Resta sintonizzato

Cronaca

Blitz della GdF, scoperta frode fiscale da un miliardo e mezzo di euro: i particolari

Pubblicato

il

Emergono nuove e importanti verità riguardo le frodi fiscali sui bonus edilizi, per le quali sarebbero state arrestate dieci persone, poiché secondo gli inquirenti sarebbero state emesse false fatturazioni per decine di milioni di euro, utilizzate non solo per documentare al fisco lavori edili mai realizzati, ma anche per riciclare proventi dell’illecita attività.

In particolare, le indagini sono partite da una segnalazione del Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza di Roma alla Guardia di Finanza di Asti, con gli arrestati indagati per associazione a delinquere, truffa nei confronti di enti pubblici, riciclaggio, emissione ed utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento d’imposte.

Pertanto, l’inchiesta scattata tra agosto e settembre 2022, ha rivelato i tratti di una truffa ordita da una compagine in parte radicata sul territorio e in parte in Campania e Veneto, che vede coinvolte 37 persone e 68 tra ditte e società.

Ecco quanto spiegato dalla Guardia di Finanza di Asti:

“Questa enorme quantità di crediti fiscali sarebbe stata generata solo sulla carta, innanzitutto grazie all’opera di un commercialista con studio al Vomero, Napoli, e ad un suo stretto collaboratore, cittadino albanese, con studio a Schio (Vicenza); utilizzando partite Iva intestate perlopiù a prestanome, gli attori inserivano nei cassetti fiscali dell’Agenzia delle Entrate dati ritenuti non veritieri”.

Tuttavia, il commercialista coinvolto è Enrico Maria Giuffrida, 55enne residente a Mondragone ma con studio al Vomero, finito in manette insieme al fiscalista albanese Robert Arapi e dei costruttori Eduard Sinani e Dashnor Lushnjari. Inoltre, ai domiciliari altri tre campani: Ciro Ioviero, Vincenzo Polverino e Salvatore Brusco.

Cronaca

Traffico e smaltimento illecito rifiuti tra Campania e Lazio: 41 indagati, 9 arresti

Pubblicato

il

Nove arresti domiciliari, con un sequestro preventivo di quattro società, il sequestro preventivo del profitto pari a circa due milioni e mezzo di euro e 41 indagati (oltre a nove persone giuridiche) in diverse regioni d’Italia, per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, traffico illecito transfrontaliero di rifiuti, smaltimento illecito di rifiuti, sostituzione di persona e trasferimento fraudolento di valori.

Il tutto è frutto dell’operazione della squadra mobile della Questura di Frosinone e il Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale del Gruppo carabinieri forestale di Frosinone che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emesso dal Gip presso il tribunale di Roma su richiesta della competente Procura – Dda.

Ciò nasce dal vasto incendio alla Mecoris, tanto che nel 2019 il sindaco di Frosinone ordinò la chiusura delle finestre, il blocco della circolazione e fu ipotizzata anche l’evacuazione dell’area. Dietro all’impianto incendiato in Ciociaria si è ipotizzato agissero degli amministratori occulti che ricevevano i rifiuti da società campane.

(fonte: Ansa.it)

Continua a leggere

Avellino

E’ senza patente ma dice di essere il fratello gemello: arrestato

Pubblicato

il

Un 36enne, sorpreso alla guida senza patente, ha fornito le generalità del fratello gemello cercando di raggirare i controlli dei carabinieri della compagnia di Mirabella Eclano. Per questo motivo, è statto tratto in arresto.

È accaduto a Venticano, in provincia di Avellino.

Il protagonista della bizzarra vicenda aveva già diversi precedenti penali e alcune sentenze di condanna. Sicché, alla fine del controllo, per l’uomo è scattato l’arresto in flagranza di reato: è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere

Cronaca

Stuprano una 19enne su una nave da crociera: in manette 3 francesi

Pubblicato

il

La polizia di frontiera del porto di Genova ha arrestato tre uomini, di nazionalità francese, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza di 19 anni.

La vittima, una studentessa, – imbarcatasi nel porto di Civitavecchia – era in gita scolastica con la sua classe e, nella giornata di sabato, avrebbe subìto la violenza del branco a bordo di una nave da crociera.

La 19enne, in evidente stato di shock, ha denunciato l’accaduto al comandante che ha chiamato la polizia e la nave è stata bloccata nel porto di Genova per consentire le prime indagini, tra cui l’analisi delle telecamere di videosorveglianza.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy