Resta sintonizzato

Ambiente

Inquinamento ambientale a Qualiano: dopo numerosi sversamenti illeciti, sequestrato un opificio

Pubblicato

il

I carabinieri della Stazione di Qualiano unitamente ai colleghi della Stazione forestali di Pozzuoli, all’esito di serrata attività info-investigativa, hanno denunciato in stato di libertà un 34enne di Giugliano in Campania, titolare di un opificio tessile di Quarto Flegreo, resosi responsabile di gestione illecita di rifiuti, emissioni pericolose in atmosfera e scarichi industriali in fognatura senza autorizzazione.

Nelle notti dell’8 e del 16 febbraio scorsi, presso il perimetro esterno del campo rom di Qualiano, denominato “Costagliola”, di via Circonvallazione Esterna, erano stati rinvenuti 40 sacchi di plastica, per circa 10 quintali di peso, con all’interno rifiuti tessili dovuti a scarti di lavorazione di impresa artigiana (come stoffe, ritagli di ecopelle, plastica, spugna, ecc.).

I militari, dopo aver effettuato una approfondita verifica, hanno rinvenuto, tra i rifiuti, una scatola da spedizione con riportata l’indicazione della destinataria, successivamente identificata nella moglie dell’uomo a sua volta risultato essere titolare di una impresa da tappezziere.

A seguito di una verifica a detto laboratorio, sono state riscontrate diverse violazioni di carattere ambientale e si è appurato che il materiale in fase di lavorazione era del tutto compatibile con quello precedentemente sversato.

L’intero opificio è stato posto sotto sequestro.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Blitz della Guardia Costiera, arrestate 17 persone: i motivi

Pubblicato

il

Prosegue alacremente l’attività della Guardia Costiera di Taranto, nel contrasto degli illeciti in ambito marittimo. In particolare, al centro delle attività di controllo, vi è la raccolta della Holothuroidea, di cui è vietata la pesca in quanto specie marina protetta. Pertanto, alle prime luci dell’alba, è scattata la cosiddetta operazione “Kalimera”, che ha visto impegnati più di cento uomini e donne della Guardia Costiera. Tuttavia, il dispositivo, ha consentito l’esecuzione di 17 ordinanze di custodia cautelare, mentre agli indagati, viene contestato il reato di disastro ambientale, con l’aggravante dell’associazione.

Inoltre, le indagini, hanno portato alla luce l’esistenza di una vera e propria organizzazione criminale, dedita alla pesca illecita di ogni risorsa marina, che portava ingente guadagno. Infatti, il valore di mercato medio finale del prodotto nostrano, può arrivare anche all’ingente cifra di 300 euro al kg. Al termine delle investigazioni, si è potuto stimare un illecito giro d’affari complessivo di circa 4 milioni e 500 mila euro.

Continua a leggere

Ambiente

Napoli penultima nel Rapporto sulla Qualità della Vita 2021

Pubblicato

il

NAPOLI – Secondo il Rapporto sulla Qualità della Vita in Italia 2021 di ItaliaOggi e Università La Sapienza di Roma gli ultimi posti vengono occupati dalle città del Sud. All’ultimo posto troviamo Crotone, seguita in ordine da Napoli, penultima, e Foggia (lo scorso anno ultima).

A metà classifica troviamo la capitale, Roma, al 54mo posto (l’anno scorso era al 50mo), seguita dalla prima provincia meridionale per qualità della vita, che è Matera.

Il rapporto 2021 registra un dato significativo: la scalata dei grandi centri urbani del Centro-Nord, con Bologna che era 27ma lo scorso anno ed oggi è quarta, Milano, che guadagna ben quaranta posizione, posizionandosi quinta e Firenze, da 31ma a sesta.

Continua a leggere

Ambiente

Napoli: polemiche sulla manutenzione di via Manzoni

Pubblicato

il


NAPOLI – Negli ultimi giorni si parla spesso di un tema, divenuto oramai caldo. Stiamo parlando dell’asfalto che circonda i resti dei tronchi a via Manzoni.

A rendersene conto sono state in primis le associazioni, seguite dai gruppi social. Tanto che il consigliere regionale Francesco Borrelli ha lanciato un allarme a riguardo. Difatti, qualche giorno fa ha diffuso un comunicato nel quale registra tutto il suo sconcerto per un’operazione che sembra ai limiti dell’assurdo: chi ha dato mandato all’azienda che sta rifacendo il marciapiede di via Manzoni di eseguire il lavoro in quella maniera? La questione di quel pezzetto di marciapiede sta assumendo contorni grotteschi.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante