Resta sintonizzato

Politica

SAN PRISCO. Saga delle incompatibilità, ancora nessuna convocazione per Cinotti

Pubblicato

il

SAN PRISCO – Se c’è una cosa di cui sarà ricordata l’amministrazione D’Angelo, sarà sicuramente per il numero di assessori incompatibili che la caratterizzano. Dopo la nostra inchiesta “Sbordongate” e la delibera “salvasbordone” approvata il 22 Gennaio scorso in Consiglio Comunale, quest’amministrazione tenta di coprire ancora un’altra incompatibilità.

A distanza di 7 giorni il Presidente del Consiglio Francesco Monaco ancora non ha convocato il Consiglio Comunale così come richiesto dai consiglieri di minoranza, per discutere sull’incompatibilità del consigliere Francesco Cinotti, il quale visto i comma 1 e 2 dell’art. 63 della L. 267 del 2000, non potrebbe rivestire la carica di consigliere, né tantomeno quella di assessore.

La sua incompatibilità verte sul fatto che siccome, in qualità di avvocato, attualmente risulta essere il difensore dell’ente comunale di San Prisco e quindi essendo di parte, non può garantire nella maniera più assoluta quell’imparzialità che la carica di consigliere richiede.

Quindi la saga delle incompatibilità continua, dopo Sbordone con i suoi cambi di destinazione d’uso dei locali, Pina Abbate e lo stesso Presidente del Consiglio che hanno aperto dei contenziosi nei confronti del Comune, stavolta è la volta del Cinotti, che però così come gli altri può contare sulla “copertura” della sua amministrazione. Anche perché sarebbe uno stupido il Presidente del Consiglio non prendere tempo su una questione che comunque, un giorno o l’altro, potrebbe riguardare anche lui. Poiché non dimentichiamo che lasciare la poltrona da assessore o da Presidente del Consiglio è sempre un azione che si fa a malincuore viste le indennità che prevedono le due cariche. Anche per questo motivo che questi signori, se davvero tengono al proprio paese e al bene comune, dovrebbero dimettersi immediatamente e far sì che i soldi pubblici vadano nelle tasche di chi ha realmente diritto.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Cdm, provvedimento contro il caro bollette il prossimo 20 gennaio

Pubblicato

il

ITALIA – Un provvedimento contro il caro bollette e un altro su ristori a settori economici colpiti dalla pandemia saranno all’ordine del giorno del prossimo Consiglio dei ministri, giovedì 20 gennaio.

Le misure contro il caro bollette, proposte dal Mite in una bozza presentata a Palazzo Chigi durante le feste, prevedono un contributo di solidarietà dalle società energetiche, tagli dell’Iva e degli oneri di sistema. I ristori riguardano discoteche, impianti sportivi, realtà culturali e turismo.

Per combattere il caro bollette nel breve periodo, il Ministero dello Sviluppo economico (Mise) ha proposto in una riunione a Palazzo Chigi di utilizzare i proventi delle aste Ets, il sistema Ue per l’acquisto di diritti ad emettere CO2. Il Mise ha proposto anche di tassare gli extra-profitti delle società energetiche, di utilizzare l’extra-gettito delle accise e di accantonare scorte strategiche di gas per le imprese. Lo ha appreso l’ANSA da fonti governative.

Continua a leggere

Politica

Rifiuti a Napoli, Manfredi: “Deficit personale e mezzi Asia”

Pubblicato

il

NAPOLI – Napoli è sporca da settimana. La denuncia arriva dai cittadini partenopei ormai stanchi di vedere la città in stato di degrado e sporcizia. Cumuli di rifiuti sono visibili in diversi quartieri della città. Da Chaia a Pianura, dalla zona orientale ai Quartieri spagnoli.

La situazione è sotto gli occhi di tutti – il laconico commento del sindaco Gaetano Manfredi – purtroppo al cronico deficit di personale e mezzi dell’Asia, si aggiungono i contagiati Covid che hanno ulteriormente ridotto la forza lavoro. Stimiano che all’Azienda manchino almeno 400 utià lavorative e bisogna fare uno sforzo per garantire le assunzioni di personale”.  

Continua a leggere

Politica

Giugliano, Anna Savarese è il nuovo vicensindaco del comune

Pubblicato

il

GIUGLIANO IN CAMPANIA – Nuovo vicesindaco a Giugliano in Campania. Si tratta dell’architetto Anna Savarese, a lei saranno affidate le deleghe di Transizione Ecologica, Ecologia e Ambiente, Qualità dell’aria, Agricoltura.

Il suo nome è stato proposto dal Movimento Cinque Stelle, partito cui spetta la nomina del vice sindaco. Anna Savarese sostituisce Pietro Di Girolamo, cui restano tutte le deleghe attuali.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante