Resta sintonizzato

Cronaca

Napoli, nota pizzeria del centro storico acquisita con la protezione del clan Contini

Pubblicato

il

Blitz della Guardia di Finanza di Napoli e della Squadra Mobile, che nel corso della mattinata odierna ha notificato un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali nei confronti di cinque soggetti, gravemente indiziati dei reati di trasferimento fraudolento di valori e autoriciclaggio, aggravati dal metodo mafioso e dalla finalità agevolativa dell’organizzazione camorristica denominata clan Contini.

In particolare, le indagini hanno consentito di accertare l’intestazione fittizia di due società operanti nel settore della ristorazione e panificazione per agevolare il raggiungimento delle finalità illecite del predetto sodalizio e per il sostentamento dei detenuti e delle rispettive famiglie. L’impresa di ristorazione “Dal Presidente”, operante nel centro storico di Napoli, precisamente in via dei Tribunali, sarebbe stata acquistata grazie all’apporto economico e alla protezione fornita da un esponente di spicco del clan, alla cui famiglia sarebbe stata destinata una parte dei relativi proventi anche dopo la sua detenzione conseguente ad una condanna per associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Inoltre, l’attività investigativa avrebbe permesso di appurare anche la fittizia intestazione di un’impresa individuale operante nel settore dei servizi turistici, che il precedente titolare sarebbe stato costretto a dismettere con minacce, percosse e intimidazioni, e di sette immobili di pregio siti nel capoluogo partenopeo.

Gli indagati avrebbe reimpiegato nelle società di ristorazione e panificazione e nell’acquisto degli indicati beni immobili l’importo complessivo di euro 412.435,00, versato in contanti con reiterate operazioni sui conti societari e personali.

Pertanto, tale profitto illecito è stato sottoposto a sequestro insieme alle quote delle società, all’impresa individuale e agli immobili oggetto d’intestazione fittizia, per un valore complessivo di oltre 3,5 milioni di euro.

Cronaca

Ponza, arrestato per mazzette il coordinatore di Fratelli d’Italia: Danilo D’Amico in manette

Pubblicato

il

Danilo D’Amico, un consigliere comunale di maggioranza di Ponza, esponente di Fratelli d’Italia, è stato arrestato questa mattina. Avrebbe chiesto una mazzetta a una ditta per farle assegnare un appalto.
Il politico è stato bloccato dai militari della locale stazione della compagnia di Formia sotto agli uffici comunali, mentre intascava cinquemila euro.

L’appalto per cui D’Amico avrebbe chiesto il denaro è quello da 50mila euro per il mantenimento del verde sull’isola. La tangente sarebbe stata chiesta a una società romana.

D’Amico, 33 anni, aveva avuto  la delega ai lavori pubblici affidatagli dal sindaco Franco Ambrosino. E’ il coordinatore del partito di Giorgia Meloni a Ponza ed è impegnato nello stesso partito nella direzione provinciale di Latina.

“Siamo sbigottiti. Ponza è più forte di chi le vuole male e male si comporta”, dichiara il sindaco di Ponza.

Continua a leggere

Caserta

Mamma con i due bimbi a piedi al centro dell’autostrada: tragedia sfiorata nel Casertano

Pubblicato

il

Una donna, in evidente stato confusionale, insieme a due bambini, stava percorrendo a piedi l’autostrada, camminando al centro della carreggiata. La Polizia di Stato di Caserta le ha prestato soccorso.
I poliziotti della Stradale di Caserta Nord, ricevuta la segnalazione della presenza di persone in autostrada, sono intervenuti sulla autostrada A/30, interccettando la donna che, colta da malore, stava vagando in mezzo alla carreggiata assieme a due bambini piccoli.

Considerata la situazione di pericolo, sono stati attivati i protocolli d’urgenza per rallentare il flusso veicolare dell’autostrada, così da salvaguardare la sicurezza dei tre pedoni e delle vetture che sopraggiungevano a forte velocità.

I poliziotti hanno fermato la donna risultata essere poco collaborativa.
È stata allontanata dalla careggiata, fino all’arrivo del 118, che ha trasportato la persona in ospedale, mentre i bambini sono stati messi al sicuro nell’auto di servizio.
I due bambini sono stati accompagnati presso gli uffici della Polizia Stradale di Caserta Nord, dove sono accuditi fino all’arrivo del padre, al quale sono stati affidati.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, approda nel porto di Napoli la Geo Barents con a bordo 48 migranti

Pubblicato

il

La nave ong Geo Barents è approdata nel porto di Napoli con a bordo 48 migranti, di diverse nazionalità.
Le operazioni coordinate dalla Prefettura, si sono svolte secondo il piano concordato e hanno coinvolto la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minorenni di Napoli, il Comune di Napoli, l’Asl Napoli 1 centro, l’Autorità portuale, l’Ufficio Sanitario marittimo, la Protezione civile regionale, Forze dell’ordine, Capitaneria di Porto, Vigili del fuoco, Croce Rossa Italiana e la Caritas diocesana.

Dopo una prima identificazione e preliminare verifica delle loro condizioni di salute, i migranti sono stati trasferiti al residence dell’Ospedale del mare, messo a disposizione dall’Asl Napoli 1 Centro, per il prosieguo delle operazioni di polizia e gli accertamenti sanitari.

Successivamente, i migranti saranno assegnati ai centri di accoglienza straordinaria della regione, ad eccezione del minore non accompagnato, presi in carico dal Comune di Napoli.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy