Resta sintonizzato

Attualità

La DAD si trasforma in un incubo. Alunni costretti a bendare gli occhi

Pubblicato

il

La D.A.D si sta trasformando in un vero incubo. È accaduto a Scafati, in provincia di Salerno.

Come riporta ‘cronachedellacampania.it’, alcuni alunni  del liceo Cacciopoli, sono stati obbligati dall’insegnante a bendarsi per  non copiare gli appunti durante l’interrogazione a distanza.

Insomma una scena alquanto raccapricciante che illustra pienamente tutte le complicazioni sia per gli alunni, ma anche per gli stessi insegnanti che sono costretti a ‘tutelare’ l’insegnamento usando mezzi drastici che poco hanno a che fare col mondo della scuola.

Il consigliere regionale Borrelli ha già presentato un’ istanza interrogatoria alla Fortini.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Trieste, Mattarella insignito della laurea Honoris Causa in Giurisprudenza: “Le Università da sempre luogo di critica e dissenso al potere”

Pubblicato

il

Nel corso di un intervento presso l’Università di Trieste, dov’è stato insignito di una Laurea Magistrale Honoris causa in Giurisprudenza, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha così parlato agli studenti presenti:

“Le Università sono sempre state luogo del libero dibattito, della critica e anche del dissenso nei confronti del potere. Dibattito, critica e dissenso collegati tra gli atenei di tutti i Paesi, al di sopra dei confini e al di sopra dei contrasti tra gli stati. Se si recide questo collegamento, questo prezioso scambio di riflessioni, di collaborazioni, di esperienze, non si aiutano i diritti, non si aiuta la libertà né la pace, ma si indebolisce la forza del dibattito, della critica e del dissenso. Si aiuta il potere, quello peggiore, che ha sempre cercato di tenere isolate le università del proprio paese, di impedirne il collegamento con quelle oltre confine”.

Continua a leggere

Attualità

Napoli, aspre critiche dei tifosi a squadra e società: ecco il testo della protesta

Pubblicato

il

Divampa la protesta a Napoli, dove le due curve A e B hanno aspramente criticato l’operato della società dalla vittoria dello scudetto in poi. Ecco quanto recita il testo della protesta:

“Dopo un anno sì da incorniciare e dal quale ripartire, il tuo ego smisurato ha portato a sminuire un ambiente intero, un popolo che dalla fine dell’estate osserva e ascolta solamente pagliacciate. Nessuna programmazione, solo buffonate. Il Napoli è tuo si sa, ma non dimenticare che rappresenta una città che con tutti i suoi problemi ha sempre avuto dignità e non sarà certo uno scudetto che ci hai strappato tu dal petto a renderci silenti se poi manchi di rispetto”.

Sulla squadra: “Ci è bastato già capire che voi in questo campionato non ci avete mai onorato…in città siete arrivati da perfetti sconosciuti e non siete stati grati a chi vi ha reso fortunati, quando già trascorso maggio siete andati all’arrembaggio di un colore a voi assai caro il verde scuro del denaro, deludendo un popolo che vi ha osannato abbandonando già la nave con in corso il campionato”.

Infine, critiche anche alla stampa: “Qualche riga non ci manca, troppe penne prezzolate in tribuna accomodate, asservendo fedelmente come piace al presidente senza nulla proferire sul problema ormai latente”.

Continua a leggere

Attualità

Taglia i capelli alla fidanzata perché deve assomigliare ad un uomo: denunciato ragazzo geloso

Pubblicato

il

Ha dell’incredibile quanto avvenuto ad Angri, nel salernitano, dove un 21enne del posto è stato denunciato dalla fidanzata per stalking aggravato.

In particolare, il giovane avrebbe costretto per mesi la compagna a cambiare le proprie abitudini, a vestirsi come un ragazzo arrivando addirittura a tagliarle i capelli quasi a zero, perché voleva assomigliasse ad un uomo per non essere notata in strada. Inoltre la ragazza è stata anche offesa e aggredita più volte per l’immotivata ed ossessiva gelosia del compagno.

Ad un certo punto si è convinta a lasciarlo e ha sporto denuncia contro il 21enne. Le successive indagini hanno permesso di rilevare il controllo quotidiano esercitato dal ragazzo sulla vittima, con continue telefonate e messaggi sul cellulare, oltre a contestazioni di vario tipo.

Tra gli episodi più violenti vi è un’aggressione causata da un video che ritraeva la ragazza al lavoro, a seguito del quale il fidanzato la schiaffeggiò perché aveva la t-shirt nei pantaloni, che mostrava troppo le sue forme fisiche.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy