Resta sintonizzato

Cronaca

Caporalato e sfruttamento di lavoratori stranieri disposti controlli

Pubblicato

il

Come convenuto  in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto,  sono stati  disposti con Ordinanza del Questore di Caserta,  servizi straordinari interforze per  far fronte al  fenomeno del “caporalato”  e allo sfruttamento dei lavoratori stranieri.

Gli agenti della Polizia di Stato, dell’ Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nelle prime ore della  mattinata di ieri , hanno setacciato i territori dei comuni di   Sessa Aurunca,  Castel Volturno, Villa Literno ,Casal di Principe, Mondragone, Maddaloni, San Felice a Cancello e zone limitrofe  al fine di contrastare  il fenomeno del reclutamento di mano d’ opera a bassissimo costo da impiegare  nel settore agricolo , attraverso intermediari senza scrupoli.

Nel corso dei controlli sono state identificate complessivamente 27 persone di diverse nazionalità.

Lungo la Domitiana, nel territorio del Comune di Mondragone,  gli agenti hanno  controllato due veicoli Ford Transit con targa bulgara. Il primo trasportava 17 persone  tra cui due minori mentre a bordo del secondo vi erano due  individui. Tutti gli occupanti dei due veicoli, di nazionalità bulgara e privi di documenti,   sono risultati lavoratori “ in nero” ed una donna S.D., 31enne, nata in Bulgaria e domiciliata a Mondragone, ritenuta intermediaria  per i lavori agricoli, è stata denunciata alla competente Autorità Giudiziaria.

Un ragazzo  di 16 anni è stato affidato ai genitori mentre una 17enne è stata affidata ai servizi sociali.

(Questura di Caserta)

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

campania

San Giuseppe Vesuviano. 49enne arrestato per rapina in tabaccheria, impegnati nell’indagine

Pubblicato

il

A San Giuseppe Vesuviano i Carabinieri della locale stazione hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Nola su richiesta della locale Procura nei confronti di Luigi Langella*, 49enne del posto già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è gravemente indiziato di aver rapinato lo scorso 18 ottobre, armato di pistola, una tabaccheria a via Croce Rossa della cittadina di San Giuseppe Vesuviano per la somma di circa 2.500 euro.

Le indagini dei militari, effettuate con informazioni raccolte dai testimoni presenti e le analisi dei sistemi di videosorveglianza, hanno permesso di individuare il 49enne e di perquisire la sua abitazione dove sono stati rinvenuti e sequestrati gli abiti verosimilmente utilizzati per compiere la rapina. Prezioso il contributo nelle indagini da parte dei Carabinieri della sezione fonica, audio-video e informatica del Ris di Roma per la comparazione dei tratti somatici del 49enne. L’arrestato è stato trasferito nel carcere di Poggioreale.

Continua a leggere

campania

Scampia. Sequestri di armi e munizioni durante un servizio di controllo

Pubblicato

il

Stanotte gli agenti del Commissariato Scampia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno effettuato un controllo in uno stabile di via Francesco Bacone dove hanno rinvenuto, in un’intercapedine tra il muro e il vano ascensore, una pistola semiautomatica modello 315 con matricola abrasa e 5 cartucce cal. 6.35 nonché altre 9 cartucce dello stesso calibro che sono state sequestrate.

Continua a leggere

campania

Porta Nolana. Sorpreso con un pc rubato, viene denunciato.

Pubblicato

il

Ieri sera gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Raffaele Conforti hanno notato alcune persone confabulare tra loro; queste ultime, alla vista degli operatori, si sono date alla fuga. I poliziotti hanno raggiunto e bloccato uno dei fuggitivi trovandolo in possesso di un pc portatile risultato rubato.

L’uomo, un 21enne marocchino con precedenti di polizia e irregolare sul territorio nazionale, è stato denunciato per ricettazione, resistenza a Pubblico Ufficiale, ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato e per inottemperanza al divieto di dimora nel Comune di Napoli cui è sottoposto; infine, il pc è stato restituito al proprietario.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy