Resta sintonizzato

Napoli

Tris Napoli, il Pescara accorcia nel recupero

Pubblicato

il

Il Napoli ospita il Pescara per la prima gara di ritorno con il proposito di non perdere di vista la vetta della classifica. L’allenatore azzurro Maurizio Sarri si affida alla migliore formazione disponibile per fronteggiare con umiltà, come dichiarato alla vigilia, i biancazzurri guidati da Massimo Oddo memore della gara d’andata terminata con un pareggio per due reti a due.

I partenopei cercano subito di mettere le cose in chiaro e attaccano continuamente la metà campo avversaria con tocchi di prima e movimenti volti ad eludere, non senza difficoltà, la pressione del Pescara che riesce a tenere botta alla migliore qualità tecnica dei padroni di casa. Gli azzurri sfiorano il gol in diverse occasioni, ma è solo all’inizio della ripresa che trovano il vantaggio con Tonelli alla seconda marcatura consecutiva e autore di un perentorio colpo di testa su assist di Jorginho direttamente da calcio piazzato. Il raddoppio arriva due minuti dopo con un tiro al volo da parte del capitano Marek Hamsik dietro suggerimento di Piotr Zielinski. Gara in discesa per i ragazzi di Sarri che possono arrotondare il distacco ma incontrano sulla propria strada un reattivo Bizzarri. A mettere in cassaforte i tre punti ci pensa il belga Dries Mertens che da puro attaccante d’area ribadisce in rete il passaggio di Allan. Gli ospiti cercano di alleggerire il duro passivo e trovano la via del gol solo all’ultimo dei tre minuti di recupero con un calcio di rigore rigore trasformato da Caprari.

 

NAPOLI-PESCARA 3-1

MARCATORI al 2′ Tonelli, al 4′ Hamsik, al 41′ Mertens , al 48′ s.t. Caprari (P)
NAPOLI (4-3-3) Reina; Hysaj, Tonelli, Albiol, Strinic (dal 41′ s.t. Maggio); Zielinski (dal 20′ s.t. Allan), Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne (dal 35′ s.t. Giaccherini).
A disposizione: Rafael, Sepe, Tonelli, Maksimovic, Lasicki, Rog, Diawara, Gabbiadini, Pavoletti. All.: Sarri
PESCARA (3-5-2) Bizzarri; Crescenzi, Zuparic, Coda; Benali, Cristante, Bruno (dal 19′ s.t. Fornasier), Memushaj, Verre (dal 25′ s.t. Mitrita); Caprari, Gilardino (dal 25′ s.t. Cerri).
A disposizione: Fiorillo, Fornasier, Maloku, Delli Carri, Pompetti, Pettinari, Muric. All. Oddo.
ARBITRO: Gavillucci di Latina (Marrazzo-De Meo/Costanzo; Massa-Abisso).
Ammoniti: Coda (P), Tonelli (N), Benali (P), Bizzarri (P).
Recupero: 0′ p.t., 3′ s.t.
Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Con la Campania in zona arancione, riapre il Bosco di Capodimonte: gli orari

Pubblicato

il

Con il passaggio della Regione Campania in zona arancione la Direzione é felice di annunciare la
riapertura lunedì 19 aprile 2021 del Real Bosco di Capodimonte, dal lunedì al venerdì secondo i
consueti orari (7.00-19.30). Il museo invece rimane chiuso fino alle nuove indicazioni del
ministero in base al piano delle riaperture nazionali
” si legge nella nota stampa.

La Direzione del Museo e Real Bosco di Capodimonte, attenta a una fruizione in linea con questo
grande giardino storico, invita i cittadini al rispetto, per se stessi e per gli altri, delle regole
sanitarie di contenimento del contagio da Covid 19 (uso della mascherina da indossare anche
all’aperto, distanziamento sanitario e divieto di assembramento).

Il Belvedere, lo Spianato intorno alla Reggia, il Giardino dei Principi, il viale centrale del Giardino
Tardo-Barocco e i viali adiacenti sono destinati esclusivamente ai pedoni: ideali per la passeggiata
mantenendo la distanza sanitaria di 1 metro ed evitando assembramenti.

L’attività di corsa e jogging è ammessa dalle ore 7.00 alle ore 9.00 ed i runners sono invitati a correre nel Bosco seguendo il percorso vita indicato dalla segnaletica. Consentita attività sportiva amatoriale e non agonistica.

Vietati gli sport da contatto (rugby, cricket, calcetto). Vietato praticare attività sportiva sul
Belvedere, nell’area adiacente la Reggia o nelle altre aree destinate unicamente alla passeggiata.

Vietati i picnic in qualsiasi area del sito. Si potrà andare in bici, con andatura moderata da passeggio
rispettando il distanziamento di 2 metri. Vietato praticare attività sportiva o andare in bici sul
Belvedere, nell’area adiacente la Reggia o nelle altre aree destinate unicamente alla passeggiata.

Obbligo di condurre la bici a mano ai varchi (Porta Grande, Porta Piccola o Porta Miano) e nelle
aree esclusivamente pedonali. Il ciclista deve tenere “un’andatura moderata da passeggio” e in ogni
caso non superiore a 10 km/ h. E’ aperta l’area cani sui prati antistanti la Fagianeria. Quella della
porta Piccola é, invece, momentaneamente chiuso per lavori al parcheggio.

Il pubblico potrà godersi, verso la Vaccheria San Gennaro, altri 20 ettari di Bosco, riaperti grazie a
importanti lavori di restauro e riqualificazione, avviati dopo la tempesta dell’ottobre 2018 e
proseguiti senza sosta durante la pandemia, che hanno portato alla messa in sicurezza del
patrimonio arboreo.

I recenti lavori hanno anche consentito il recupero storico delle spalliere vegetali dei viali e di tutte
le architetture vegetali ripristinando l’effetto scenografico del ventaglio dei viali che partono
dall’Emiciclo con il restauro delle sculture, riproponendo le nicchie vegetali che erano andate
perdute.

Il Bosco custodisce rarità botaniche e specie esotiche, doni delle case reali nel mondo ai
Borbone, vere e proprie opere vive nel Bosco.

Tra i tanti interventi realizzati, per migliorare la qualità degli spazi e la fruizione del parco sono
state integrate più di 150 panchine, 4 nuovi spazi picnic, 110 cestini per la raccolta dei rifiuti e 30
cestoni in legno più capienti nelle aree di maggiore permanenza.

L’antica Fagianeria reale é stata momentaneamente trasformata in Centro di Vaccinazione in collaborazione con l’Asl Napoli 1 centro, pertanto sono tutti invitati a non disturbare le attività di vaccinazioni, restando distanti dall’edificio.

Continua a leggere

Attualità

Covid-19. Troppi casi tra Secondigliano e Miano: il presidente della Municipalità chiede di tornare alla Didattica a Distanza

Pubblicato

il

Troppi i casi di Coronavirus nel territorio della Municipalità VII di Napoli, che comprende i popolosi quartieri di Miano, Secondigliano e San Pietro a Patierno. E così il presidente Maurizio Moschetti chiede come misura d’emergenza la chiusura delle scuole e la riattivazione immediata della didattica a distanza per tutti gli studenti degli istituti di ogni ordine e grado del territorio.

La lettera, inviata sia al premier Draghi sia al ministro della salute Speranza che al ministro dell’istruzione Bianchi, è stata inviata anche al presidente della regione Vincenzo De Luca, al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, nonché alle autorità sanitarie del Consiglio Superiore di Sanità e dell’Azienda Sanitaria Locale Napoli 1 Centro, oltre ai dirigenti scolastici del territorio stesso. 

Non risulta essere possibile, nonostante il massimo impegno profuso dai dirigenti scolastici, evitare il contagio nelle scuole da SARS-CoV-2“, spiega nella lettera Maurizio Moschetti, presidente della Municipalità VII di Napoli, che sottolinea come sul territorio “il tasso di incidenza di positività è il più alto di tutta la Regione Campania, tale che in quasi tutte le scuole che da pochi giorni hanno ripreso la didattica in presenza, vi sono alunni e docenti positivi e dunque intere classi in quarantena” ha spiegato Moschetti.

Lanciando poi il suo appello alle autorità competenti “si reputa opportuno chiedere di valutare la possibilità di interrompere fin da subito le lezioni in presenza a salvaguardia della salute degli alunni e degli insegnanti, tenendo presente che a causa della quarantena a cui è costretto anche il corpo docenti, risulta difficile garantire le lezioni in presenza“.

Continua a leggere

Cronaca

Partite di calcetto e circoli abusivi: notte di controlli anti-Covid a Napoli

Pubblicato

il

Il Comando Provinciale dei Carabinieri di Napoli ha disposto controlli a tappeto per le verifiche del rispetto delle normative anti-covid.

La zona setacciata è il quartiere Scampia, l’orario dei controlli è scattato alle 22: quello del coprifuoco imposto dalle normative anti-contagio.
I militari della Stazione Scampia hanno identificato 42 persone, 28 sono pregiudicate, 25 le sanzioni anti-covid.

Durante i controlli i militari hanno interrotto una partita di calcetto in un campetto della vela gialla: 10 ragazzini stavano giocando a pallone ben oltre l’orario consentito dalle norme anti-covid. Tra questi c’erano 6 bambini tra i 10 e i 14 anni. I Carabinieri hanno affidato i ragazzini ai genitori, tutti sanzionati.

I Carabinieri sono intervenuti anche nella vela rossa. Hanno trovato all’interno di un locale il titolare di un circolo abusivo e 11 clienti già noti alle forze dell’ordine intenti a consumare bevande e cibo: sono stati tutti sanzionati e il locale è stato chiuso.

Nella vela gialla i Carabinieri hanno trovato tre persone, tutte già note alle forze dell’ordine, che sono state sanzionate per il mancato rispetto delle normative anti-covid e segnalate alla prefettura quali assuntori di sostanza stupefacente.

Non sono mancati i controlli al codice della strada: due motocicli sono stati sequestrati.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante