Resta sintonizzato

Politica

Caso Giovanni Toti, parla Salvini: “Per lui dimettersi sarebbe una resa”

Pubblicato

il

Il leader della Lega nonché Ministro d’Infrastrutture e Trasporti Matteo Salvini, ha così parlato in relazione alle accuse di corruzione a carico del governatore ligure Giovanni Toti:

“Dimettersi sarebbe una resa dal mio punto di vista. Perché domani qualunque inchiesta, avviso di garanzia o rinvio a giudizio porterebbe alle dimissioni di un sindaco. Non sono nelle condizioni di suggerire niente a Giovanni, che ritengo un ottimo amministratore. Ritengo che in Italia e in tutti i Paesi civili chiunque sia colpevole, se condannato nei tre gradi di giudizio, non basta un’inchiesta. Lo invito a dimostrare che ha lavorato correttamente e spero che i giudici gli diano velocemente la possibilità di farlo”.

Rincara la dose il responsabile dell’organizzazione di FdI Giovanni Donzelli, che ha così dichiarato:

“Credo che prima di parlare di elezioni ci debbano essere i tempi necessari. Toti dice che non ha nessun coinvolgimento, diamogli il tempo di dimostrarlo. Noi chiediamo massima chiarezza in questo caso, come l’abbiamo chiesta in Puglia e Piemonte. Massima attenzione, perché quando si parla della cosa pubblica ci deve essere la massima trasparenza. Abbiamo avuto in passato la nostra sindaca di Terracina che è stata arrestata e scelse di dimettersi. Poi non è stata nemmeno rinviata a giudizio, su richiesta della Procura”.

Cronaca

Ponza, arrestato per mazzette il coordinatore di Fratelli d’Italia: Danilo D’Amico in manette

Pubblicato

il

Danilo D’Amico, un consigliere comunale di maggioranza di Ponza, esponente di Fratelli d’Italia, è stato arrestato questa mattina. Avrebbe chiesto una mazzetta a una ditta per farle assegnare un appalto.
Il politico è stato bloccato dai militari della locale stazione della compagnia di Formia sotto agli uffici comunali, mentre intascava cinquemila euro.

L’appalto per cui D’Amico avrebbe chiesto il denaro è quello da 50mila euro per il mantenimento del verde sull’isola. La tangente sarebbe stata chiesta a una società romana.

D’Amico, 33 anni, aveva avuto  la delega ai lavori pubblici affidatagli dal sindaco Franco Ambrosino. E’ il coordinatore del partito di Giorgia Meloni a Ponza ed è impegnato nello stesso partito nella direzione provinciale di Latina.

“Siamo sbigottiti. Ponza è più forte di chi le vuole male e male si comporta”, dichiara il sindaco di Ponza.

Continua a leggere

Politica

Autonomia differenziata, Vincenzo De Luca fa nomi e cognomi dei parlamentari campani che hanno votato a favore

Pubblicato

il

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca mostra l‘elenco dei parlamentari campani che hanno votato a favore dell’autonomia differenziata, poi ne legge i nomi. E’ accaduto nel corso della tradizionale diretta del venerdì pomeriggio sulla sua pagina facebook.

“Questi – dice – gli ‘eroi ‘di Fratelli d’Italia: Marco Cerreto, Gianfranco Rotondi, nientedimeno che Michele Schiano Di Visconti, Marta Schifone, Carmen Giorgianni, Imma Vietri. Due di Forza Italia: Tullio Ferrante e Francesco Rubano. Poi la Lega: Attilio Pierro, Gianpiero Zinzi. Perfino Noi Moderati, con tale Pino Bicchielli. Eccoli i nostri eroi ai quali vedremo di dare una medaglia al valor civile per aver contribuito a calpestare gli interessi del Sud e della Campania”.

Poi conclude: “A volte capita che ci sia qualche esponente istituzionale che non ha voglia nè di fare il maggiordomo nè lo scendiletto del governo nazionale nè di vivere da ectoplasma, ma da uomo libero”.

Continua a leggere

Attualità

Vladimir Putin: “Svilupperemo armamenti nucleari come deterrente”

Pubblicato

il

Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia prevede di continuare a sviluppare i propri armamenti nucleari “come garanzia di deterrenza strategica e equilibrio di potere nel mondo” ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin.

Mosca è “pronta” a “un’ampia discussione internazionale” sulle questioni riguardanti la sicurezza in Europa e in Asia “anche con gli Stati europei e quelli membri della Nato”.

Vladimir Putin, in un incontro coi diplomati delle accademie militari russe, ha dichiarato che Mosca intende aumentare le forniture di armi “moderne” alle truppe russe al fronte, scrive la Tass. “Aumenteremo le forniture di sistemi aerei senza pilota di diversi tipi, veicoli corazzati e mezzi di distruzione di precisione, aerei d’attacco, sistemi di rilevamento del nemico e di controbatteria, sistemi di controllo e comunicazione alle truppe in prima linea”, ha detto Putin secondo l’agenzia di stampa statale russa riferendosi evidentemente all’invasione dell’Ucraina da parte dei militari del Cremlino.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy