Resta sintonizzato

Cronaca

Seconda faida di Scampia: arrestate 16 persone tra i Di Lauro e gli Scissionisti

Pubblicato

il

I carabinieri del Nucleo Investigativo di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di misura cautelare personale a carico di 16 indagati, affiliati ai clan camorristici denominati Di Lauro, Amato-Pagano e Vanella Grassi, tutti operanti nei quartieri di Secondigliano e Scampia.

Pertanto, le indagini hanno consentito di confermare la riconducibilità della cosiddetta seconda faida di Scampia alla decisione del clan Vanella Grassi di scindersi dal clan Di Lauro e confluire in quello Amato-Pagano.

In particolare, la seconda faida ebbe inizio con l’omicidio di Giuseppe Pica, avvenuto il 14.03.2007 e che si protrasse fino al 9 febbraio 2008, quando fu ucciso anche Carmine Fusco. Inoltre, ha permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico di autori e mandanti di ben otto omicidi, commessi nel corso della faida. Ecco quali:

Giuseppe Pica, affiliato al clan Di Lauro e ucciso il 14.03.2007;

Francesco Cardillo, affiliato al clan Di Lauro e ucciso il 14.03.2007;

Lucio De Lucia, affiliato al clan Di Lauro e ucciso il 21.03.2007;

Patrizio De Vitale, affiliato al clan degli Scissionisti e ucciso il 31.05.2007;

Luigi Giannino, affiliato al clan della Vanella Grassi e ucciso il 13.06.2007;

Salvatore Ferrara, affiliato al clan Di Lauro e ucciso il 25.09.2007;

Luigi Magnetti, affiliato al clan della Vanella Grassi e ucciso il 25.09.2007;

Carmine Fusco, affiliato al clan Di Lauro e ucciso il 09.02.2008.

Ecco invece i nomi dei destinatari della misura cautelare, per ogni singolo omicidio commesso:

Omicidio Giuseppe Pica:

Rito Calzone, 48enne detenuto nato a Napoli;

Enzo Notturno, 45enne detenuto nato a Napoli;

Carmine Pagano, 38enne detenuto nato a Napoli;

Cesare Pagano, 53enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio Francesco Cardillo:

Salvatore Frate, 47enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio Patrizio De Vitale:

Marco Di Lauro, 42enne detenuto nato a Napoli;

Nunzio Talotti, 44enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio di Luigi Giannino:

Marco Di Lauro;

Nunzio Talotti;

Mario Buono, 38enne detenuto nato a Napoli;

Raffaele Musolino, 40enne detenuto nato a Napoli;

Vincenzo Di Lauro, 47enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio Salvatore Ferrara:

Raffaele Amato, 57enne detenuto nato a Napoli;

Cesare Pagano;

Salvatore Petriccione, 52enne detenuto nato a Napoli;

Luca Raiano, 34enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio Luigi Magnetti:

Raffaele Amato;

Carmine Pagano;

Cesare Pagano;

Salvatore Petriccione;

Renato Napoleone, 39enne detenuto nato a Napoli;

Davide Francescone, 38enne detenuto nato a Napoli.

Omicidio Carmine Fusco:

Raffaele Amato;

Salvatore Petriccione;

Luca Raiano;

Fabio Magnetti, 34enne detenuto nato a Napoli.

Cronaca

Traffico e smaltimento illecito rifiuti tra Campania e Lazio: 41 indagati, 9 arresti

Pubblicato

il

Nove arresti domiciliari, con un sequestro preventivo di quattro società, il sequestro preventivo del profitto pari a circa due milioni e mezzo di euro e 41 indagati (oltre a nove persone giuridiche) in diverse regioni d’Italia, per i reati di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti, attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, traffico illecito transfrontaliero di rifiuti, smaltimento illecito di rifiuti, sostituzione di persona e trasferimento fraudolento di valori.

Il tutto è frutto dell’operazione della squadra mobile della Questura di Frosinone e il Nucleo investigativo di polizia ambientale agroalimentare e forestale del Gruppo carabinieri forestale di Frosinone che hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di misure cautelari, emesso dal Gip presso il tribunale di Roma su richiesta della competente Procura – Dda.

Ciò nasce dal vasto incendio alla Mecoris, tanto che nel 2019 il sindaco di Frosinone ordinò la chiusura delle finestre, il blocco della circolazione e fu ipotizzata anche l’evacuazione dell’area. Dietro all’impianto incendiato in Ciociaria si è ipotizzato agissero degli amministratori occulti che ricevevano i rifiuti da società campane.

(fonte: Ansa.it)

Continua a leggere

Avellino

E’ senza patente ma dice di essere il fratello gemello: arrestato

Pubblicato

il

Un 36enne, sorpreso alla guida senza patente, ha fornito le generalità del fratello gemello cercando di raggirare i controlli dei carabinieri della compagnia di Mirabella Eclano. Per questo motivo, è statto tratto in arresto.

È accaduto a Venticano, in provincia di Avellino.

Il protagonista della bizzarra vicenda aveva già diversi precedenti penali e alcune sentenze di condanna. Sicché, alla fine del controllo, per l’uomo è scattato l’arresto in flagranza di reato: è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere

Cronaca

Stuprano una 19enne su una nave da crociera: in manette 3 francesi

Pubblicato

il

La polizia di frontiera del porto di Genova ha arrestato tre uomini, di nazionalità francese, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una ragazza di 19 anni.

La vittima, una studentessa, – imbarcatasi nel porto di Civitavecchia – era in gita scolastica con la sua classe e, nella giornata di sabato, avrebbe subìto la violenza del branco a bordo di una nave da crociera.

La 19enne, in evidente stato di shock, ha denunciato l’accaduto al comandante che ha chiamato la polizia e la nave è stata bloccata nel porto di Genova per consentire le prime indagini, tra cui l’analisi delle telecamere di videosorveglianza.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy