Resta sintonizzato

POLITICA

Sorpresi a sversare rifiuti speciali: denunciati

Pubblicato

il

I carabinieri della Stazione di Qualiano mentre erano in servizio hanno denunciato due romeni entrambi residenti di Villa Literno per raccolta e smaltimento illecito di rifiuti romeni

A poca distanza l’uno dall’altro, transitavano in via Campana e in via Santa Maria a cubito, rispettivamente a bordo di un quadriciclo e di un’ Ape, nei cui vani di carico erano stoccati rifiuti speciali non pericolosi di varia natura.

I militari poi si sono accertati che non fossero in possesso di alcun formulario per il trasporto e smaltimento dei rifiuti e hanno provveduto immediatamente con il sequestro di entrambi i veicoli avviando i rifiuti alla filiera di smaltimento prevista.

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POLITICA

Morte Luigi Necco: in ricordo di un grande giornalista

Pubblicato

il

Era la notte del 13 marzo 2018, quando all’ospedale Cardarelli di Napoli il noto giornalista sportivo napoletano Luigi Necco, esalò il suo ultimo respiro. Necco, fu volto storico per 15 anni di 90′ Minuto della Rai, deceduto a 84 anni a causa di una grave insufficienza respiratoria.

Pertanto, ai suoi funerali, era presente anche il comune di Napoli con un gonfalone e una corona di fiori, oltre a diversi cittadini accorsi per l’ultimo saluto. Tra loro, vi erano il vice sindaco di Napoli Raffaele Del Giudice, l’assessore regionale Amedeo Lepore, l’ex direttore del Tg4 Emilio Fede, il sindaco di Benevento Clemente Mastella e l’ex presidente del tribunale di Napoli Carlo Alemi.

Inoltre, Necco è stato per cinque anni anche il Consigliere comunale a Napoli, dedicando gli ultimi anni della sua vita ai progetti di legalità per le scuole, con la Prefettura di Napoli e l’Ordine dei Giornalisti della Campania.

Oggi ricorre il quinto anniversario della sua morte, ma il suo ricordo resterà indelebile nella memoria di tutti.

Continua a leggere

POLITICA

Ameba mangia-cervello spaventa gli Stati Uniti: morto un uomo

Pubblicato

il

Cresce la paura negli Stati Uniti, per la precisione nella contea di Charlotte, dove un uomo è morto dopo essere stato infettato dall’ameba ‘mangia-cervello’. La notizia è stata diffusa dal Dipartimento della Salute di Stato, che ha così commentato l’accaduto:

“La vittima è stata infettata dal parassita probabilmente a seguito di pratiche di risciacquo dei seni nasali con acqua di rubinetto”.

Pertanto, il decesso risale a febbraio, ma le autorità l’hanno reso noto solo ora. Intanto, Jae Williams del Dipartimento della Salute della Florida, ha così dichiarato:

“È in corso un’indagine epidemiologica per capire le circostanze specifiche dell’infezione”.

Continua a leggere

POLITICA

Ex alunni ritrovano il loro prof. in ospedale 40 anni dopo: i dettagli

Pubblicato

il

La storia di Nicoletta Bertorelli, studentessa della quinta D del Liceo Scientifico Gobetti di Torino ha dell’incredibile. Infatti la donna, fin dal giorno della sua maturità avvenuta nel 79-80, non ha mai perso i contatti con il proprio insegnante di filosofia.

In particolare, la donna avrebbe messo al setaccio tutti i reparti ospedalieri di Vicenza e riallacciato i rapporti con gli ex compagni di classe per ritrovarlo. Si tratta di Umberto Gastaldi, 82 anni, ricoverato all’ospedale San Bortolo di Vicenza e poi in una Rsa.

Pertanto, la donna ha così spiegato:

“Abbiamo notato che da dicembre non postava più nulla. Così è partita la ricerca, sapendolo solo. Bertorelli ha allertato gli ex compagni e dopo cinque giorni di ricerche vane, finalmente è arrivata la conferma che l’anziano si trovava in una struttura sanitaria”. 

Poi, quando gli ex alunni lo hanno contattato, l’ex prof. ha manifestato un unico desiderio:

“Prendete voi i miei libri, recuperate le mie lettere. Nella sua casa ha catalogato l’intero suo epistolario. Tra i volumi di Gramsci e Nietzsche stampava e archiviava anche ogni nostra email”.

Infine, la Bertorello rivela:

“Ho mollato tutto e sono partita. Tutti i compagni si sono attivati e gli hanno scritto. Da Torino, Roma, dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra. Facciamo i turni per andare a trovarlo, ci riuniamo quasi tutti i giorni in videochiamata per risolvere i problemi pratici. Siamo uniti in una forza stupefacente. E questo lo conforta”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy