatto il giro della città e per gli appassionati è partita la corsa al Lotto.

Continua a leggere

campania

Spaventoso incendio a Ischia, da accertare le cause del rogo, scoppiato in località Montagnone.

Pubblicato

il

Un vasto incendio si è sviluppato, nel pomeriggio di ieri, a Ischia. Le fiamme – visibili a diversi chilometri di distanza – hanno riguardato un’ampia area boscata, di circa 3 ettari, in località Montagnone. Arbusti e sottobosco sono stati distrutti, e il rogo è arrivato a lambire alcune abitazioni per fortuna senza alcuna conseguenza. Le cause dell’incendio sono in corso di accertamento I vigili del fuoco, giunti sul posto, hanno affrontato le fiamme su due diversi fronti, in un intervento reso peraltro molto difficile dal vento. “Si tratta dell’ennesimo schiaffo al nostro patrimonio boschivo – hanno dichiarano il deputato di alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli e la responsabile locale di Europa Verde Mariarosaria Urraro – un danno enorme che si somma ai disastri e tragedie degli ultimi mesi”.

Continua a leggere

campania

Le mani della camorra su distributori di carburanti e bar, il provvedimento dopo le indagini dei Carabinieri

Pubblicato

il

Cresce l’interesse della criminalità organizzata nel settore dei carbo lubrificanti. A Villaricca la Prefettura di Napoli, su proposta dei Carabinieri, ha emesso 4 interdittive anti-mafia nei confronti di altrettante società. Quest’attività, considerata la recente esecuzione delle misure cautelari da parte dei carabinieri del nucleo investigativo di Napoli a carico di persone del clan Mazzarella, evidenzia – come detto – il crescente interesse della criminalità organizzata nel settore dei carbo lubrificanti.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy