Resta sintonizzato

Attualità

A Napoli 2300 incidenti stradali e 3000 feriti in un anno, Cala il numero dei decessi, ma è in crescita

Pubblicato

il

Cala il numero delle vittime, ma è in crescita quello dei sinistri e dei feriti. E’ così che, in estrema sintesi, si può rappresentare l’andamento della sinistrosità stradale nel comune di Napoli dove, secondo gli ultimi dati ACI-Istat relativi al 2022, pubblicati sull’ultimo numero di “Mondoauto”, si sono verificati complessivamente 2.337 incidenti in cui 23 persone hanno perso la vita e altre 3.051 hanno riportato lesioni più o meno gravi. Rispetto all’anno precedente il fenomeno è in aumento relativamente ai sinistri (+ 8%) ed ai feriti (+ 10,1%), ma considerevolmente in calo per quanto concerne le vittime della strada (- 28,1%).

Per quanto riguarda le cause dei sinistri, sotto accusa è, in particolare, la guida distratta dovuta prevalentemente all’uso dello smartphone durante la marcia. Ben il 25% degli incidenti nel capoluogo campano è riconducibile a questo comportamento pericoloso, seguito da un’altra condotta scorretta in preoccupante crescita (+ 7%) che è il mancato rispetto della segnaletica (21,2% del totale dei sinistri). Al terzo posto si colloca l’alta velocità (19,5%) che, però, risulta la prima causa degli incidenti mortali (42,1%).

A pagare le conseguenze più gravi della sinistrosità stradale sono le cosiddette utenze deboli: ben il 52,2% delle vittime è costituito da centauri, mentre il 39,1% da pedoni. Insieme totalizzano il 91,3% di tutti i ‘caduti’ sull’asfalto registrati nel comune di Napoli. Per quanto riguarda l’età delle vittime, particolarmente a rischio sono gli ‘over 65’: il 26% dei decessi ricade proprio in questa fascia d’età che è anche quella a far registrare un considerevole aumento delle vittime (+ 50%), mentre una significativa flessione si osserva fra gli ‘under 30’ (-37,5 morti).

Ottobre è il mese più critico in quanto si concentrano il maggior numero di sinistri (238), feriti (313) e morti (5, in ex aequo con agosto). La giornata più “nera” è la domenica con maggiori infortunati (461) e decessi (6), mentre il mercoledì prevale per numero di incidenti (350). I periodi più sfavorevoli, infine, sono costituiti dalle fasce orarie 14-17 per gli incidenti (539), 22-6 per i feriti (727) e 10-13 per i morti (8). Nella Città Metropolitana di Napoli, lo scorso anno, si sono verificati 5.113 incidenti (+ 8,8% rispetto al 2021) con 98 morti (+ 10,1%) e 6.945 feriti (+ 8,3%). In base alla Convenzione di Vienna del 1968, nelle statistiche ACI – Istat sono inclusi solo i sinistri con danni alle persone ed i deceduti entro il trentesimo giorno dalla data dell’incidente.

Il fenomeno è maggiormente concentrato nei centri abitati: ben l’84,1% degli incidenti, infatti, avviene nelle città, ma le arterie extraurbane sono quelle dove si registra il tasso di mortalità più elevato: 6 decessi ogni 100 incidenti. Napoli con 23 casi accertati è la terza provincia d’Italia per pedoni deceduti, preceduta soltanto da Roma (56) e Milano (24). Per quanto riguarda la cosiddetta ‘mobilità dolce’, 144 sono stati i velocipedi coinvolti, lo scorso anno, in incidenti stradali (con 2 morti e 133 feriti), 31 le biciclette elettriche (30 feriti) e 10 i monopattini elettrici (9 feriti). Escluso Napoli, Pozzuoli risulta il comune della Città Metropolitana con il maggior numero di incidenti (232) e di feriti (341), mentre Giugliano in Campania è quello in cui si osservano più morti (10).

Attualità

Putin: “Possibile tregua in Ucraina per le prossime Olimpiadi”

Pubblicato

il

Il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha confermato di aver parlato con Xi Jinping, l’omologo cinese, circa la possibilità di una tregua in Ucraina in concomitanza delle prossime Olimpiadi.
Anche se il presidente ucraino Voldymyr Zelensky si è mostrato alquanto scettico su questa evenienza.
Il presidente Xi Jinping ha detto che la Cina “sostiene la convocazione di una conferenza di pace internazionale riconosciuta da Russia e Ucraina al momento opportuno con pari partecipazione e discussione equa di tutte le opzioni”.

Russia e Cina s’impegneranno a rafforzare i legami militari, in base alla dichiarazione congiunta firmata a Pechino dai presidenti Vladimir Putin e Xi Jinping.

Continua a leggere

Attualità

Filippo Mosca: la Corte di Appello rumena conferma la condanna

Pubblicato

il

La Corte di Appello, in Romania, ha confermato la condanna a 8 anni e 3 mesi di reclusione nei confronti di Filippo Mosca e Luca Cammalleri.
I due giovani, originari di Caltanissetta, sono rinchiusi nel carcere di Porta Alba, a Costanza, in Romania, da oltre un anno, con l’accusa di traffico internazionale di stupefacenti.

Stessa condanna per una ragazza italiana la cui identità è ignota.

Continua a leggere

Attualità

Dopo 35 anni, torna in vita l’antenato di Google: si chiama ‘Archie’

Pubblicato

il

Con un’operazione tecnologica all’insegna della nostalgia, degli sviluppatori di The Serial Port hanno fatto tornare in vita quel che fu il primo storico motore di ricerca web ‘Archie’, in pratica l’antenato di Google.
Il sistema Archie fu sviluppato, nel 1989, alla McGill University School of Computer Science (Canada) da Alan Emtage, Bill Heelan e Peter Deutsch: è un sistema che permette di effettuare una ricerca di file su server FTP anonimi.
Con l’avvento di Yahoo e Google, però, finì nel dimenticatoio.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy