Resta sintonizzato

Ambiente

Comunità energetiche e sviluppo sostenibile nella cornice del Parco Regionale del Matese.

Pubblicato

il

SAN POTITO SANNITICO – “Comunità energetiche – nuove prospettive di sviluppo sostenibile”: non poteva trovare location più adatta la kermesse su tali temi di fondamentale importanza, ormai protagonisti assoluti della rivoluzione guidata dal PNRR.

La sede di San Potito Sannitico ospiterà infatti, giovedì 16 giugno a partire dalla ore 17,30, un tavolo di lavoro senza precedenti su tali tematiche, promosso dall’Avv. Vincenzo GIRFATTI, Presidente del Parco Regionale del Matese. Un evento dallo stesso fortemente voluto, per l’assoluta attualità degli argomenti trattati, che ha richiesto uno sforzo organizzativo non comune, visto il parterre degli ospiti.

Assicurata infatti la presenza di personalità del mondo della politica, di relatori e tecnici di tutto rispetto, tra i quali l’On. Andrea COZZOLINO (Europarlamentare), l’On. Gennaro OLIVIERO, (Presidente del Consiglio Regionale della Campania), l’On. Giovanni ZANNINI (Presidente XII Comm.  Ambiente, Energia, Protezione Civile Regione Campania), il Dr. Nino LOMBARDI (Presidente Provincia di Benevento), l’Avv. Giorgio MAGLIOCCA (Presidente Provincia di Caserta), l’Ing. Giacomo PUCILLO (Presidente Ordine Ingegneri Benevento), l’Ing. Massimo VITELLI (Presidente Ordine Ingegneri Caserta), l’Arch. Diodoro TOMASELLI (Presidente Ordine Architetti Benevento), l’Arch. Raffaele CECORO (Presidente Ordine Architetti Caserta), il Geom. Giampaolo BIELE (Presidente Collegio Geometri Benevento), il Geom. Aniello DELLA VALLE (Presidente Collegio Geometri Caserta).

Il convegno sarà nel contempo il “battesimo del fuoco” dell’Associazione Pensare Insieme, inesauribile laboratorio di ragionamento costruttivo, un “Think Tank” che raccoglie liberi pensatori da tutta Italia e anche dall’estero, che ha assicurato fin da subito il proprio prezioso supporto all’organizzazione dell’evento.

A concludere la serata, il sen. Gianni Pietro Girotto, Presidente della X Commissione Permanente Industria, Commercio e Turismo del Senato. Sua la proposta di emendamento su alcuni articoli relativi alla direttiva sulle energie rinnovabili e sul mercato interno dell’energia elettrica, che promuovono le comunità energetiche, lo sviluppo di fonti alternative e gli interventi di efficienza energetica, in linea con le più recenti disposizioni europee. Un appuntamento imperdibile con il futuro dell’energia per tutti gli operatori del settore e per chi volesse dare uno sguardo in anteprima alle strategie future.

Continua a leggere
Pubblicità

Ambiente

Campi Flegrei, cosa ha scoperto uno studio sugli eventi sismici

Pubblicato

il

Secondo un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e dell’University College of London (UCL), la presenza di due livelli poco permeabili nella crosta dei Campi Flegrei regolerebbe i movimenti verticali e la sismicità osservati negli ultimi 40 anni. La ricerca “Evolution in unrest processes at Campi Flegrei caldera as inferred from local seismicity”, pubblicata sulla rivista scientifica “Earth and Planetary Science Letters”, ha analizzato la distribuzione degli eventi sismici e dell’energia da essi rilasciata: i risultati suggeriscono che quest’ultima si concentra principalmente in prossimità di due livelli (superfici di separazione tra rocce con proprietà fisiche e chimiche diverse) situati rispettivamente a circa 3 ed a 1-1,5 chilometri di profondità. 

“Questi livelli svolgono un ruolo chiave nel controllo dei movimenti verticali e della sismicità nei Campi Flegrei e sono presenti in diversi sistemi vulcanici caratterizzati da alte temperature e da circolazione dei fluidi. Quello più superficiale previene almeno in parte la dispersione dei fluidi idrotermali verso la superficie, fluidi che hanno un ruolo significativo nell’innesco della sismicità”, spiega Stefano Carlino, ricercatore dell’Osservatorio Vesuviano dell’INGV e coautore dello studio. Al di sotto del livello più profondo, le rocce passano da un comportamento fragile, cioè sono soggette a rottura determinando i terremoti, a uno duttile, in cui si deformano plasticamente senza rompersi.

“Qui avviene il processo di accumulo di fluidi e/o di magma che determinerebbe l’aumento di pressione e il sollevamento della caldera. L’innalzamento potrebbe continuare fino a quando lo stiramento della crosta consentirà il maggiore deflusso di gas in superficie, con conseguente depressurizzazione della sorgente del sollevamento, come pensiamo sia avvenuto durante la fase terminale della crisi bradisismica del 1982-1984, iniziata con lo sciame del 1° aprile 1984”, afferma Nicola Alessandro Pino, ricercatore dell’Osservatorio Vesuviano dell’INGV e coautore dello studio. A differenza del periodo 1982-1984, durante l’attuale fase di sollevamento in corso dal 2005, la sismicità è concentrata maggiormente nel settore orientale di Pozzuoli, al di sotto dell’area Solfatara-Bagnoli.
“Questo suggerisce che, negli ultimi anni, la risalita di fluidi di origine magmatica, con conseguente indebolimento delle rocce, sia avvenuta quasi esclusivamente in questo settore della caldera, dove il nostro studio ha evidenziato un innalzamento della profondità della transizione delle caratteristiche delle rocce da fragili a duttili”, aggiunge Stefania Danesi, ricercatrice della Sezione di Bologna dell’INGV e primo autore dello studio.

Come afferma Christopher Kilburn, professore dell’University College of London (UCL) e co-autore dello studio, “gli innalzamenti del suolo nei Campi Flegrei nelle ultime decadi favoriscono lo stiramento e l’eventuale rottura parziale della crosta. Questo processo facilita il passaggio dei fluidi accumulati nel sottosuolo e quindi una perdita di pressione in profondità”. “Il monitoraggio dell’attività dei Campi Flegrei nel prossimo futuro potrà indicare se gli sciami sismici degli ultimi mesi rappresentino o meno l’inizio di questa fase”, conclude Stefania Danesi.

Continua a leggere

Ambiente

Campi Flegrei, il vulcanologo: “Il problema non è l’eruzione, innalzare il livello di allerta sull’eruzione sarebbe una cosa sbagliata”

Pubblicato

il

“In questo momento il problema non è l’euzione dei Campi Flegrei perché non ci sono i segnali per nessun movimento vulcanico. Oggi abbiamo l’esigenza di difenderci dal terremoto provocato. L’area interessata è principalmente il comune di Pozzuoli, Bacoli e Bagnoli. Il vero problema è la vulnerabilità degli edifici di questa zona. Innalzare il livello di allerta sull’eruzione sarebbe una cosa sbagliata”. Questo il pensiero di Giuseppe Luongo, professore emerito di Fisica del Vulcanismo all’università “Federico II”, che ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli dell’ipotesi di innalzamento dell’allerta per il rischio vulcanico dei Campi Flegrei da “gialla” ad “arancione”. 

Nella zona dei Campi Flegrei “non c’è allarme, la commissione Grandi rischi conferma l’allerta gialla”. E’ quanto annunciato dal ministro per la Protezione Civile e le Politiche del mare, Nello Musumeci, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con i comuni dell’area e i vertici di Ingv. “In questo momento l’allerta gialla è ampiamente confermata”, ha aggiunto. Il ministro ha spiegato che la zona rossa legata al rischio bradisismo è stata comunque definita e “coinvolge circa 85 mila persone e 15 mila edifici”. Il piano di comunicazione, ha concluso, “sarà pronto il 27 novembre”.

“La Commissione Grandi Rischi ha confermato il livello di allerta giallo rispetto al rischio vulcanico ed ha opportunamente ritenuto di potenziare i sistemi di monitoraggio al fine di garantire la sicurezza della popolazione. Sappiamo di dover convivere con il fenomeno vulcanico e con quello bradisismico, anche nelle fasi difficili come quella attuale. L’attenzione del governo e delle strutture operative centrali ci rasserena e sappiamo di dover essere consapevoli e continuare ad occuparci del nostro territorio come stiamo facendo incessantemente”. E’ quanto affermano in una dichiarazione congiunta i sindaci di Pozzuoli, Luigi Manzoni, di Napoli, Gaetano Manfredi e di Bacoli Josi Gerardo della Ragione chiedendo di fare “attenzione a non creare allarmismi”.

“Prendiamo spunto dalle osservazioni della Commissione per richiedere con forza l’attivazione delle iniziative previste dal governo nel decreto legge, e integrate dagli emendamenti richiesti dai Comuni flegrei – continuano – Ricordiamo a tutti di fare molta attenzione ai termini usati per la comunicazione, tenendo conto degli effetti sulla popolazione e sull’economia dei Campi Flegrei. Se ognuno si comporta in maniera consapevole, anche tutelando le singole responsabilità, riusciremo a superare le difficoltà e approderemo ad una nuova forma di gestione del territorio maggiormente resiliente”, concludono i primi cittadini.

Continua a leggere

Ambiente

Trema il Vesuvio, l’evento registrato dalla Sala Operativa dell’Osservatorio Vesuviano

Pubblicato

il

Erano da poco trascorse le 2.20 quando il sismografo della Sala Operativa INGV-OV ha registrato un movimento in area Vesuvio. La scossa, avvertita anche da alcuni residenti, ha avuto una magnitudo di 2.3. Le coordinate geografiche determinate dall’Istituto vesuviano sono latitudine 40.8190, longitudine 14.4270. Profondità dell’evento meno di 1 km. 

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy