Resta sintonizzato

Napoli

Si inaugura l’asilo nido alla Federico II e si tiene chiuso quello del Cardarelli. Per quale motivo?

Pubblicato

il

NAPOLI – L’altro ieri il governatore Vincenzo De Luca ha inaugurato l’Asilo nido all’interno dell’Università Federico II.

“L’asilo servirà ai genitori che lavorano all’Università per poter lasciare, durante l’orario di lavoro, in estrema sicurezza e tranquillità il proprio pargolo in mani sicure”. Questo è l’incipit fatto dal Presidente della Regione Campania ed è anche lo scopo di questo nuovo varo che avvicina sempre più il terzo settore alle esigenze dei cittadini.

Peccato però che il governatore abbia la memoria corta o che adotti due pesi e due misure. Si, perché per un asilo che apre con tanto di taglio del nastro con annessa passerella politica, ce n’è un altro che resta chiuso. Stiamo parlando dell’asilo nido dell’Azienda Ospedaliera del Cardarelli.

L’Asilo nido del nosocomio napoletano è stato chiuso, causa pandemia, nel 2020 e da allora non ha più riaperto i battenti. Il gestore vincitore del bando pubblico ha ancora 60mila euro da mettere a disposizione della comunità e attende notizie da più di un anno.

Insomma, ad oggi, non si sa perché l’asilo nido del Cardarelli non riparte. Visto che non si tratta più di pericolo di contagio tra i bambini, dato che si è aperto quello all’Università. Allora per quale arcano motivo si continua a tenere chiuso l’Asilo nido dell’azienda ospedaliera Cardarelli?

Nel noto Talk “L’Assise” andato in onda, in via del tutto eccezionale di Lunedì, su MinformoTV il Consigliere Regionale Severino Nappi sull’argomento ha dichiarato (guarda qui al min. 10:00): “Voglio essere cattivo e voglio considerare che il candidato Sindaco di Napoli dalla parte di De Luca è un signore molto distinto che faceva il rettore proprio alla Federico II e quello può essere considerato benissimo il suo discreto covo elettorale, chissà forse c’entra proprio questo fattore?”. Ai posteri l’ardua sentenza.

Attualità

Napoli, partirà il restauro dell’arco monumentale di Port’Alba: stanziati 200mila euro

Pubblicato

il

Si accende la luce sulla porta seicentesca di Port’Alba.
Si farà quindi il restauro dell’arco monumentale all’incrocio tra piazza Dante e la via dei libri: trovate le risorse da investire ad hoc.

Il Comune di Napoli, negli ultimi giorni, ha infatti stanziato 200mila euro per il rifacimento della porta. Ma il nodo cruciale resta quello dell’arco che, da circa 10 anni, per un contenzioso tra Comune e privati sulle responsabilità della manutenzione, è tenuto a freno da reti di contenimento installate dopo cadute reiterate di calcinacci. La svolta – decisiva – è arrivata: uno stanziamento corposo, con i lavori che partiranno “presto – assicurano dal Comune – sicuramente entro l’autunno”.

Continua a leggere

Napoli

La nuova Stazione Marittima del molo Beverello è ancora chiusa, dopo la visita del 27 maggio di Salvini

Pubblicato

il

La nuova Stazione Marittima del molo Beverello di Napoli per l’imbarco degli aliscafi verso Ischia, Capri e Procida non è stata ancora aperta ai turisti. Eppure il 27 maggio scorso, vi fu la visita del ministro delle infrastrutture Matteo Salvini per l’inaugurazione. Mancavano solo le fanfare.

L’edificio è pronto da due settimane ma per ora è ancora in attesa che vengano attivati gli impianti elettrici e di fognature, e che venga messo in atto l’appalto di gestione che l’Autorità Portuale di Napoli ha affidato al consorzio delle aziende di aliscafi.

Il consorzio gestore si chiama Beverello srl e le quote sono suddivise in parità tra le quattro società: Caremar, Snav, NLG e Alilauro.
“I lavori – spiega all’Ansa il presidente dell’Autorità Portuale Andrea Annunziatasono terminati da 15 giorni e intanto è andata avanti la gara per la gestione del nuovo edificio che da 10 giorni è stata aggiudicata al gruppo degli armatori. Ora è in corso l’attività di controllo dei documenti. Noi contiamo di consegnare il manufatto entro una settimana ed entro fine giugno capire se gli operatori riescono ad aprire le biglietterie, oppure se la struttura all’inizio servirà solo per consentire l’attesa dei turisti, seduti e con aria condizionata”.

Continua a leggere

Cronaca

Napoli, controlli a tappeto al Mercato di Poggioreale: sanzioni da 29mila euro

Pubblicato

il

Intensificati i controlli per il contrasto all’illegalità e per garantire la sicurezza pubblica nell’area del Mercato Caramanico di Poggioreale.
Durante le operazioni della polizia, sono stati sanzionati e deferiti all’autorità giudiziaria tre parcheggiatori abusivi sorpresi in attività nei pressi del mercato.

Un venditore ambulante di frutta e verdura è stato multato per la mancanza di autorizzazione amministrativa e sanitaria e per occupazione abusiva di suolo pubblico.
La merce è stata sequestrata e distrutta. All’interno del mercato sono stati verbalizzati diversi operatori per eccedenza nell’occupazione di suolo pubblico.

Inoltre, due ambulanti abusivi di abbigliamento sono stati sanzionati per la mancanza di autorizzazione amministrativa e per occupazione abusiva di suolo pubblico, con il conseguente sequestro della merce, per un importo totale delle sanzioni comminate di 29mila euro. Complessivamente, sono stati elevati 25 verbali per varie infrazioni al Codice della Strada, con il prelievo di quattro veicoli tramite carro gru.

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy