Resta sintonizzato

Campania

Napoli. Lungomare occupato dai ristoratori: “Fateci riaprire!”

Pubblicato

il

Questa mattina i ristoratori hanno bloccato il Lungomare di Napoli, protestando per la riapertura e per i ristori.

Le proteste dei lavoratori del settore della ristorazione hanno bloccato il traffico in via Nazario Sauro: circa 100 persone tra ristoratori e lavoratori del settore catering e di quello alberghiero hanno occupato il Lungomare del capoluogo campano, bloccando il traffico automobilistico.

La protesta è scoppiata per la zona arancione che vige in Campania e che impone nuove restrizioni per contenere la pandemia di Coronavirus e che impone a bar e ristoranti la chiusura, con la possibilità di effettuare solo l’asporto fino alle 18 e il delivery, senza limiti di orario.

I manifestanti, circa un centinaio, chiedono di riaprire, oppure che vi siano i ristori garantiti per tutti, in modo da poter sopperire alle perdite derivanti dalla chiusura forzata.

La protesta è iniziata stamattina intorno alle 9 sotto la sede della Regione Campania, in via Santa Lucia.

I manifestanti hanno intonato slogan, chiedendo un incontro con chi di dovere per ricevere risposte concrete.

Dopo circa due ore senza che arrivassero risposte, i ristoratori hanno così deciso di spostarsi sul Lungomare, occupando la strada in via Nazario Sauro con la loro presenza e con alcuni bidoni che bloccano la carreggiata e impediscono alle automobili di proseguire.

Come stabilito dall’ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza, la Campania è entrata in zona arancione lo scorso 21 febbraio e dovrà restarci per 15 giorni, due settimane, fino al prossimo 6 marzo, salvo ulteriore inasprimento delle misure attualmente in atto a causa dell’aumento considerevole dei contagi negli ultimi giorni.

 

[Foto: La Repubblica]

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Campania

Mino D’Alterio un imprenditore scomparso improvvisamente

Pubblicato

il

La città piange un altro dei suoi figli: è morto, a causa di un malore improvviso, l’imprenditore Mino D’Alterio. A ottobre avrebbe compiuto 60 anni. Imprenditore nel campo dell’energia, molto noto in città, era un uomo apprezzato e voluto bene da tutti.

Marito esemplare, padre di tre figli, Mino era un uomo che amava il suo lavoro, la sua città, Giugliano, e soprattutto la sua famiglia per la quale aveva sempre fatto e continuava a fare sacrifici. Viveva in centro città, a Via Aniello Palumbo, e Giugliano era nel suo cuore così come è sempre stato per tutta la sua famiglia, ormai da generazioni.

Ed è a tutta la sua famiglia che anche la redazione de Il Meridiano News si stringe in questo momento di profondo dolore.

Continua a leggere

Campania

54 enne non scende per pranzo: trovata morta

Pubblicato

il

Dramma nella giornata di ieri a Sessa Aurunca. Una donna di 54 anni di origini siciliane è stata infatti trovata priva di vita all’interno della camera dove alloggiava presso una struttura.

 La 54enne è stata trovata riversa e sono stati chiamati immediatamente i soccorsi; sul posto è giunta un’ambulanza del 118 ma i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso avvenuto per cause naturali. Nell’edificio sono arrivati anche i carabinieri della locale Compagnia.

Continua a leggere

Campania

Aggiornamenti coronavirus in Campania

Pubblicato

il

I positivi del giorno sono  419 i test eseguiti sono 18.877 i deceduti sono 3. I posti letto in terapia intensiva disponibili sono 656, i posti letto in terapia intensiva occupati sono 14, i posti letto in degenza disponibili sono 3.160 e infine i posti letto in degenza occupati sono 282

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante