Resta sintonizzato

Attualità

Dramma nel Casertano. Muore carbonizzato: ecco le cause

Pubblicato

il

Ieri sera è divampato un incendio nelle baracche dei campi tra Lusciano e Parete, in provincia di Caserta: nel rogo ha perso la vita un povero senzatetto nonostante fossero intervenuti più o meno tempestivamente i vigili del fuoco.

Secondo le prime ricostruzioni il corpo ritrovato tra le fiamme appartiene ad un immigrato, un bracciante agricolo, anche se non è stato possibile risalire né all’età né al sesso, così com’è da chiarire la natura dell’incendio. Ad andare in fiamme è stata una struttura in legno e lamiera costruita in aperta campagna, tra fondi coltivati e vigneti. Dai primi accertamenti la natura dell’incendio sarebbe accidentale, forse causata da una fuga di gas dalla bombola che la vittima utilizzava per alimentare un fornello e per riscaldarsi; infatti il corpo della vittima è stato ritrovato tra le lamiere annerite e ammassate, ormai carbonizzato, come se non avesse provato nemmeno a scappare.

A tal proposito si è espresso così il sindaco di Lusciano: “Non è dignitoso morire così”.

“Abbiamo accertato che il terreno è gestito da un affittuario di Lusciano, che ora dovrà chiarire la sua posizione con i carabinieri. È probabile che la vittima fosse un bracciante, anche perché è stata trovata una bici bruciata”. 

Incalza Giovanna Basile, segretario della Flai-Cgil Campania e Napoli: “si tratta dell’ennesima vittima invisibile della mancata politica di accoglienza nel nostro Paese”

 

 

 

 

Attualità

Un frigo sui binari della Circumvesuviana, il presidente Eav sulla linea presto in azione telecamere.

Pubblicato

il

Dopo la vasca da bagno ed il New Jersey sui binari della Circumvesuviana è spuntato un frigorifero, sempre nello stesso punto, all’altezza del passaggio a livello di Via Crapolla che peraltro è dotato di segnalatori acustici. “Non si tratta di vandalismo o ragazzate ma di delinquenti, sabotatori, terroristi”, il commento del presidente EAV Umberto De Gregorio. 

Il frigorifero messo sui binari ha provocato infatti un incidente ferroviario perché il treno EAV in transito, anche se camminava a bassissima velocità, ha impattato contro l’ostacolo che il macchinista non ha potuto evitare. Fortunatamente non ci sono stati feriti e neanche conseguenze al treno, che ha potuto riprendere la circolazione, ma chiaramente tra chi era a bordo del treno la paura è stata grande.

“Mi auguro che le forze dell’ordine li prendano e li sbattano in galera. Da oggi metteremo una guardia giurata fissa e stiamo installando le telecamere posizionate sul punto”, annuncia De Gregorio. Sull’episodio sta indagando la polizia

Continua a leggere

Attualità

Milano, si presenta al carcere di San Vittore fingendosi un magistrato ma viene scoperto: arrestato 62enne

Pubblicato

il

Incredibile episodio avvenuto a Milano, presso il carcere di San Vittore, dove un 62enne del posto residente nella zona di piazza Tricolore si è presentato all’udienza di convalida di un arresto spacciandosi per un magistrato.

A quel punto l’uomo ha finto di aver dimenticato a casa il tesserino e mostrando una carta d’identità in cui era riportata la scritta ‘procuratore’, in riferimento alla professione svolta, è riuscito ad eludere le guardie e ad entrare nel penitenziario per partecipare alla suddetta udienza.

Tuttavia il Gip del Tribunale di Lodi ha scoperto che in realtà l’uomo non era magistrato ma addirittura coimputato con il detenuto. Le successive verifiche della Polizia Giudiziaria e dei magistrati hanno accertato che egli era in quel momento sottoposto ad affidamento ai servizi sociali.

Pertanto, i poliziotti del Commissariato Monforte Vittoria hanno notificato la revoca dell’affidamento hanno tratto in arresto e portato in carcere il 62enne, già pregiudicato per furto e truffa.

Continua a leggere

Attualità

Ancora manifesti di De Luca contro la Meloni, Fdi sulla vicenda annuncia di aver presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno

Pubblicato

il

“Vincenzo De Luca continua nel totale disprezzo delle Istituzioni ad utilizzare le risorse della Regione Campania, e quindi di tutti i cittadini, per i suoi interessi politici. Oggi è stato diffuso l’ennesimo manifesto, il secondo, nel quale con tanto di logo della Regione Campania attacca il governo Meloni diffondendo le ennesime falsità. È un comportamento inaccettabile che conferma l’arroganza di De Luca che sottrae risorse ai campani per finanziare la sua personale, e discutibile, attività politica. Infatti, come la Regione Campania stessa ha confermato, questi manifesti sono realizzati utilizzando le risorse dedicate alla comunicazione istituzionale. Un vero e proprio abuso”.

Così, in una nota, il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone, coordinatore regionale in Campania, che sulla vicenda annuncia di aver presentato “un’interrogazione al ministro dell’Interno, per chiedere se sia lecito che De Luca utilizzi il logo istituzionale della Regione Campania e delle relative risorse per propaganda politica; ma soprattutto chiederò che i consiglieri regionali, che hanno già presentato un esposto alla Corte dei Conti per il precedente manifesto, denuncino anche questa nuova affissione. Confidiamo – conclude Iannone – che la magistratura contabile faccia giustizia, mettendo fine a questo sperpero di risorse pubbliche”

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy