Resta sintonizzato

Napoli

Istituto Pascale di Napoli: inaugurato il robot per interventi senza incisioni

Pubblicato

il

L’istituto dei tumori Pascale di Napoli diventa il primo ospedale italiano ad utilizzare l’ultima generazione di robot chirurgico monoportale.
Il nuovo dispositivo, inaugurato questa mattina, alla presenza del governatore Vincenzo De Luca, va a completare la quarta generazione da Vinci, munita di sistemi robotici Multiport X e XI, offrendo al chirurgo l’opportunità di trattare un maggior numero di pazienti, e riducendo i processi infiammatori dalle incisioni chirurgiche. 
Nasce così la possibilità di eseguire complessi interventi robot assistiti attraverso un unico accesso, sfruttando gli orifizi naturali per raggiungere gli organi senza incidere la parete muscolare. Il robot da Vinci combina un’avanzata tecnologia robotica con endoscopio flessibile che offre immagini 3D HD per vedere a 360 gradi le strutture anatomiche durante la procedura.

Continua a leggere
Pubblicità

Napoli

Napoli, Circumvesuviana: il nuovo treno Stadler sarà presentato alla stazione di Porta Nolana

Pubblicato

il

In occasione  dei lavori di riqualificazione della stazione di Porta Nolana, lunedì 24 giugno alle ore 09.45 si terrà in Corso Garibaldi  l’evento inaugurale alla presenza del Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Per l’occasione, all’esterno della stazione, sarà disponibile una sezione del nuovo treno Stadler a grandezza reale  e sarà presente il Ceo di Stadler Valencia Inigo Parra per fare il punto su fornitura e tempi di consegna dei treni destinati alle linee vesuviane.

Saranno infine presentati 3 degli ultimi 61 bus ricevuti dalla Regione Campania.


(fonte: il Mattino)

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, si erano “trasferiti” nella Chiesa di San Biagio: quattro persone nei guai

Pubblicato

il

Ieri, sono stati notificati quattro provvedimenti di avviso orale nei confronti di altrettanti napoletani di 24, 36, 51 e 54 anni, di cui 3 pregiudicati per condanne definitive in materia di criminalità organizzata, reati contro il patrimonio, ricettazione e possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli, in materia di armi, reati contro la libertà personale.

In particolare, lo scorso 31 maggio, i soggetti erano stati indagati per invasione di edifici con pericolo per l’incolumità pubblica e ricettazione di beni culturali poiché, in epoche diverse e con condotte perduranti, avevano occupato i locali della Chiesa di San Biagio a Taffettanari.

Due dei provvedimenti sopraccitati, nei confronti del 24enne e del 54enne, contengono un aggravamento. Ovvero, il divieto di detenere apparati di comunicazione ricetrasmittenti, strumenti di protezione balistica, armi a modesta capacità offensiva, riproduzioni di armi e sostanze infiammabili. La violazione delle prescrizioni di aggravamento è punita con la reclusione da 1 a 3 anni e con una multa fino a 5mila euro.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, sversati rifiuti all’esterno dell’istituto Paolo Borsellino

Pubblicato

il

Sversati materiale di risulta e amianto all’esterno di una scuola a Napoli. Francesco Emilio Borrelli: “Chi mette in pericolo l’ambiente e la popolazione è un criminale. Pene più severe e maggiori controlli sugli sversamenti e i lavori di ristrutturazione.”

L’ennesimo sversamento illecito di rifiuti è avvenuto a Napoli. Stavolta sono stati sversati in strada materiali di risulta da lavori edilizi all’esterno dell’istituto Paolo Borsellino collocato tra via Enrico Cosenza e via Gianbattista Manso.

Lo scarico è stato effettuato in via Manso e, come denuncia una cittadina che si è rivolta al deputato dell’Alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli, tra i rifiuti sversati, oltre a sacchi di cemento, ci sarebbe anche dell’amianto.

“Abbiamo chiesto immediate verifiche ed interventi di bonifica e alla Polizia Ambientale di individuare i responsabili dello scarico che dovranno essere denunciati” -dichiara Borrelli- “Chi inquina le strade e mette in pericolo la salute dell’ambiente e la sicurezza della popolazione esponendola a materiali pericolosi è un criminale e come tale andrebbe trattato. Bisogna rivedere le norme e prevedere sanzioni e pene molto più severe oltre ad intensificare i controlli sui lavori di ristrutturazione.”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy