Resta sintonizzato

Attualità

L’orsa JJ4 è innocente, runner ucciso da un esemplare maschio: la situazione

Pubblicato

il

Il rappresentante legale di LEAL, Aurora Loprete, sarebbe riuscita a dimostrare l’estraneità dell’orsa JJ4 nell’aggressione ad Andrea Papi. Ecco quanto si legge nelle relazioni:

“Dalla relazione tratta dalla perizia veterinaria forense, che perviene dal rappresentante legale di LEAL Aurora Loprete, si apprende che non è stata l’orsa JJ4 ad aggredire Andrea Papi, ma si prova quanto segue: ‘La dentatura di un animale, per la medicina veterinaria forense, ha lo stesso valore delle impronte digitali umane e quindi, la scienza in questa perizia smentisce le menzogne raccontate da Fugatti'”.

Infatti, la perizia si chiude così:

“Relativamente alla natura dell’attacco, esso è riconducibile ad un tentativo protratto di allontanamento e dissuasione da parte dell’orso sulla vittima. Anche relativamente a questo aspetto, le evidenze riscontrate non consentono di classificare l’azione lesiva né come un attacco deliberato né come una predazione”.

Pertanto, è tornato sull’argomento anche il deputato Francesco Emilio Borrelli, che ha così aggiunto:

“Sulla base di tale rilevazioni, il Governo deve intervenire sulla decisione presa dalla Giunta della Regione Trentino e richiedere che l’orsa, sulla quale si era scatenata una sete di vendetta peggio che si fosse trattato di un mafioso stragista, non sia abbattuta. Avevamo già chiarito come le aggressioni mortali degli orsi siano cosa ben rara, lo dicono i numeri. Ora però, si apre un altro scenario: sarebbe stato un orso maschio ad aggredire il runner e lo avrebbe fatto non per uccidere, ma per allontanare ‘l’invasore’. Siamo vicinissimi alla famiglia di Andrea Papi, anch’essa fin dal primo momento contraria all’abbattimento dell’orsa, ma bisogna agire in tutt’altro modo e dare agli animali i giusti spazi, che non siano invasi dall’uomo”.

Attualità

Campi Flegrei, Commissione Grandi Rischi: “Le scosse potrebbero aumentare da settimana prossima”

Pubblicato

il

“Nella giornata di ieri si è riunita la Commissione Grandi Rischi – Settore Rischio Vulcanico, che ha raccomandato di mantenere alta l’attenzione sulle attività di monitoraggio del vulcano e sulle misure di prevenzione e mitigazione del rischio. Sebbene non si riscontrino elementi che suggeriscano una migrazione del magma verso livelli più superficiali, l’analisi dei dati multi-parametrici evidenzia la prosecuzione dell’intensificazione del fenomeno bradisismico. L’inasprimento della crisi in atto richiede, dunque, verifiche frequenti dello stato del vulcano. La commissione evidenzia inoltre che l’attività sismica potrà proseguire o incrementarsi nelle prossime settimane. Allo stato attuale permane il livello di allerta gialla”.

A riportarlo è la Protezione Civile con una nota sul suo sito istituzionale.

Continua a leggere

Attualità

32 anni dalla strage di Capaci, Sergio Mattarella: “La mafia è destinata a finire”

Pubblicato

il

Come sostenevano Falcone e Borsellino, la Repubblica ha dimostrato che la mafia può essere sconfitta e che è destinata a finire. L’impegno nel combatterla non viene mai meno. I tentativi di inquinamento della società civile, le intimidazioni nei confronti degli operatori economici, sono sempre in agguato. La Giornata della legalità che si celebra vuole essere il segno di una responsabilità comune”.
Lo dice il capo dello Stato Sergio Mattarella in un messaggio nel 32° anniversario della strage di Capaci.

Continua a leggere

Attualità

Campi Flegrei, il ministro Musumeci: “Chi vive lì sapeva i rischi”

Pubblicato

il

Per la messa in sicurezza dei Campi Flegrei ci vorrano oltre 500 milioni di euro.
Le scuole avranno la priorità. Il Governo studia poi l’ipotesi di sostenere chi vuole trasferirsi altrove, escludendo il ricorso al sisma-bonus.
Lo ha riferito il ministro per la Protezione civile, Nello Musumeci, al termine del vertice a Palazzo Chigi presieduto dalla Premier Giorgia Meloni.

“Ma chi ha scelto di vivere lì – ha sottolineato Musumeci – sapeva che era un’area difficile. Serve una convivenza vigile col pericolo. Se decidi di stare in quel luogo ci devi aiutare a promuovere una convivenza responsabile con una maggiore consapevolezza”.

Continua a leggere

Popolari

Copyright © 2020 Minformo - Testata giornalistica reg. 20/2016 Tribunale Napoli Nord - Direttore Responsabile Mario Abenante - info@minformo.com - Privacy Policy