Resta sintonizzato

Attualità

Coronavirus-Concluso l’allestimento del Covid Center presso l’Ospedale Sant’Anna

Pubblicato

il

Come comunicato dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, è stato completato anche il Covid Center presso l’Ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.

La minaccia del Coronavirus sembra stare per scomparire ma è meglio restare vigili sull’argomento. Soprattutto in una regione come la Campania, nella quale i problemi della Sanità sono fin troppi. E per fortuna il virus si è propagato in forma lieve rispetto al Nord Italia. Anche se la Fase 2 sembra essere quasi al termine e si prospetta la riapertura per il prossimo lunedì, è sempre bene tenere alta la guardia. Prevenire è meglio che curare, anche nell’ottica di una possibile seconda ondata del Covid-19, stimata dagli esperti per ottobre. Il Governatore continua a lavorare per assicurare alla Campania una Sanità migliore.

Un importante progresso è stato quello del completamento del Covid Center presso la struttura ospedaliera di Caserta: una struttura di avanguardia, dotata di 24 posti letto di terapia intensiva.

E’ lo stesso De Luca a Confessare: “Oggi, grazie a Dio, abbiamo una minore pressione sugli ospedali, ma dobbiamo farci trovare pronti ad ogni evenienza negativa, che speriamo ovviamente non si verifichi, quando ci sarà la riapertura di tutte le attività”. 

Il Presidente della Regione elogia inoltre il grande lavoro fatto dalla Campania e la sua organizzazione: “Il grande lavoro e lo sforzo organizzativo che abbiamo messo in campo in queste settimane, in termini di qualità e di efficienza, è fondamentale per ripartire con ancora maggiore tranquillità, avendo sempre come obiettivo fondamentale la tutela della salute delle persone”.

La Campania si mostra così pronta a ripartire, è stata tra le regioni italiane a rispondere meglio all’emergenza e sarà senz’altro tra quelle che tornerà alla normalità con responsabilità ed efficienza.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Sorpresi a incendiare rifiuti e pneumatici: nei guai due persone

Pubblicato

il

I carabinieri della Stazione di Parete, hanno effettuato dei controlli in località Centore, frazione di Trentola Ducenta, dove nella notte, hanno notato una colonna di fumo innalzarsi da un terreno privato posto all’interno di una stradina interpoderale. Tuttavia, l’immediato intervento ha permesso ai militari dell’Arma di sorprendere, in flagranza di reato, due persone intente ad incendiare rifiuti di vario genere, tra i quali pneumatici, plastiche varie, materiali provenienti da demolizioni e sterpaglie. Inoltre, sul posto, sono intervenuti i Vigili del Fuoco di Aversa. Pertanto, l’intera area, è stata sottoposta a sequestro, mentre le due persone, sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Napoli Nord, per combustione illecita di rifiuti.

Continua a leggere

Attualità

No Vax: l’Asl dispone la sospensione di 13 dipendenti tra medici e infermieri

Pubblicato

il

Seri provvedimenti sono stati presi dalle Asl campane, nei confronti di 13 dipendenti che, professandosi ‘no vax’, hanno deciso di non sottoporsi al vaccino anti Covid. Pertanto, sono stati sospesi dal servizio e lasciati senza stipendio. In particolare, si tratta di 11 dipendenti dell’Asl Napoli 3 Sud e di due dipendenti dell’Asl di Avellino. Questi, si aggiungono ai 59 dipendenti dell’Asl Napoli 1 Centro, già sospesi due giorni fa, poiché si erano rifiutati di ricevere anche solo la prima dose di vaccino, senza riuscire a giustificarsi adeguatamente. Tuttavia, i dipendenti non vaccinati, avranno 5 giorni di tempo per addurre valide motivazioni o andranno incontro alla sospensione fino a vaccinazione avvenuta.

Continua a leggere

Attualità

Fuochi d’artificio sequestrati, nei guai tre finanzieri che se ne erano appropriati

Pubblicato

il

Tre militari della Guardia di Finanza, in servizio nel Napoletano, si sono appropriati di fuochi d’artificio anziché distruggerli. Pertanto, è stata aperta un’inchiesta, iniziata a margine di un ingente sequestro di materiale pirotecnico avvenuto a fine 2020. Secondo le prime informazioni raccolte, è emerso che i tre, si erano appropriati di 235 kg di fuochi d’artificio per poi stilare un verbale di presa consegna da parte di questi ultimi, indicando falsamente tutto il materiale sequestrato. Nel corso delle perquisizioni effettuate, è stata trovata merce contraffatta oggetto di sequestro nei mesi scorsi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante